celebs-networth.com

Moglie, Marito, Famiglia, Stato, Wikipedia

Usare i 4 pilastri dello yoga per portare più calma e significato nella tua vita

Percorso Yogico

Se stai cercando di portare più calma e significato nella tua vita, non guardare oltre i 4 pilastri dello yoga. I 4 pilastri dello yoga sono una serie di linee guida che possono aiutarti a vivere una vita più pacifica e appagante. Seguendo i 4 pilastri dello yoga, puoi imparare a lasciar andare ciò che ti trattiene e concentrarti su ciò che è veramente importante.

Aggiornato il 18 ottobre 2020 8 minuto letto

Lo yoga ti permette di trovare una pace interiore che non è turbata e irritata dagli infiniti stress della vita.

– BKS Iyengar, insegnante di yoga e autore di 'Light on Yoga'

Stress, responsabilità e richieste sono una parte normale e naturale della vita.

Non puoi controllare molte cose nel tuo ambiente esterno, ma puoi sicuramente controllare ciò che accade nel tuo ambiente interiore.

Ogni giorno puoi decidere come dirigere e impiegare i tuoi pensieri, emozioni, azioni, percezioni e scelte.

Le tue scelte possono renderti più forte e più resiliente di fronte alle sfide, ai cambiamenti dell'ultimo minuto e agli imprevisti della vita... Oppure... possono aumentare i tuoi livelli di stress.

Per migliaia di anni, l'antico Sentiero Yogico ha offerto strategie e soluzioni testate nel tempo per avvicinarsi alla vita.

Questo percorso yogico ha ancora molto da offrirci oggi, anche se stai appena iniziando la tua pratica yoga o stai semplicemente frequentando lezioni di yoga presso il tuo studio locale.

Questa è la bellezza dello Yoga, ha così tanto da offrirti, non importa dove ti trovi nel tuo viaggio.

Le posture yoga (asana) sono solitamente la porta o il punto di ingresso per la maggior parte di noi.

Poi scopriamo un intero altro mondo di aspetti dello Yoga di cui non sapevamo nulla.

Osservando, applicando e vivendo le informazioni contenute nei 4 Pilastri dello Yoga (ovvero i 4 percorsi dello yoga), non solo approfondiremo e arricchiremo la nostra pratica (sadhana), ma saremo anche meglio attrezzati e preparati a svolgere efficacemente affrontare qualsiasi cosa ci capiti...

Cos'è veramente lo Yoga

La parola 'yoga' in sanscrito (noto come il linguaggio filosofico dell'induismo e del buddismo) deriva dalla radice'brocca'che significa letteralmente'aggiogare'(allegare).

Yoga significa unione.

Praticare il vero yoga significa muoversi verso ilunificazione della tua mente, emozioni, corpo ed energia.

Un vero yogi non è uno che può stare sulla testa o trasformare il proprio corpo in un pretzel, ma piuttosto uno che va verso l'interno per trasformarsi dall'interno verso l'esterno padroneggiando il proprio ambiente interno.

È padroneggiando l'ambiente interno che possiamo manovrare con successo ed efficienza attraverso il terreno accidentato dell'ambiente esterno.

Padroneggiare noi stessi significa unificare tutti i nostri strati: quelli mentali, emotivi, fisici ed energetici.

Quando percepiamo che stiamo gestendo la vita in modo efficiente, ci sentiamo inevitabilmente più calmi e più determinati.

Sentirsi più apposta porta a più significato nella vita.

La felicità va e viene come le onde dell'oceano; ciò che viene portato attraverso questi alti e bassi è quanto percepiamo significativa la nostra vita e quanto ci sentiamo soddisfatti dalle nostre esperienze.

Ostacoli a una vita calma e significativa

L'ignoranza, l'egoismo, l'attaccamento, l'odio e l'attaccamento alla vita corporea sono i cinque ostacoli.

– Al II, Sutra 3, Gli Yoga Sutra di Patanjali

Nella filosofia yogica, ci sono 5 ostacoli principali che possono ostacolare il nostro vivere una vita calma e significativa.

Si chiamano klesha.

Questi 5 ostacoli ci impediscono di sperimentare l'Unione del Sé.

