celebs-networth.com

Moglie, Marito, Famiglia, Stato, Wikipedia

Nessuno mi ha mai detto che odierei mio marito

Maternità
odio mio marito

135 pixel / Shutterstock

Pochi mesi dopo aver avuto il nostro primo figlio, ho pensato a mio marito: ho fatto un errore? Ho sbagliato a sposarlo? Sembrava che tutto ciò che faceva rientrasse in due categorie: fastidioso o veramente fastidioso. In poche parole: lo odiavo.

Quando ha parcheggiato in un posto troppo piccolo per il nostro grosso e goffo minivan, rendendo la mia uscita dall'auto con il seggiolino del bambino dannatamente quasi impossibile, ero infastidito. Quando dopo una pausa di 20 minuti da un'ora e mezza di allattamento al seno mi presentava il bambino e diceva, penso che abbia di nuovo fame, ero veramente infastidito. Dalle la tua tetta allora! Volevo, e forse l'ho fatto, urlare. Quando dormiva pacificamente per tutta la notte con la bocca spalancata, russando tra i pianti e le poppate senza nemmeno un segno di vita, io lo odiavo proprio come lo odiavo-volevo-chiudergli-il-naso-chiuso. Sono consapevole che alcune di queste cose non erano colpa sua; diamine, molti di loro erano persino cose illogiche da cui essere infastiditi, ma a quel tempo avrei potuto fare un caso giudiziario per omicidio usando quelle prove.



Con il mio solido fastidio per tutto ciò che ha fatto, è stato anche il suo solido fastidio per me. Ha reagito in modo più sensibile a tutto ciò che ho detto. Se ho cercato di alleggerire l'atmosfera con una battuta, è stata presa nel modo sbagliato e, di solito, come un attacco. Le stesse battute che avevo fatto prima di avere un bambino ora erano un invito di un cobra a rispondere. Tutto era sotto esame. Dove abbiamo sbagliato?

può elfo sullo scaffale avere bambini?

Non capiva da dove venissi, né poteva. È tornato alla normale vita lavorativa con adulti normali, e io ero a casa cercando di capire come mantenere in vita una nuova forma di vita mentre cercavo di dedicare qualche minuto a me stesso. Non riusciva a capire che il lusso di una doccia non stava solo nella praticità di pulirsi (anche se ne avevo bisogno anche io); era anche un ritiro termale di 15 minuti dove potevo stare da solo. Quindi, quando interrompeva la mia doccia per chiedere se poteva fare pipì, minacciavo la sua vita e mi chiedevo come avrei potuto sposare questo ragazzo.

A quanto pare, la gente mi ha detto molto sull'avere un bambino: Sarai esausto. I tuoi capelli cadranno e così via , ma nessuno ha mai accennato alla possibilità di odiare mio marito. Nessuno mi ha detto che avrei potuto benissimo volergli spaccare la faccia con una padella, Guerra delle rose stile. Quindi, lascia che te lo dica ora: potresti odiare tuo marito. Potrebbe succedere a te e al tuo partner, non importa quanto tu sia felice ora, perché non si tratta di quanto sia solido il tuo matrimonio prima di un bambino, ma di cosa succede dopo. Questa è la nostra storia, ma potrebbe essere la tua. Potrebbe essere di chiunque.

Tutte quelle cose che la gente mi diceva erano assolutamente vere. Ero così stanco che alcuni giorni mi sono dimenticato se mi ero fatto la doccia, o forse ero così stanco che non me ne importava. E poiché non mi ero lavata o vestita, ho iniziato a sentirmi male con me stessa. Non uscivo molto di casa, e quando lo facevo, era per fare cose piuttosto banali. La prima volta che ho lasciato il mio appartamento, mi sono sentito come un Gremlin alla luce del sole, stranamente nudo e come se non appartenessi. Non ho visto molte persone vere e adulte, quindi non avevo fidanzate che mi dicessero che stavo benissimo o che stavo bene. Probabilmente me l'ha detto mio marito, ma come la maggior parte delle donne sa, sentirlo da tuo marito non conta tanto quanto sentirlo da altre donne. I miei ormoni si stavano ancora scatenando nel mio corpo, come a un concerto di Prince negli anni '80, e invece di tutto il mio amore e le mie attenzioni per mio marito, ora era tutto per il nostro bambino. Mi sentivo così emotivamente carico tutto il tempo; la detonazione era semplicemente un gioco di attesa quotidiano.

Quindi, ora che eravamo entrambi terribilmente stanchi, ora che non mi ero lavata o vestita e mi sentivo malissimo con me stesso, ora che le mie emozioni erano sull'orlo del grave rischio di attacco terroristico, ora che il bambino aveva sostituito mio marito con tutta la mia attenzione e sicuramente tutta la mia pazienza, ora che non avevo lasciato la casa o visto persone oltre a mio marito (rendendolo il mio unico collegamento adulto con il mondo esterno), ora che era l'unica persona reale che sapeva tutto quello che stavo passando (rendendolo sia il mio migliore amico che il mio nemico), lo odiavo. Perché chi altro avrei odiato? Non c'era nessun altro in giro.

E poi, un giorno, non c'era più. La tempesta emotiva era passata e stavo iniziando a vedere il nuovo paesaggio che si stava stabilizzando al suo posto. Avevo messo in dubbio il mio matrimonio per settimane, forse mesi, e poi un giorno non l'ho fatto. Ho smesso di volergli spaccare la faccia con una padella o di chiudergli il naso quando dormiva perché non si trattava di lui o del nostro matrimonio. Non lo è mai stato. Si trattava di una nuova versione di noi, una versione con una dinamica diversa che doveva includere una nuova vita. Ci stavamo ridefinendo come persone, quindi ovviamente questo significava ridefinire chi eravamo come coppia. Stavamo rimodellando il nostro rapporto, e con ogni rimodellamento arriva un sacco di disordine, un abbattimento, uno strappo, un martellamento, un disastro, un disastro sanguinoso.

I miei pensieri sull'omicidio e sul divorzio e sul comportamento di Kathleen Turner non riflettevano la nostra relazione, facevano parte di ciò che accade quando due si trasformano in tre, quando una coppia diventa una famiglia e deve affrontare una relazione completamente nuova che non è mai esistita ma che esisterà da questo momento in poi.

Se ti è piaciuto questo articolo, vai a mettere mi piace alla nostra nuova pagina Facebook, È personale , uno spazio all-inclusive per discutere di matrimonio, divorzio, sesso, appuntamenti e amicizia.