Ho noleggiato un violino perché 'Un giorno' è oggi e sono stufo di mettermi per ultimo

Mezza Età
Perché un violino noleggiato mi ha fatto sentire come se l

Alexander Grozdanovski/Shutterstock

Per tutto il tempo che posso ricordare - da quando ero a adolescente di sicuro, forse prima – mi sono detto che un giorno imparerò a suonare il violino. Avevo questa visione di come sarebbe stata la mia vita e ho pensato che un giorno, quando i miei figli erano cresciuti, quando non ero così impegnato con il lavoro, quando avevo qualche soldo in più, quando avevo molto tempo libero ed ero cercando il modo di riempirlo, mi prendevo un violino e imparavo a suonare.

Ho archiviato il pensiero e ho aspettato un giorno.



Nel frattempo, la vita è accaduta. Mi sono diplomato al liceo, ho frequentato il college, poi la facoltà di legge, mi sono sposato. Ho lavorato sodo in un lavoro, poi ho lavorato sodo per crescere i bambini, quindi ho lavorato sodo per fare entrambe le cose.

Un giorno ha aspettato.

C'erano diverse case e diversi lavori e diverse sfide genitoriali mentre i miei figli sono passati dai bambini ai bambini delle elementari, ai preadolescenti e agli adolescenti.

Un giorno ha continuato ad aspettare.

mia madre è morta può vedermi?

Nel frattempo, ho giustificato tutta l'attesa. Era solo un pensiero sciocco Mi sono detto. Comunque non hai abbastanza tempo.

Poi, qualche settimana fa, mentre stavo visitando la famiglia, ho chiesto a mia nipote di mostrarmi come suonare alcune note sul suo violino. L'ha fatto, e poi sono tornate tutte quelle idee di un giorno imparando a suonare il violino... sai, un giorno.

giochi da fare a tavola in attesa del cibo

Forse lo metterò nella mia lista di Natale , Ho pensato. Se è un regalo, allora potrei giustificare il tempo e il denaro.

Poi la scorsa settimana, parlando con il mio terapeuta, è emerso l'argomento. Le ho detto che volevo suonare il violino, ma mi sembrava troppo frivolo, troppo sciocco, troppo egoista. FALLO, lei disse.

Più tardi quel giorno, ho raccontato a mio marito di questa conversazione. Mentre rimandavo vari progetti, avevo fatto una piccola ricerca su Internet e ho trovato un negozio di violini nelle vicinanze che li affittava al costo di qualche dolcetto Starbucks a settimana. FALLO, disse. Vai a prenderlo ora.

Ho snocciolato tutti i motivi per cui non potevo o non dovevo: avevo del lavoro da fare, non c'era abbastanza tempo, mi sembrava troppo frivolo.

FALLO, disse.

Mi sento come se non me lo meritassi, come se fosse troppo bello per essere vero, ho razionalizzato.

Dovresti prenderlo, insistette. ORA.

Ha preso le mie chiavi e mi ha condotto alla porta, poi alla macchina.

Lo sto facendo davvero? Ho chiesto.

Sì. E buon per te.

Quaranta minuti dopo, ero a casa con il mio violino nuovo di zecca, noleggiato che non ho assolutamente idea di come suonare, e pochissimo tempo libero per imparare a farlo.

la migliore polvere da farmacia per la pelle grassa

Ma ancora... un giorno è oggi.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Christine Organ (@christineorgan)

C'erano circa un milione di ragioni per non farlo – non abbastanza tempo, sembrava troppo indulgente, le lezioni possono diventare costose, sembra un po' egoista, bla, bla, bla, conosci l'esercitazione – ma sono così grato per la conversazione con il mio terapeuta e per mio marito che mi ha praticamente spinto fuori dalla porta prima che potessi cambiare idea. Perché un giorno è oggi.

E sono decisamente stordito al riguardo.

Noi genitori – in particolare le madri, suppongo – abbiamo questo modo di mettere da parte i nostri desideri e bisogni. Un giorno diventa la nostra sigla. Un giorno scriveremo un romanzo. Un giorno torneremo a scuola. Un giorno faremo un corso di cucina.

Ma perché un giorno non può essere oggi?

quali sono i due tipi di gemelli

Quello che mi rendo conto è che non ci sarà mai abbastanza tempo. Troveremo sempre il modo di liquidare queste cose come frivole o indulgenti. E i nostri bambini avranno sempre bisogno di noi. Almeno spero che facciano un po'. Ma per quanto odiamo ammetterlo, non stiamo diventando più giovani e non ci è stato promesso il domani.

Quindi qualunque cosa ti abbia rosicchiato, fallo. Forse non puoi farlo nel modo perfetto che hai immaginato, forse sembra un po' diverso da come vorresti, forse ci vuole un po' più di tempo e tu vai un po' più piano. Queste cose non sono frivole e contano. Sei importante.

Ho il mio violino da una settimana ormai e solo vedere la sua custodia sul tavolo mi rende felice. Non so suonare, anche se conosco qualche nota in più rispetto a una settimana fa e non ho magicamente trovato tempo libero per esercitarmi. Ma lo adoro e sono stranamente orgoglioso di me stesso per aver cercato di imparare qualcosa di nuovo. E quando ripenso a quei sogni di imparare un giorno a suonare, mi sento come se ce l'avessi fatta davvero.

Un giorno è oggi.