Essi, quindi, ci impediscono di trascendere noi stessi.

I 5 ostacoli sono:

    Ignoranza– delusione, velare dalla verità, dimenticare la vera natura della realtà, non vedere entrambi i lati delle cose. Egoismo– egoismo, egocentrismo ad esclusione degli altri, me, me stesso e io. Attaccamento– aggrapparsi a cose e persone, avere aspettative, piacere, desiderio e dipendenze.
  1. Detestare– odio, avversione o repulsione verso qualcosa o qualcuno, antipatia, allontanamento.
  2. Aggrapparsi alla vita corporea– paura della morte, percezione della perdita.

Questi 5 ostacoli si accumulano l'uno sull'altro.

Nel suo libro:Gli Yoga Sutra di Patanjali: commento ai Raja Yoga Sutra, Swami Satchidananda spiega:

Ignoranza, egoismo, attaccamento, odio e attaccamento alla vita corporea sono i cinque ostacoli...

Anche l'ordine è significativo: a causa dell'ignoranza del Sé, viene l'egoismo.

A causa dell'egoismo, c'è un attaccamento alle cose per il piacere egoistico dell'ego.

Perché a volte le cose a cui siamo attaccati non arrivano o ci vengono tolte,

entra in gioco l'odio per chi si mette sulla nostra strada.

E, infine, poiché siamo attaccati alle cose e abbiamo paura della morte, c'è attaccamento alla vita nel corpo.

Questi 5 ostacoli sono un evento comune dell'esperienza umana e li incontriamo tutti allo stesso modo.

Invece di fare pressioni su te stesso per pensare che devi mirare all'eliminazione di questi ostacoli, pensa a loro come a uno strumento che ti aiuti a praticare e vivere i 4 pilastri dello Yoga.

Mirare alla completa rimozione di queste cose non è realistico per la maggior parte di noi, quindi non preoccuparti nemmeno di farti impazzire provandoci.

Invece, inizia a notare e catturare te stesso nel momento in cui ti imbatti in uno di questi klesha.

Osservati mentre interagisci con l'ostacolo da un luogo neutrale e non giudicante.

Ogni volta che prendi coscienza di essere alle prese con un ostacolo, sappi che è un feedback che ti implora di guardare qualcosa dentro di te che non hai ancora portato alla luce.

Più lo fai, più consapevole diventerai e meno sofferenza e attrito sperimenterai.

I 4 pilastri dello Yoga

Le nozioni più popolari dello yoga prevedono l'andare in studio, tirare fuori il tappetino e muovere il corpo secondo specifiche posture e flussi fisici.

Ma in realtà, questa è solo una piccolissima parte del vero quadro completo dello yoga.

I 4 pilastri ci offrono modi alternativi per praticare lo yoga nella nostra vita quotidiana senza bisogno di un tappetino o di uno studio.

I 4 Pilastri sono costituiti da:

LO YOGA DELLA MENTE – Raja Yoga

LO YOGA DI AZIONE ED EFFETTO – Karma Yoga

LO YOGA DELLA DEVOZIONE E DELL'AMORE – Bhakti Yoga

LO YOGA DELLA CONOSCENZA E DELLA SAGGEZZA – Jnana Yoga

Discutiamo ciascuno.

1. Re dello Yoga

Lo yoga fisico, o Hatha yoga, è stato progettato principalmente per facilitare la vera pratica dello Yoga, vale a dire la comprensione e la completa padronanza della mente.

Quindi il vero significato dello Yoga è la scienza della mente.

Tradizionalmente, la parola Yoga da sola si riferisce al Raja Yoga, la scienza mentale...

Il suo scopo ultimo è quello di realizzare acompleta metamorfosi dell'individuochi lo pratica sinceramente.

Vidya Vonne, insegnante di yoga e scrittrice

Il Raja Yoga è chiamato 'Royal Yoga' perché è considerato la più alta forma di pratica yogica.

'Raja' significa re.

Come un re regna sul suo regno, il Raja Yoga ci insegna come anche noi possiamo regnare sul nostro regno interiore: la nostra mente, le emozioni, il corpo e l'energia.

