celebs-networth.com

Moglie, Marito, Famiglia, Stato, Wikipedia

Possiamo tutti calmarci riguardo al tempo trascorso davanti allo schermo dei nostri figli, anche gli esperti sono d'accordo

Genitorialità
Ragazzo con tavoletta digitale su un divano in soggiorno

Scary Mommy e Daniela Jovanovska-Hristovska/ Wavebreakmedia/ ilkercelik/Getty

Se ti sei mai sentito in colpa per la quantità di tempo che tuo figlio trascorre sugli schermi, sai che non sei solo. A volte sembra che le regole del tempo davanti allo schermo costituiscano la maggior parte delle decisioni genitoriali quotidiane. Mamma... posso guardare YouTube? Posso giocare a Roblox? Posso giocare a Minecraft? Voglio guardare TikTok! E l'ultima cosa di cui i genitori hanno bisogno sono tutti i guru genitoriali che ci dicono quanto siamo terribili e come il tempo sullo schermo sta marcendo la mente dei nostri figli.

ricetta spray antipulci doterra

La pandemia sembrava davvero far cadere le persone dal loro cavallo alto quando si tratta del tempo sullo schermo perché ha costretto molte famiglie ad allentare le regole ed essere più flessibili. Perché francamente, quei dannati dispositivi sono davvero utili quando si tratta di genitori che fanno le cose (come guadagnare uno stipendio per tenere le luci accese) senza prestare la loro totale attenzione ai loro figli. Anche i guru genitoriali stanno finalmente ammettendo la verità sul tempo davanti allo schermo: no, non sta creando danni cerebrali permanenti e le regole assolute non sono pratiche nel mondo dei genitori di oggi.

In un Articolo di Mother Jones , Psicologo dell'Università di Cambridge Amy Orben riconosce che l'intero viaggio del senso di colpa sullo schermo è in realtà basato su una scienza traballante. Ammette che molti studi sugli effetti negativi sulla salute mentale del tempo davanti allo schermo si basano su ricordi incerti di quanto tempo passano davanti allo schermo i bambini. Condivide che gli esperti le hanno detto che, a causa dell'incredibile complessità del processo cognitivo, anche gli studi che utilizzano l'imaging cerebrale sono vaghi e imprecisi.

Probabilmente non ti sorprenderà che il panico per l'esposizione dei bambini alle nuove tecnologie non sia niente di nuovo. Orben ha condiviso che i filosofi dell'antica Grecia affermavano che l'atto di scrivere avrebbe reso i giovani più ribelli. I genitori del diciottesimo secolo temevano che i loro figli potessero diventare dipendenti dalla lettura. E una rivista sull'educazione dei bambini degli anni '40, quando si rivolgeva ai bambini che ascoltavano la radio, affermava: Entra nelle nostre stesse case e cattura i nostri figli davanti ai nostri occhi.

Dott.ssa Colleen Russo Johnson , esperta di sviluppo del bambino, mamma e co-fondatrice di a società di media e tecnologia per bambini , condiviso con il New York Times , La ricerca sullo sviluppo del bambino non avverrà mai alla velocità della tecnologia. E per impostazione predefinita, prenderemo decisioni basate sulla paura... Così tante persone adotteranno l'approccio, se non lo sappiamo per certo, allora è un male e dovremmo evitarlo. Il Dr. Russo Johnson ha inoltre affermato: Dobbiamo smettere di considerare questo come un problema in bianco e nero. Non vuoi che i tuoi figli siano sempre incollati agli schermi. Questo è il buon senso, ha condiviso. Ma queste cose non sono malvagie. C'è molta varietà e tutto non è uguale.

Alcuni esperti di genitorialità stanno sottolineando che una posizione anti-schermo è una prospettiva molto privilegiata da assumere. La verità è che per molti genitori il tempo passato davanti allo schermo è il modo più sicuro per occupare i propri figli mentre cercano di conciliare lavoro e altre responsabilità. E, di sicuro, la pandemia l'ha resa una realtà per così tanti genitori – e quella realtà è stata un po' uno schiaffo in faccia.

Anya Kamenetz, esperta di genitorialità e blogger di educazione, si è effettivamente scusata per tale posizione in un articolo per il New York Times. Ha detto, voglio approfittare di questo momento per scusarmi con chiunque abbia affrontato vincoli simili prima della pandemia e si sia sentito giudicato o vergognoso dall'implicazione mia o di chiunque altro che non erano buoni genitori perché non stavano rafforzando con successo un sano equilibrio con schermi, per se stessi o per i propri figli. Era un grosso mazzetto di privilegio che suonava il clacson.

Psicologo infantile Michele Ricco , che gestisce il Laboratorio di Benessere Digitale al Boston Children's Hospital condiviso con Madre Jones , Gli schermi non sono intrinsecamente tossici. Sono neutri. È quello che facciamo con loro che conta. E il dottor Russo Johnson è d'accordo e incoraggia i genitori a trovare una via di mezzo più felice chiedendo: in che modo questo particolare dispositivo o schermo, tecnologia o funzionalità migliora o sminuisce l'esperienza?

Kamenez spiega: 'Quello che ho capito con chiarezza in questi tempi bui e ansiosi è che molti dei nostri problemi con la tecnologia non derivano dagli schermi a cui sono incollati i nostri figli, ma dall'interruzione e dall'alienazione che si insinua nel nostro proprie relazioni con noi stessi e con gli altri. Orben suggerisce che l'antidoto è la connessione. Spiega, puoi litigare con i tuoi figli per troppo tempo davanti allo schermo. Oppure puoi sbaciucchiarti accanto a loro sul divano e chiedere: 'Posso abbracciarmi?'

Ora, nessuno sta dicendo di togliere i dispositivi e dare ai tuoi bambini un accesso illimitato al tempo sullo schermo. Se non presti attenzione a ciò che i tuoi figli fanno online o per quanto tempo stanno sullo schermo, troveranno alcuni brutti angoli di Internet. Ma non devi più picchiarti ogni volta che consegni un dispositivo a tuo figlio in modo da poter fare alcune cose sulla tua lunghissima lista di cose da fare.

Condividi Con I Tuoi Amici:

marca di pannolini più economica