Perché la pandemia mi sta rendendo una 'mamma del sedile posteriore'

Coronavirus
Mamme-Sofferenza-Burnout-covid-1

Dan Mitchell/Getty Images

Come psicoterapeuta che ha curato molte madri nel corso degli anni, e come madre stessa, sono affascinata dalla storia dell'identità materna. Come pensano le mamme americane del loro ruolo nell'allevare i loro figli, nel proteggerli dai danni e nell'aiutarli a diventare adulti ben adattati? Vedo segni che l'attuale pandemia sta innescando un cambiamento in quell'identità, lontano dal genitorialità in elicottero degli ultimi 25+ anni.

Innanzitutto, un po' di contesto. Nel 19° secolo, la genitorialità era per lo più autoritario . I bambini si vedevano e non si sentivano, facevano tante faccende, mettendo sempre al primo posto i bisogni della famiglia. La maggior parte delle donne non si preoccupava della salute emotiva dei propri figli, ma solo della loro sopravvivenza fisica in un periodo di dilagante mortalità infantile.



La prima metà del XX secolo ha portato la rivoluzione freudiana. I concetti psicoanalitici di Freud sui disturbi degli adulti e sul conflitto intrapsichico non offrivano un modello per la genitorialità, ma facevano temere alle madri che avrebbero potuto dare ai loro figli un complesso se avessero fatto qualcosa di sbagliato.

come affrontare l'ingerenza nelle leggi

Il bestseller del 1946 di Benjamin Spock, Il libro del buon senso per la cura di neonati e bambini Child , ha lanciato un'era di educazione dei figli più attiva, ripudiando pratiche rigide di andare in bagno e orari di alimentazione a favore di esperienze positive che consentissero a ogni singolo bambino di aprire la strada. Nei decenni successivi, le mamme americane della classe media hanno iniziato a rispondere ai segnali dei loro figli e alla genitorialità in modi più flessibili.

All'inizio degli anni '90, la tendenza in aumento era la genitorialità in elicottero: una maggiore attenzione per garantire buoni voti e ammissioni al college. Le madri si preoccupavano più che mai di ridurre al minimo tutti i tipi di rischi, grandi e piccoli, dall'abuso di droghe e gravidanze adolescenziali alle ginocchia sbucciate al parco giochi e ai dolori al ballo di terza media.

Ma nel 2020, impotenti contro il bilancio devastante della pandemia, vedo madri che perdono fiducia nella loro capacità di proteggere i loro figli da qualsiasi tipo di danno: fisico, emotivo, accademico o sociale. Molti si preoccupano di restare aggrappati al proprio lavoro o di cercare di rimanere produttivi mentre lavorano da casa. Alcuni si sentono anche stressati per le loro scorte di cibo o per i propri genitori anziani. E sebbene sia sempre stato difficile lavorare durante l'educazione dei figli, le nuove sfide dell'istruzione a casa e l'ansia indotta dall'isolamento hanno alzato drasticamente il livello. I miei pazienti si stanno riprendendo dal cambiamento improvviso: invece di sentirsi come se potessero (e dovrebbero) risolvere qualsiasi problema per i loro figli, molti si sentono come se non potessero risolvere nulla.

cosa mettere il nome del contatto della tua ragazza come?

Il COVID mi fa sentire impotente come genitore, ha detto Colleen* quando sua figlia, Emily, una studentessa universitaria, ha deciso di rimanere dall'altra parte del paese, vicino al campus e al suo laboratorio di ricerca. Quando Emily iniziò a sentirsi stressata e ad avvertire dolori al petto, sua madre la pregò di consultare un medico. Ma si è arrabbiata, dicendo che era impegnata e che era difficile ottenere un appuntamento con la telemedicina. Più sua madre spingeva, più Emily resisteva. Mentre i suoi sintomi alla fine sono scomparsi, gli ordini di stare a casa hanno fatto sentire Emily isolata e ha iniziato a scatenarsi.

Durante le nostre sessioni, Colleen si è angosciata sull'opportunità di prendere l'elicottero per alleviare la sofferenza di sua figlia. Si è lamentata del fatto che Emily abbia rifiutato le offerte di visita e abbia respinto i suggerimenti su come trovare modi per socializzare. Tutto è arrivato al culmine durante uno scambio FaceTime particolarmente acceso, quando Colleen ha supplicato, non puoi essere solo tutto il tempo. Almeno incontra gli amici in un parcheggio. Stai a sei piedi di distanza. Emily alzò le mani e urlò, per favore smettila! Non puoi aiutare! Non puoi aggiustarlo! Quando riattaccarono, Colleen si ritirò nella sua camera da letto e pianse per la sua impotenza. Era come se la maternità come la conoscevo fosse sparita per sempre.