Raja Yoga è spesso indicato come' yoga mentale 'perché l'introspezione, la contemplazione e l'osservazione di sé sono un punto focale di questo pilastro.

Il Raja Yoga è un sistema olistico per la gestione dello stress e dell'ansia.

Non si concentra solo sulla mente, ma piuttosto esamina ogni area della vita dell'individuo, per ottenere un'ampia prospettiva del quadro generale.

Il testo principale del Raja Yoga è conosciuto come Gli Yoga Sutra di Patanjali.

Questo antico testo delinea 196 Sutra, o 'suture' di saggezza senza tempo intese ad aiutare a seguire ilSentiero a 8 ramiverso l'ultimo ramo,Samadhi, o ilUnione di sé.

L'immagine qui sotto delinea ciascuno degli 8 arti e la loro traduzione in inglese:

Possiamo iniziare a incorporare la pratica del Raja Yoga nelle nostre vite:

– Trasformare i nostri sensi verso l'interno attraverso l'introspezione, l'osservazione di sé e l'autoindagine

energizzante olio essenziale

– Praticare la presenza, la consapevolezza e la messa a fuoco o concentrazione univoca

– Impegnarsi nella meditazione, respirazione e pratiche contemplative

– Riconnettersi con i nostri corpi e il funzionamento interno dei nostri templi

2. Karmayoga

In ogni momento della tua vita esegui un'azione: fisicamente, mentalmente, emotivamente ed energeticamente.

Ogni azione crea un certo ricordo. Questo è karma.

– Sadhguru, insegnante yogico e mistico

Al karma viene spesso data una cattiva reputazione.

Viene scambiato per karma buono contro karma cattivo.

Ma il karma è in realtà neutrale, non buono o cattivo.

È neutrale perché è una legge naturale molto simile alla legge di gravità.

Potresti riconoscerlo come illegge di causa ed effetto.

La parola karma si traduce letteralmente in azione o lavoro.

In quanto legge naturale, karma significa che ciò che facciamo ora attraverso le nostre intenzioni, reazioni e risposte [CAUSA] crea increspature che influenzano il nostro futuro [EFFETTO].

Come la gravità, il karma è così fondamentale che spesso non ce ne accorgiamo nemmeno.

– Sakyong Mipham, Lama buddista tibetano (Maestro del Dharma)

Insegnante di yoga e autrice Kamini Desai, Ph.D. spiega il karma in modo semplice e succinto in questo modo:

Il karma è molto semplice. Chi sei è il risultato di chi sei stato. E chi diventerai è il risultato di chi sei adesso...

Ci sono due aspetti del karma, o causa ed effetto.

C'è un aspetto interno e c'è un aspetto esterno.

Entrambi insieme portano all'effetto o al risultato ...

L'aspetto interno - quello che fai con qualunque cosa ti arrivi - ha un effetto molto profondo sul risultato finale.

La maggior parte di noi non presta nemmeno attenzione a questo.

Quindi, perché questo è così potente è perché implica che se cambio il modo in cui sono internamente, in qualsiasi circostanza, potrei cambiare l'effetto. Potrei cambiare il mio karma. (1)

Possiamo iniziare a incorporare la pratica del Karma Yoga nelle nostre vite:

– Intraprendere azioni ispirate

– Rilasciare aspettative o attaccamenti ai risultati

– Portare consapevolezza ai modi in cui reagiamo e rispondiamo agli eventi della nostra vita

– Prendersi del tempo per chiarire le cose che apprezziamo di più nella vita e incorporare sempre più di quelle cose nelle nostre giornate

– Seguire il nostro vero e autentico scopo e missione, e avere il coraggio di viverlo e perseguirlo

– Servire gli altri in modi che ci ispirano e ci soddisfano

3.Bhakti Yoga

Il bhakti yoga è un modo per trasformare la tua emozione dalla negatività alla massima piacevolezza.

– Sadhguru, insegnante yogico e mistico

Secondo il dizionario Merriam-Webster, la devozione è:

l'atto di dedicare qualcosa a una causa, impresa o attività.

Come via della devozione, il Bhakti yoga ci ispira a dedicarci a una causa più grande della nostra attuale circostanza.

