Che cos'è il lavoro ombra e dovrei farlo?

Salute E Benessere
lavoro d

Foto di Umberto Shaw da Pexels

Nuove parole d'ordine e frasi spuntano continuamente, alcune più intriganti di altre. Ma forse nessuno nella memoria recente è stato così intrigante come il concetto di lavoro ombra. Ti stai grattando la testa per lo sconcerto in questo momento? TBH, questa è probabilmente la risposta standard. Allora, cos'è il lavoro ombra? E dovresti farlo?

Tieni duro, sarà una corsa un po' sfrenata. Esplorare completamente questo concetto di psicologia dal leggendario psicologo analitico Carl Jung richiederebbe di entrare nei portali più profondi della psiche e, ehi, siamo tutti impegnati qui. In nome della brevità (e anche di un po' di sanità mentale... questo è più facile da comprendere nei capitoli), questo esplicativo ti porterà al passo con le basi del lavoro sulle ombre junghiane.



Dove è nata questa idea?

Shadow work deriva dal termine il sé ombra, coniato da il famoso psicologo del XX secolo Carl Jung . Nella psicologia junghiana, questo termine descrive le parti inconsce della personalità che il nostro ego cosciente non vuole identificare in sé. Ognuno porta un'ombra, e meno è incarnata nella vita cosciente dell'individuo, più è nera e densa, ha scritto Jung. In sostanza, il sé ombra è il lato più oscuro di noi stessi che reprimiamo o ignoriamo. Pensalo come una borsa invisibile che ti trascini dietro.

Allora, cos'è il lavoro ombra?

Era la supposizione di Jung che se non abbracciavi la totalità del tuo essere, non avresti potuto vivere una vita piena e libera. Finché non renderai l'inconscio, cosciente, dirigerà la tua vita, ha offerto, e tu lo chiamerai destino. Un'ombra può portare a convinzioni limitanti, che possono sfociare in ogni sorta di risultati indesiderati: autosabotaggio, comportamento distruttivo, rovina relazioni .

L'idea del lavoro sulle ombre, quindi, sta riconoscendo tutte le parti della psiche, portando effettivamente ciò che è oscuro alla luce. Non puoi avere equilibrio senza sia l'oscurità che la luce. Il lavoro con le ombre realizza una vita multiforme che incorpora il buono, il cattivo, il bello, il brutto, l'imbarazzante, l'incerto. Tutto!

Come fai il lavoro ombra su te stesso?

In piena divulgazione, potresti non credere ad alcuni dei lati più, ehm, sfumati del lavoro ombra (ne parleremo più in un minuto). Tuttavia, probabilmente puoi essere d'accordo sul fatto che tutti noi abbiamo cose che preferiamo tenere nascoste. Quindi, se il lavoro ombra come mezzo per elaborare quella repressione risuona con te, ci sono alcuni passi che puoi fare.

Affronta la tua ombra : In parole povere, questo assomiglia molto a esplorare l'intera ampiezza dei tuoi sentimenti. Per stanare la tua ombra, devi essere disposto ad appoggiarti a tutte le tue emozioni e accettare che anche quelle negative ti appartengano. Puoi affinare la tua maggiore consapevolezza delle emozioni ponendoti delle domande. Quando senti l'ondata di emozione, chiediti perché l'hai provata. Dai alla tua coscienza collettiva un minuto per rispondere. Imparare ad ascoltare te stesso - te stesso completo - ci vorrà tempo.

Vai alla radice : Un passo fondamentale nel lavoro sulle ombre è identificare la tua ombra. In altre parole, devi arrivare alla sua radice. Quali sentimenti sono emersi e hanno portato a questo blocco? Combatti con sentimenti di insicurezza? Sei preoccupato di non essere normale tra virgolette? Questo passaggio può essere comprensibilmente difficile.

più a lungo una donna è incinta

Sii gentile : C'è sempre il rischio che più scavi, più le cose diventeranno oscure. La tua inclinazione naturale potrebbe essere quella di incolpare te stesso per il tuo io ombra. Oppure, altrettanto problematico, incolpare gli altri per qualsiasi modello di comportamento negativo. Quindi, mentre ti muovi ulteriormente nel lavoro delle ombre, è fondamentale ricordare la gentilezza. Sii compassionevole con te stesso e gli altri. Se qualcosa si rivela particolarmente stimolante, non aver paura di chiedere aiuto.

