Si prega di rispettare il fatto che non voglio visitatori dopo la consegna del mio bambino

Bambini
nessun visitatore

aluxum / Getty

Guardala indossare pantaloni sotto una camicia da notte, disse con una piccola risatina.

Non credo che tu gli stia cambiando il pannolino nel modo giusto - sembra pignolo, ha detto mentre mi spingeva via dal lettino.



tre ragazzi entrano in un bar scherzando

Ti stai addormentando di nuovo?

Che aspetto ha la cicatrice?

Dopo dando vita al mio primo figlio, queste sono state le dichiarazioni con cui sono stato accolto dai membri della famiglia. So che non significavano alcun danno, ma avevo sacrificato il mio desiderio personale di non avere visitatori che venissero a trovarmi in ospedale per essere gentile con le persone che volevano comunque essere lì.

messaggi strani da inviare alla tua cotta

Con riluttanza, ho sorriso e ho cercato di rimanere sveglia, ma ero esausta. Ero sotto ossicodone per controllare il dolore del mio cesareo , e con tutto il trauma di aver partorito mio figlio con due settimane di anticipo a causa dei livelli di ossigeno pericolosamente bassi, sorridere era l'ultima cosa a cui pensavo. Volevo mangiare, riposare e tenere in braccio il mio nuovo bambino, che non ho nemmeno potuto incontrare fino a quasi quattro ore dopo l'intervento.

Sì, ho perso la nascita del mio bambino perché dovevo essere sottoposta ad anestesia generale. Non solo, ma dovevo essere in sala operatoria da solo perché mio marito era a circa 800 miglia di distanza su una base della Marina degli Stati Uniti, cercando freneticamente di prenotare un volo per tornare a casa.

Allora, come mi sono sentito ad avere persone che venivano a trovarmi quando avevo espresso che volevo che questa fosse un'esperienza privata? Mi sentivo felice di poter essere abbastanza maturo da non causare problemi. Ma ero anche arrabbiato per aver subito un intervento chirurgico importante, tuttavia, i miei momenti di veglia dovevano essere passati a fingere che i commenti delle persone non fossero offensivi e che la loro presenza fosse una cosa piacevole.

Mi dispiace non sembro il più alla moda in questo momento, ma correre fuori di casa quando ho notato che stavo sanguinando non mi ha dato esattamente la possibilità di afferrare il mio abbigliamento più lusinghiero (nessuno dei quali esisteva per il mio 38- settimana di gravidanza in ogni caso). E forse sto impiegando qualche secondo in più di quanto dovresti cambiare questo pannolino, ma sono una mamma per la prima volta e in particolare non ho chiesto aiuto perché sto cercando di imparare. Sì, mi sto addormentando di nuovo a causa degli effetti collaterali delle mie forti medicine e, no, non ti sto mostrando la mia cicatrice. Riesco a malapena a trovare il coraggio di guardarlo da solo, quindi per favore tieni la faccia fuori dalle mie mutande.

Non sapevo che continuassi a sanguinare, anche se non partorisci un bambino in modo naturale. Questa, e altre cose nuove che sono successe al mio corpo, mi hanno fatto sentire estremamente a disagio sdraiato in un letto, senza reggiseno, cercando di essere un ospite per questi ospiti non invitati.

Sono una persona riservata; Divento ancora timido quando mio marito mi vede nudo e non vado dal ginecologo a meno che non penso che ci sia un tumore laggiù. Per me sedermi tranquillamente sul mio pannolino da adulto e cercare di portare avanti una normale conversazione è stato molto impegnativo e imbarazzante, anche se gli altri non sono d'accordo. Avrei preferito stare da solo con il mio bambino.

quando un bambino può rotolare?

Invece di avere l'opportunità di costruire il legame speciale con il mio neonato, ho dovuto condividerlo con la famiglia allargata, oltre agli infermieri, agli specialisti e ai medici che venivano di tanto in tanto a controllarci. Non è che non fossi grata che mio figlio fosse così amato (o che non apprezzassi gli abbracci, il cibo da asporto e le cose che mi portavano da casa). È che volevo recuperare e recuperare il tempo che avevo perso con il mio bambino appena nato (tra il suo periodo di terapia intensiva neonatale e il mio recupero).

Quando finalmente è arrivato il volo di mio marito, volevo anche poter trascorrere del tempo da sola come famiglia. E questo era possibile solo nelle prime ore del mattino, dopo che i visitatori avevano smesso di attraversare la mia porta e le infermiere avevano completato il loro giro. Sfortunatamente, questa era anche la stessa ora in cui io e mio marito dovevamo cercare di dormire. È stato un viaggio emozionante, estenuante.

Avanti veloce fino ad ora, e stiamo aspettando il nostro secondo figlio.

Negli ultimi mesi, io e mio marito abbiamo avuto questa discussione numerose volte. Cosa facciamo con i visitatori con il bambino numero 2? Personalmente, non voglio visitatori. Ho cercato di essere gentile l'ultima volta permettendo alle persone di vedermi dopo il parto e, come previsto, non mi sentivo a mio agio.

Mio marito, la cui famiglia vive in zona, sta cercando di combattermi su questo, perché pensa che i suoi genitori si offenderanno se non saranno invitati in ospedale, poco dopo la nascita. Anche se capisco che non vuole ferire i loro sentimenti, questo mi riporta al punto in cui ero prima del mio ultimo taglio cesareo: faccio una lista VIP di persone che possono farmi visita e chiedere all'ospedale di scacciare gli altri via, o lascio semplicemente venire qualcuno per evitare le conseguenti lamentele che sicuramente riceverò?

Siamo giunti alla conclusione che i miei sentimenti contano di più. Non possiamo accontentare tutti, e non dovremmo nemmeno aspettarcelo. Com'è che sono qui a sottolineare come evitare i drammi familiari durante la mia gravidanza? La nostra attenzione non dovrebbe riguardare la felicità degli altri.

Se non voglio vedere nessuno dopo la nascita del mio bambino, allora le persone dovranno affrontarlo. Ho diritto alla privacy anche se non sto allattando (che sembrava essere l'unica volta in cui mi è stato 'permesso' di chiedere alle persone di lasciare la mia stanza con il mio parto precedente) e il diritto di scegliere il mio comfort rispetto a quello di qualcun altro. Le mamme raramente diventano egoiste, ma questo sembra un momento importante per tracciare il confine e centrare i miei sentimenti.

non innamorato più del coniuge

Abbiamo in programma di chiedere al personale dell'ospedale di non consentire i visitatori. Se qualcuno ha un problema con questo, dovrà capire come superarlo, perché cercare di dettare ciò che una donna può richiedere – o limitare – in termini di compagnia dopo la nascita di suo figlio non è un comportamento educato. E se non possono essere rispettosi dei miei bisogni e di quelli della mia famiglia durante questo periodo speciale, non dovrei preoccuparmi nemmeno di come si sentono.

Personale ospedaliero, per favore chiuda la porta. Non sono ammessi visitatori.