10 cose che dovresti sapere sui bambini

Bambini
avere un bambino

Shutterstock

Quando ero incinta del mio primo figlio, dieci anni e un milione di notti insonni fa, ho affrontato la gravidanza nello stesso modo in cui avevo fatto i miei corsi universitari: leggendo tutto ciò su cui riuscivo a mettere le mani, studiando appunti, frequentando le lezioni e entrare in bacheche. Sono sempre stata un'ottima studentessa - e sicuramente una persona che ha superato le aspettative - e ora avevo intenzione di ottenere un A-plus in Motherhood 101.

Ho frequentato diligentemente le mie lezioni di parto, ho visitato l'ospedale e ho trascinato mio marito alla lezione di preparazione all'allattamento al seno. Ho lavato tutti i body e gli abiti in detersivo ipoallergenico, senza coloranti e senza profumo . Ho praticato i miei kegel.



qual è il significato di tyler?

Poi, ho avuto un bambino.

E, come le donne dopo il parto ovunque, mi sono ritrovata nel mio letto, fluidi corporei che trasudavano da lontano e da vicino, punti di sutura in posti che non sapevo di avere, i miei seni che crescevano a un ritmo esponenziale e allarmante, i miei ormoni che crollavano intorno a me, e tutto quello che riuscivo a pensare era: Nessuno me ne ha parlato. Non c'era nessun capitolo che dicesse qualcosa su Questo !

Perché nessuno me l'ha detto?

La risposta è semplice: perché non volevo sentirlo. La verità è che quando ero incinta volevo solo parlare di gravidanza e parto e passeggini e pannolini. Nessuno mi ha detto che la nascita era solo, letteralmente, l'inizio. Non posso incolpare una cospirazione universale della maternità, però; non avrei ascoltato.

Ecco dieci cose che vorrei che qualcuno mi avesse detto - e vorrei aver sentito:

1. La prima volta che vedi o tieni in braccio il tuo bambino, potresti non sentire i cori degli angeli in lontananza. Potresti avere un dottore ancora a metà del tuo corpo che ti cuce, o un'infermiera che ti pompa lo stomaco per aiutarti a liberare la placenta. Potresti soffrire molto. Potresti essere più esausto di quanto non lo sia mai stato in tutta la tua vita. Va bene se non ascolti gli angeli. Ci sarà tempo per trascorrere quei momenti magici con il tuo nuovo bambino.

2. Dopo il parto, il tuo primo viaggio in bagno sarà un evento. Non essere imbarazzato nel lasciare che qualcuno ti aiuti lì; non rischiare di svenire da solo. Preparati che questo sia solo l'inizio della tua perdita di dignità di madre. Dopotutto, avrai anni davanti a te durante i quali non potrai visitare il vasino da solo. Tanto vale iniziare adesso.

3. L'allattamento al seno è difficile. Ci vuole un po' di tempo per abituarsi alle prese e trovare quella che funziona meglio per te e per il tuo neonato che probabilmente urla istericamente. Che tu lo stia facendo bene o no, l'allattamento al seno fa male all'inizio. A volte molto. I miei capezzoli si sono incrinati e sanguinavano con il mio primo bambino. Congestione era spaventoso ed estremamente scomodo. I miei seni irradiavano calore e pulsavano effettivamente. Ma il mio consulente per l'allattamento era il mio cavaliere con un'armatura scintillante rivestita di lanolina e, dopo le prime due settimane, l'allattamento al seno è diventato più comodo e molto più gestibile. Inoltre: se l'allattamento al seno non fa per te o se semplicemente non funziona, va - DAVVERO - bene. Alla fine, il modo in cui nutri il tuo bambino è irrilevante rispetto al modo in cui lo ami.