Credi di valerne la pena : Affrontare le parti più oscure della tua psiche non sarà esattamente una passeggiata nel parco. Potresti (ok, quasi sicuramente lo troverai) trovare cose che non ti piacciono. Il viaggio potrebbe essere doloroso. Va bene. Ciò che è cruciale per te capire è che sei degno di tutto questo lavoro. Meriti di vivere come un essere intero, la somma di tutte le tue parti.

Il lavoro con le ombre è pericoloso?

Anche qui le cose potrebbero andare un po' - hmm, come lo diciamo? - paranormale per alcune persone. In alcuni campi, il sé ombra viene chiamato demone. L'idea è che qualunque parte di noi stessi rinneghiamo si rivolta contro di noi, manifestandosi come una sorta di entità paranormale. Quell'entità può operare da sola, a nostra insaputa, il che può portare a situazioni di cui finiamo per pentirci. È tutto molto Dr. Jekyll e Mr. Hyde... ma demoniaco.

Vale la pena provare?

Ascolta, anche se la roba del demone è troppo per te per avvolgere il tuo cervello, c'è un sacco di merito nel concetto di lavoro ombra. Scoprire le cose che si corrompono appena sotto la superficie può portare a guarigione . E la guarigione può portare alla completezza che, a sua volta, si traduce in cose come relazioni migliorate e una più chiara percezione di sé.

I devoti credenti nel lavoro delle ombre insistono persino sul fatto che può portare a una maggiore energia e a una rinnovata salute fisica. In realtà ha senso se ci pensi. Quando sei emotivamente sfruttato, può farti sentire esausto in ogni modo. L'argomento qui è che se non stai abbracciando il tuo sé pieno e autentico, stai vivendo in uno stato perpetuo di sovraestensione emotiva. Fatica costante!

modi carini per chiamare il tuo ragazzo

Quindi, certo, vale la pena provare il lavoro con le ombre. Puoi sempre lavorare con un esperto o semplicemente scegliere di fermarti se davvero non fa per te. Chi lo sa, però? Forse sbloccherai qualcosa dentro e scoprirai una fonte non sfruttata di energia fisica, emotiva e spirituale.

Cos'altro ha detto Carl Jung?

Come fondatore della psicologia analitica, Jung era noto per i suoi illuminanti pensieri sulla psiche umana. Le seguenti citazioni possono aiutarti a comprendere meglio te stesso.

Un uomo che non è passato per l'inferno delle sue passioni non le ha mai superate. Per quanto possiamo discernere, l'unico scopo dell'esistenza umana è accendere una luce nell'oscurità del mero essere. Tutto ciò che ci irrita degli altri può portarci a comprendere noi stessi.

Le tue visioni diventeranno chiare solo quando potrai guardare nel tuo cuore. Chi guarda fuori, sogna; chi guarda dentro si sveglia.

Non sono quello che mi è successo, sono quello che scelgo di diventare.

Conoscere la propria oscurità è il metodo migliore per affrontare l'oscurità delle altre persone.

Il privilegio di una vita è diventare chi sei veramente.

L'incontro di due personalità è come il contatto di due sostanze chimiche: se c'è una reazione, entrambe si trasformano.

Doveamoreregole, non c'è volontà di potere, e dove predomina il potere, manca l'amore. L'uno è l'ombra dell'altro.

Anche una vita felice non può essere senza una misura di oscurità, e la parola 'felice' perderebbe il suo significato se non fosse bilanciata dalla tristezza.

Niente ha un'influenza psicologica più forte sul loro ambiente e specialmente sui loro figli della vita non vissuta del genitore.

Non dovremmo pretendere di capire il mondo solo con l'intelletto; lo apprendiamo altrettanto sentendo. Pertanto, il giudizio dell'intelletto è, nel migliore dei casi, solo la metà della verità, e deve, se è onesto, giungere a comprendere anche la sua inadeguatezza.