In questo modo, pratichiamo quotidianamente la devozione verso questa causa e ogni giorno ci muoviamo di più verso di essa.

La devozione a una causa non deve essere una cosa grandiosa, anche se potrebbe esserlo.

Puoi anche dedicarti a:

– la tua relazione/matrimonio/famiglia

gerber buon inizio sensibile

– la tua salute e guarigione

– potenziare la tua mente

– il tuo mestiere o il lavoro di una vita

In questo modo, le nostre azioni quotidiane diventano sacre e significative.

È così che creiamo una vita di significato...

Trovando una causa che parli dritto ai nostri cuori e li infiammi.

Pratichiamo la devozione per amore.

Oltre al cammino della devozione,Bhakti yoga è anche il sentiero dell'amore, ma non l'amore come generalmente lo conosciamo.

Perché amare veramente qualcosa o qualcuno significa accettarlo così com'è, in questo momento.

Significa vederne entrambi i lati e quindi sperimentare la vera gratitudine per essere così com'è.

Quando amiamo, diventiamo presenti ed espandiamo i nostri orizzonti spazio-temporali osfereDiconsapevolezza e influenza. L'amore è l'ultimo fattore di crescita.

– Dott. John Demartini, Educatore e Autore

Non possiamo amare un altro o qualsiasi altra cosa finché non abbiamo imparato ad amare, accettare e apprezzare noi stessi.

Quindi il Bhakti Yoga inizia con noi.

Possiamo iniziare a incorporare la pratica del Bhakti Yoga nelle nostre vite:

– coltivare l'accettazione, l'apprezzamento e la tolleranza per noi stessi

– coltivare l'accettazione, l'apprezzamento e la tolleranza per coloro che ci sono più vicini

– coltivare l'accettazione, l'apprezzamento e la tolleranza per gli altri, anche estranei

– per essere gentili con noi stessi quando sbagliamo i primi tre punti o quando sbagliamo

– trovare il tempo per trovare una causa che accenda i nostri cuori

– Essere devoti a quella causa ogni giorno

– Essere devoti a noi stessi – la nostra salute, il nostro benessere e la nostra stabilità

4. Jñana Yoga

In un contesto yogico jñana è la saggezza derivata dalla conoscenza diretta del Sé.

– Rolf Sovik, Psicologo e insegnante di Hatha yoga

Jñanasignifica: conoscere e conoscere.

Questo sentiero della conoscenza e della saggezza è il sentiero più difficile dei quattro, poiché richiede uno studio serio ed è molto pesante intellettualmente.

La pratica tradizionale dello Jnana yoga implica lo studio delle scritture e dei testi yogici ed è il percorso verso l'illuminazione attraverso la ragione.

Attraverso questa pratica, si acquisisce la conoscenza della propria vera natura e si acquisiscono anche saggezza e discernimento.

Saggezza per differenziare la verità dall'illusione.

Possiamo iniziare a incorporare la pratica del Jnana Yoga nelle nostre vite:

– studio autonomo e autoindagine

– cercare la conoscenza sotto forma di libri, conferenze, video, articoli online, insegnanti

– prendere coscienza delle nostre domande senza risposta – cosa stiamo cercando?

– prenditi del tempo per stare nella natura

– meditare e tuffarsi in altri esercizi contemplativi

– mettiti a tuo agio nel silenzio, non scappare da esso

– prendere coscienza di distrazioni, dipendenze e attaccamenti

– sentirsi a proprio agio stando da soli

Riesci a vedere come essere consapevoli di questi quattro pilastri e mettere lentamente in pratica questi principi può portare a una maggiore stabilità e calma nella tua vita?

In quali altri modi le tue relazioni, il lavoro, i livelli di stress, la salute e lo scopo potrebbero essere influenzati osservando i quattro pilastri?

LO YOGA DELLA MENTE – Raja Yoga

LO YOGA DI AZIONE ED EFFETTO – Karma Yoga

LO YOGA DELLA DEVOZIONE E DELL'AMORE – Bhakti Yoga

LO YOGA DELLA CONOSCENZA E DELLA SAGGEZZA – Jnana Yoga

Condividi Con I Tuoi Amici: