celebs-networth.com

Moglie, Marito, Famiglia, Stato, Wikipedia

Ragazzi, fate una foto a vostra madre. Solo lei.

Maternità
foto di tua madre

Melissa Fenton

Ho una foto preferita di mia madre. Lo facciamo tutti, no? Sai quello che torni a guardare ancora e ancora, e ti fa sentire tutto caldo e sfocato dentro? È quella foto di tua madre che è così... SUA. Probabilmente è ormai sbiadito, con una sfumatura grigio-verdastra, ed è stato guardato così tante volte che gli angoli si piegano. Tuttavia, incarna la donna che è tua madre, e tu la ami.

La mia foto preferita di mia madre? Bene, è lei in bikini nero, che prende il sole pigramente su una vecchia sedia da giardino in teak, circa 1977. È tutta donna e tutta bella. Non c'è un bambino o un giocattolo in vista.



Melissa Fenton

Ora rispondi a questa domanda per me: Hai una tua foto così? No, non quello di voi dopo il parto in un letto d'ospedale, con un ampio sorriso e un neonato in braccio. No, non quello di voi nel vostro abito da sposa o al vostro baby shower. E no, non quel selfie stupido che hai fatto con i tuoi figli mentre mangiavi il gelato venerdì sera.

Sto parlando proprio di una bellissima fotografia di voi . solo tu sei VOI. Non moglie, mamma o amica. Solo tu.

Recentemente sono andato a cercare quel tipo di fotografia di me stesso. Sicuramente ne avevo uno, giusto?

Ho guardato non meno di 12 album accatastati su una libreria nel nostro soggiorno, sapendo perfettamente che erano pieni di anni e anni di ricordi e pietre miliari. Primi passi, primi compleanni, primi tagli di capelli, lauree in età prescolare e partite di tee-ball. Immagini di mattine di Natale e serate di Halloween, di viaggi in macchina, in barca e in aereo. Pagina dopo pagina di bambini piccoli che fanno cose da bambini, giocano con il loro papà, si infilano cupcakes in bocca, vengono persino ricuciti al pronto soccorso. E avevano tutti una cosa in comune: non ero in nessuno di loro.

Ho calcolato che ci sarebbe voluto sfogliare almeno sette album prima di imbattermi in una mia foto. E cos'era esattamente quella foto di me? Ero in un letto d'ospedale con in braccio un neonato.

la linea di ritiro più banale di sempre

Che fine hanno fatto gli anni successivi alla foto del letto d'ospedale? Il bambino è cresciuto, ne abbiamo centinaia di prove, ma la donna? Non si è evoluta anche lei? Cosa le è successo?

La maternità è successa, ed è successo a lei - per me – costringendomi a stare per sempre dietro la macchina da presa, non davanti ad essa. Come mamma, sono diventata improvvisamente l'archivista di famiglia, scattando fotografie delle nostre vite qua e là, giorno dopo giorno, anno dopo anno. E mai, per un secondo, mi sono reso conto che quando ho scattato anni della vita della mia famiglia, non sono riuscito a scattare nessuno dei miei.

Certo, ho preso la mia parte di selfie e lo faccio ancora con una frequenza fastidiosa. E quando i miei figli accetteranno, faccio anche loro dei selfie. Si tratta di catturare i ricordi, non importa come lo facciamo, giusto? Ma ancora. Quello che non troverai, o non riuscirai a trovare negli album, nelle scatole delle foto e su tutte le schede di memoria gettate nei cassetti della spazzatura della cucina, o tra la mia collezione di selfie su Instagram, sono le foto della donna che è anche la mamma.

L'ultima foto di me che ho trovato di me sdraiato da solo al sole, con un aspetto spensierato, con una faccia non accartocciata, pensando con impazienza Oh, onestamente sbrigati e prendilo! è una foto di me su una spiaggia in luna di miele. Non c'erano discendenti da catturare per creare graziosi castelli di sabbia o scappare dalle onde che si infrangono. C'era solo la donna prima della mamma.

Questo è stato 20 anni fa. E questo la dice lunga.

Ho passato l'infanzia dei miei ragazzi dietro le quinte. L'ho speso in cucine e lavanderie, in gradinate e campi da baseball, aule e file di carpooling, negozi di alimentari e sale d'attesa. L'ho passato come tutte le mamme: fare il genitore, pianificare, cucinare, lavare, stressare, guidare, organizzare, modellare e tentare di costruire un'infanzia per i miei figli che sia degna di immagini favolose di loro . E nessuno di io .

Nessuna delle donne che si è dedicata a far sì che tutto questo accadesse. Non la mamma con la coda di cavallo oscillante in pantaloni da yoga o pantaloncini da corsa sudati, ma il donna chi ha fatto tutto questo.

Quando i miei figli saranno cresciuti e arriverà un giorno in cui i ricordi della loro giovinezza potrebbero trovarli alla ricerca di una foto della loro mamma, della donna che era la loro mamma, dove la troveranno?

Bene, non lo faranno.

Ed è per questo che proprio in questo momento, prima di perdere un altro giorno senza averlo fatto, chiederò a qualcuno, chiunque, per fare un bel ritratto solo a me. io . Sarà io posare da qualche parte senza la follia della vita intorno a me. Sarò io, rilassata, contenta, sorridente e a mostrare ai miei figli che c'era una donna prima che ci fosse una mamma, e lei è ancora lì. Sarà io nella foto, in qualunque forma e dimensione mi trovi, senza ridicole ansie di immagine di sé e preoccupazioni su quanto mi sento vecchia, grassa, rugosa o sciatta.

Perché per i miei figli, Io non sono nessuna di quelle cose.

Sono la donna nella foto che cercheranno un giorno. In effetti, io sono la donna nella loro foto preferita della loro mamma. Ma l'unico modo per avere una mia foto preferita è se io davvero entra in uno .

Mamme, smettetela di rimandare e fate fare ai vostri figli la vostra bellissima fotografia. Fallo oggi, così tra 30 anni quando qualcuno chiederà una foto della propria madre, non avrà alcun problema a trovarne una.