Questo tipo di domande su come impegnarmi per essere coinvolto è suonato vero a casa mia, dove anche i miei ragazzi avevano lottato dall'inizio della pandemia. Mi sono sempre vantato di essere d'aiuto: ascoltare, capire, guidare e intervenire quando necessario. Avevo cercato di non indugiare, ma ero stato attivo e presente, cercando tutor o combattendo per medici specialisti. Ho incoraggiato i miei figli a combattere le proprie battaglie, a rialzarsi quando inciampavano. Ogni volta che affrontavano qualcosa che non potevano gestire e chiedevano il mio aiuto, io ero lì.

Ma di recente, tra chiusure e cancellazioni, è diventato più difficile aiutare i miei ragazzi a farcela. I miei suggerimenti e la mia empatia spesso non sono ben accolti. Non posso proteggere i miei figli da un virus potenzialmente letale, e nemmeno risolvere le loro delusioni o riparare le perdite che hanno subito. Questo colpisce al centro della mia identità di madre premurosa e protettiva.

Ultimamente mi sono preoccupato per la riapertura in corso: il virus tornerà indietro, costringendo a un secondo ciclo di chiusure di scuole e luoghi di lavoro? Riuscirà la nostra già fragile economia a gestire questo ulteriore stress? Quante altre vite andranno perse a causa della pandemia? L'unica certezza in questo momento è l'incertezza, che prende il sopravvento su persone di tutte le età.

le rose sono rosse le violette sono blu per gli amici

Mentre mio figlio in età di liceo si è adattato, affrontando sfide domestiche come capire come serpeggiare un lavandino e riavviare il WiFi, mia figlia ha dovuto affrontare perdite crescenti, tra cui un ritorno anticipato dal college e la perdita di un ambito tirocinio estivo. Nonostante i ripetuti suggerimenti di passeggiate, tempo in TV, cucina e materiale di lettura, ogni mio intervento porta uno schiaffo arrabbiato. Dopo ogni K-O, come un pugile alle corde, torno sul ring. Il mio compito di madre è dimostrare che mi preoccupo: sopravvivere agli attacchi e porsi dei limiti pur essendo presente e amorevole, e aiutarla a integrare le emozioni dolorose, senza affrettarsi a risolvere le difficoltà.

Dopo un fine settimana particolarmente carico, mi sono ritrovato a mettere in discussione il mio approccio. Terrorizzata dal fatto che mesi di delusione e isolamento avessero avuto un impatto permanente, ho preso in considerazione l'idea di organizzare una consultazione di telemedicina o di prenotare lezioni di meditazione online per mia figlia. Starebbe mai bene di nuovo? Vorrei?

Dopo che abbiamo iniziato ad avventurarci fuori, prima solo per necessità come generi alimentari e visite mediche, poi per visite a distanza sociale, ho notato che le tensioni sembravano allentarsi. Mia figlia ha trovato una posizione di ricerca virtuale, ha portato a casa voti stellari e ha praticato il distanziamento sociale senza che gli venisse ricordato. Quando si è presentata una nuova sfida - la sua scuola ha cancellato tutte le lezioni di persona e gli impegni nel campus - ha pianto amaramente e mi sono preoccupato che il suo atteggiamento già negativo non potesse sopravvivere a un altro colpo. Ma nel giro di un giorno aveva contattato gli amici, fatto tour virtuali di appartamenti fuori dal campus e proposto un piano per utilizzare i risparmi per compensare i costi di affitto.

Fu allora che seppi che, tra le privazioni, le perdite e le sfide degli ultimi mesi, mi era stato fatto un regalo: un'opportunità unica di conoscere i miei figli in modi che mi sarebbero sfuggiti se la vita quotidiana fosse stata così frenetica come di solito. Vedendo i miei ragazzi ogni giorno, guidandoli attraverso le loro paure e i momenti più cupi, ho avuto il privilegio di vederli costruire la resilienza e rafforzare le loro riserve interiori.

le migliori battute da dire a una ragazza

Essere genitori attraverso la tristezza, la paura e le avversità mi ha mostrato che non posso sistemare tutto per i miei figli, e va bene. Dopo averli osservati in azione negli ultimi mesi, so che sono attrezzati per gestire qualsiasi cosa gli capiti, e non sento più il bisogno di riparare ogni singola cosa che va storta.

Sentendo echi di questo stesso tema da pazienti, vicini e amici, penso che stiamo iniziando a vedere una nuova versione dell'identità materna, che sta concludendo l'era del genitore elicottero eccessivamente ossessionato. Dopo aver vissuto così tante perdite e delusioni, non riesco a immaginare di vedere le mamme stressarsi quasi altrettanto per l'eccessivo tempo davanti allo schermo, una B su una pagella o troppi spuntini tra i pasti. La maternità coinvolta non andrà via, ovviamente. Avremo comunque enormi investimenti nella salute e nella felicità dei nostri figli e non li ignoreremo quando avranno bisogno di aiuto. Ma penso che porteremo una prospettiva più equilibrata nel mondo post-pandemia. Chiamaci mamme sul sedile posteriore.

*Questi sono ritratti compositi. I nomi e i dettagli identificativi sono stati modificati per proteggere la privacy dei pazienti.