Chiedi a Scary Mommy: Odio fottutamente il marito della mia migliore amica

Chiedi A Mamma Spaventosa
chiedi-spaventoso-mamma-odio-amici-marito

Mamma spaventosa e Flashpop/Getty

Chiedi a mamma spaventosa è la rubrica di consigli di Scary Mommy, in cui il nostro team di esperti risponde a tutte le domande che hai sulla vita, l'amore, l'immagine corporea, gli amici, i genitori e qualsiasi altra cosa che ti confonde.

Questa settimana: cosa fai quando senti che le scelte di vita di tuo fratello sono totalmente fuori dai binari? Hai la tua domanda? E-mail[email protetta]

Cara mamma spaventosa,



Amo il mio migliore amico. Fa parte della mia vita e della mia famiglia da quasi 20 anni. Vive abbastanza vicino a me che ci riuniamo regolarmente con le nostre famiglie e parliamo ogni giorno. Lei significa il mondo per me. Ma è sposata con uno stronzo. Suo marito è un coglione emotivamente manipolatore che l'ha fondamentalmente condizionata a pensare che è egoista se fa qualcosa per se stessa o non è costantemente a casa. Nel corso degli anni ho provato a pianificare fughe per il fine settimana solo per lei e per me, e lei si salva sempre, a causa sua. Quando siamo tutti insieme, domina la conversazione e la esclude totalmente dall'unirsi. Non si offre mai di aiutare a ripulire, non soddisfa nessuno dei bisogni primari dei loro figli (nutrirli, lavarli, comprargli i vestiti). È una SAHM e lui lo usa come ragionamento per essere un genitore sul sedile posteriore. Se io e lei abbiamo una rara giornata trascorsa a fare shopping insieme o a farci le unghie (questo accade forse due volte l'anno), lui le fa saltare in aria il telefono per tutto il tempo e le rovina totalmente l'esperienza. Si è aperta con me riguardo alle sue frustrazioni con lui, ma dice che non lo lascerebbe mai perché non ha nulla su cui ripiegare ed è anche una figlia adulta di due genitori divorziati: non vuole che i suoi figli debbano affrontare anche quello. Come posso aiutarla? È oltremodo frustrante vederla essere così isolata e controllata tutto il tempo.

Oddio. È così difficile, per entrambi, e mi dispiace così tanto. Non sei nel loro matrimonio, ovviamente, ma ne sei sicuramente influenzato. Sono sicuro che non sei nemmeno l'unico. Questo è un posto così difficile in cui trovarsi, dover guardare qualcuno che ami così tanto vivere una vita che chiaramente non è ciò che si merita.

Sembra che ti abbia confidato i suoi problemi matrimoniali (come fanno i migliori amici) e che tu abbia persino discusso della possibilità che lo lasci. Quindi, anche se non penso che tu possa farle pressioni affinché lo faccia, puoi sicuramente continuare a farle sapere che sei uno spazio sicuro in cui sfogarsi. Penso anche che vada bene se le chiedessi della possibilità di consulenza, sia di coppia che di terapia individuale per se stessa. A volte, quando siamo nel bel mezzo di questo, è difficile vedere una via d'uscita o almeno un modo per affrontare i nostri problemi. Una prospettiva esterna può portare un tipo di chiarezza che le persone che sono strettamente legate alla situazione non possono. E mentre averti nel suo angolo è un modo meraviglioso per mostrarle che ha un sistema di supporto, non può essere solo su di te sopportare quel peso, per il tuo bene e per il bene della tua amicizia.

Presumo che abbia cercato di chiarire i suoi sentimenti a suo marito inutilmente. Spero disperatamente che sia disposto a esplorare la dinamica della loro relazione nella consulenza di coppia, ma se non lo è (come in genere gli uomini prepotenti e violenti non lo sono), spero disperatamente che riesca a trovare un modo per se stessa. È qui che puoi entrare: offri di guardare i suoi figli per quell'ora mentre è in terapia, di persona o virtualmente.

Più a lungo qualcuno rimane in una relazione tossica, più difficile è vedere una via d'uscita (o almeno sentirsi come se ci fossero soluzioni sotto il tuo controllo). Tutto quello che puoi fare è continuare ad essere lì per lei, continuare a cercare di portarla fuori di casa e convalidare i suoi sentimenti quando si apre con te. Suggeriscile gentilmente la terapia come un modo per riguadagnare un po' di fiducia e controllo: è un'ora solo per lei e i suoi sentimenti. Sei una buona amica e, sebbene non possa spettare solo a te aiutarla (hai la tua famiglia e i tuoi bisogni), il fatto che abbia qualcuno nel suo angolo è vitale. Buona fortuna a entrambi. Spero davvero che le cose cambino per il tuo amico.