4. Il tuo quarto giorno dopo il parto, molto probabilmente piangerai. Un sacco. Questo di solito è quando i tuoi ormoni crollano. Questo è il giorno in cui sarai certo che la tua vita è finita, che il tuo partner è un idiota e che non puoi fare nulla di giusto. Piangerai solo perché. Sei autorizzato. (MA - se continui a piangere e continui a sentirti giù, cerca aiuto subito.)

migliori piastrelle backsplash sbucciare e incollare

5. Se possibile, non indossare vestiti veri per almeno due settimane . Una volta che ti sei tolto il pigiama, le persone iniziano ad aspettarsi che tu sia competente. Indossa un pigiama pulito e fresco se devi, ma rimani in pigiama a meno che tu non voglia cucinare, pulire e intrattenere i visitatori insieme al sanguinamento, al trasudamento, alle perdite e alla cura di un'altra parte della vita umana delle prime due settimane.

6. I bambini non dormono sempre. Questo non è il risultato di qualcosa che hai fatto perché sei già un fallimento come genitore. Questi stessi bambini, alla fine, dormiranno. Promettere. Non puoi rovinarli per tutta la vita. Altri genitori ti diranno che i loro bambini stanno dormendo. Ti prometto che stanno a) allungando la verità, b) definendo il sonno in modo diverso da te, c) ancora a causa di interruzioni del sonno, o d) mentire a vuoto. Affronterai di nuovo queste stesse versioni alternative delle realtà genitoriali quando parlerai con altri genitori dell'addestramento al vasino e della lettura più avanti. Seriamente, i bambini sono diversi dagli adulti. Alcuni dormono meglio di altri. Ma tutti lottano a volte. Il tuo bambino prima o poi dormirà.

dove fare sesso da adolescente

7. Non permettere a nessuno di farti pensare che non conosci meglio il tuo bambino e non permettere a nessuno di farti pensare che non stai facendo un buon lavoro. Non esiste un modo giusto per essere genitori e ce ne sono molti modi per essere un buon genitore. Correlati: non devi fare quello che hanno fatto tua madre, suocera o nonna. Ascoltare il tuo Bene.

8. Trova supporto: gruppi di quartiere, gruppi per l'allattamento al seno, gruppi di neomamme ospedaliere, qualunque cosa tu possa trovare. Il networking con altre neomamme può essere un'ancora di salvezza cruciale, anche se torni al lavoro dopo il congedo di maternità. Avere un neonato è come andare al college per la prima volta: devi trovare altre matricole principianti in modo da poter essere all'oscuro tutti insieme.

9. Non essere un martire. I bambini non visitano i martiri per le vacanze quando crescono. Assumi qualcuno o supplica i tuoi amici di venire a tenere il bambino mentre fai la doccia e a volte fai un pisolino. Non è facile adattarsi all'essere una mamma. Un giorno sei una persona che si prende cura di te stessa; il giorno dopo, non puoi abbottonarti la camicia. Non aver paura di dire, questo è difficile, o questo fa schifo! È difficile e a volte fa schifo. Ciò non significa che non sei grato al 110% per la benedizione di un bambino o completamente innamorato di tuo figlio.

10. Scatta molte foto (e inseriscile), perché non te ne ricorderai molto in seguito. Fidati di me.

Più di ogni altra cosa, vorrei che qualcuno mi avesse detto questo: il primo anno in cui sei stata madre per la prima volta non è come niente che tu possa mai sperimentare di nuovo, non importa quanti figli hai. Ogni giorno è un miracolo. Ogni giorno è un viaggio. Ogni giorno potrebbe sembrare che duri 100 ore. Ci sono luci alla fine di ogni tunnel, ma non lo saprai. Non ti sentirai mai più come se stessi ottenendo un A-plus. Sarai cambiato per sempre. Ad un certo punto, ti renderai conto che nessuno te l'ha mai detto perché alcune cose le devi sperimentare da solo. Non c'è nessun libro o lezione o anche vecchietta nel negozio di alimentari che possa dirtelo cosa a veramente aspetta quando ti aspetti .

Post correlato:26 motivi per cui ho pianto da quando ho avuto un bambino