celebs-networth.com

Moglie, Marito, Famiglia, Stato, Wikipedia

La meditazione peggiora la mia ansia

Salute Mentale
Donna depressa sconvolta che si sente ferita triste stressata turbata dal problema

fizkes/Getty

Ero sdraiato a letto l'altra notte, a vegeto e a guardare la TV, quando mio marito è entrato nella stanza. Si sdraiò accanto a me, spegnendo il mio film e spegnendo le luci. Afferrò il telefono e alzò l'audio. Si è assicurato che il suo volume fosse a un livello moderato, quindi ha avviato una meditazione guidata. Una specie di respiro profondo, espirazione profonda.

Ho provato a seguirlo. Il mio corpo era immobile e gli occhi chiusi. Ero in posizione supina, sdraiata orizzontalmente con il viso e il petto in alto, e ascoltavo ogni suggerimento, parola e comando. All'esterno, probabilmente apparivo tranquillo e riposante. Ma il mio respiro era irregolare. Ho lottato per stabilizzare la frequenza cardiaca e il respiro. Mi tremavano le gambe. Potevo sentire il mio corpo vibrare, rimbalzare su e giù. La mia mente correva. I miei pensieri erano coerenti, costanti e su tutta la mappa, perché la meditazione mi rende ansioso. Stavo combattendo un attacco di panico in piena regola.

Certo, so quanto suona strano e sciocco. La meditazione dovrebbe rilassare la mente, dopo tutto. Dovrebbe calmare il mio corpo e la mia anima. Eppure non è così. Ho provato più di una dozzina di volte, in posizioni e posizioni diverse e con tracce audio diverse, e nulla sembra rimanere bloccato. Concentrarmi sul respiro mi fa respirare più forte. Eleva la mia frequenza cardiaca e mette la mia mente in overdrive. Sudo, copiosamente. Tremo e tremo. E la sensazione che ne deriva mi rende più ansioso. Il silenzio è il mio nemico. La calma non è mia amica.

bambini di campagna

E si scopre che non sono solo. Una persona su 12 che prova la meditazione sperimenta effetti negativi indesiderati, come un peggioramento della propria depressione e/o ansia, un studia fuori dalla Coventry University trovato.

Per la maggior parte delle persone funziona bene, ma è stato senza dubbio sopravvalutato e non è universalmente benevolo, Miguel Farias, uno dei ricercatori dietro il lavoro, di recente spiegato . Le persone hanno sperimentato qualsiasi cosa, da un aumento dell'ansia fino agli attacchi di panico, aggiunge Farias. Hanno anche trovato casi di psicosi o pensieri suicidi. E questo è il mio caso. Quando sono tranquillo, la mia mente vaga. Le voci negative nella mia testa diventano più forti, cioè mi dicono che non sono abbastanza bravo o abbastanza intelligente. dovrei scomparire. Fuggire. Faccio fatica a stare fermo. Devo andare. Da fare. Essere. Recitare. E se sono nel bel mezzo di un episodio depressivo, le voci mi dicono che dovrei farla finita. Il silenzio amplifica i miei pensieri suicidi.

E questo non è l'unico studio a raggiungere questi risultati. Un 2017 studia della Brown University, i meditatori spesso riferiscono sentimenti di paura, ansia, panico e paranoia. Anche gli insegnanti di meditazione riconoscono la prevalenza di questi effetti collaterali.

A volte, quando le persone cercano di calmare i loro pensieri, la mente può 'ribellarsi', ha detto di recente Katie Sparks, psicologa diplomata e membro della British Psychological Society Nuovo scienziato . È come un contraccolpo al tentativo di controllare la mente, e questo si traduce in un episodio di ansia o depressione, dice.

Non commettere errori: questi studi hanno difetti, cioè molti sono auto-riferiti e di piccole dimensioni. Possono anche, e in alcune occasioni, includere individui già in crisi, distorcendo i risultati. Tuttavia, se avverti sintomi di ansia intensa prima, durante o dopo la meditazione, sappi che non sei solo. La pratica non è per tutti.

Quanto a me, ho deciso di non provare più la meditazione, almeno non a breve. Invece, mi concentrerò sulle strategie di coping che funzionano per me. corro, lontano e veloce; la maggior parte delle settimane, registro 30 miglia o più. Vedo il mio terapista ogni giovedì. Quando sono in crisi, le scrivo un messaggio. Pianifichiamo una chiamata di recupero abbreviata ma urgente. Parlo con il mio psichiatra due volte al mese. Essendo stato lì in tempi di crisi, è un'ancora di salvezza. Uno spazio sicuro. E prendo i farmaci secondo necessità, senza sensi di colpa o vergogna. Perché non importa quello che fai, quello che conta è come ti senti quando lo fai.

miglior olio curativo per la pelle

Se la mediazione funziona per te, bene. Continua la pratica. Ma se non è così, se esci da una sessione sentendoti peggio di quando sei entrato, fermati. Considera il motivo e rivaluta la situazione. È importante sapere cosa è giusto per te, il tuo corpo e la tua mente.

Condividi Con I Tuoi Amici: