Alla mamma con un bambino e un bambino

Maternità
bambino-e-bambino

Immagine tramite Shutterstock

Alla mamma con un bambino e un bambino,

Oggi, sto pensando a te mentre il tuo amore si sta moltiplicando e ti stai innamorando di quel nuovo bambino tra le tue braccia. Sto pensando a te mentre il tuo bambino corre e vuole che anche tu lo tenga in braccio. Sto pensando a te mentre ti adatti a tutte le nuove attività quotidiane che sono state aggiunte al tuo piatto già pieno. Certo, probabilmente senti che stai destreggiando tutto con un po 'di imbarazzo, ma tutto ciò che vediamo dall'esterno è che lo fai con un sacco di grazia e pazienza. Sei stanco, lo so. Esausto, in effetti. Ma in mezzo alla stanchezza hai trovato l'energia per amare intenzionalmente ognuno dei tuoi dolci kiddos perché sei fantastico e l'amore che hai per loro è così profondo che rinunceresti al mondo per farlo sentire.

Il tuo amore per loro supera davvero la comprensione. Si presenta sotto forma di cambio del pannolino dopo il cambio del pannolino. Ti pianti mentre vai avanti e indietro tra la taglia del neonato e quella del bambino, chiedendoti come il tempo sia passato così velocemente quando ti rendi conto improvvisamente di quanto ENORME sia diventato il più grande. Potrebbero averti appena lasciato coperto di pipì e cacca, ma ti lavi le mani e poi le stringi un po' più forte perché sai quanto sei fortunato e quanto è fugace il tempo.

Quel momento sentimentale è interrotto da un bambino che è pronto da mangiare e un bambino che ha perso drammaticamente un giocattolo sotto il divano. Recuperi il giocattolo e lo organizzi con un'attività che lo intratterrà abbastanza a lungo da permetterti di avere un'alimentazione semi-pacifica senza che ci sia alcun soffocamento o tirando uno dei fragili legamenti del bambino. Ti siedi e fai un respiro profondo, sentendoti un po' realizzato dopo aver effettuato con successo una transizione. Lo stai facendo! Ti stai ambientando nella tua nuova normalità.

Dopo cinque minuti di pace, il tuo bambino decide di vagare in un'altra stanza e ti urla di aiutarlo. Salti in piedi, bambino ancora attaccato, e vedi cosa sta combinando. Ti rendi conto che i giorni dell'allattamento rilassato mentre fissi negli occhi il tuo bambino sono finiti da tempo, e questa volta diventerai un professionista nei pasti da asporto.

Parlando di pasti, TU stai sperimentando la fame della tua vita. Inseguire più bambini non è uno scherzo. Né è trovare il tempo per sbatterti il ​​cibo in faccia o pomparti con un po' di caffeina. Prendi quello che puoi ottenere, e anche se probabilmente ti sono piaciuti troppi di quei dessert che i tuoi amici e familiari hanno lasciato, non ti dà davvero fastidio perché in questi giorni ci sono cose più importanti del conteggio delle calorie.

La vita di mamma ha un modo per cambiarti. La tua gioia non si trova più nell'essere appena lavata e vestita alla moda (anche se è così bello farlo di tanto in tanto). Potresti non sentirti a posto, specialmente in quelle prime settimane, eppure stai vivendo i momenti più dolci della tua vita. In questi giorni la tua gioia si trova quando ti sacrifichi per i tuoi figli. Rinuncia alle cose in modo che possano essere la tua priorità. I loro bisogni immediati prevalgono su qualsiasi altra cosa tu voglia o devi fare. Sono completamente dipendenti da te e, anche se può sembrare opprimente, sei mamma e sei stata creata per farlo.

Giorno dopo giorno, la tua fiducia sta crescendo. Decidi persino di avventurarti da solo al supermercato con loro. Dai da mangiare al bambino prima di partire, il che significa che hai esattamente 2,5 ore prima di doverlo rifare. Dopo aver impacchettato quello che sembra tutto tranne il lavello della cucina, metti i bambini in macchina e rientri in casa per prendere tutto ciò che è rimasto indietro. La casa è tranquilla e decidi di passare solo 10 secondi in piedi davanti alla porta, crogiolandoti nella pace, prima di fare un respiro profondo e prepararti per l'enorme impresa che ti aspetta. Eccoti nel parcheggio, decidendo come portare entrambi i bambini all'interno del negozio in sicurezza. Sto pensando a te, dolce mamma, mentre parcheggi vicino al recinto del carrello, posizioni con cura il marsupio nel carrello e promuovi il tuo bambino ad aiutante della mamma. Ti vedo correre per i corridoi con quello sguardo di paura sul viso, sapendo che il caos potrebbe scoppiare da un momento all'altro. Ti vedo in fila per controllare, cercando di rimanere il più calmo possibile quando il tuo bambino fa i capricci e il bambino inizia a agitarsi, e tu prendi la cassiera in età da college che non ha la più pallida idea di cosa stai andando attraverso. Ti consegna la ricevuta, che è praticamente come darti un biglietto d'oro. Sei sopravvissuto, hai vinto e hai bisogno di un po' di terapia da Starbucks.

Dopo di che ci sono molti altri primati. La prima volta che il bambino dorme tutta la notte. La prima volta che il bambino sorride al fratello maggiore o alla sorella. La prima volta che li fai fare un pisolino allo stesso tempo. La prima volta che sei solo durante la notte con loro. La prima volta che li lasci entrambi con una babysitter. La prima volta si ammalano contemporaneamente. La prima volta che giocano insieme. La prima volta che litigano. La prima volta che ridacchiano tra loro. La prima volta che condividono senza il tuo suggerimento. La prima volta che bevi di nuovo una tazza di caffè caldo. Ognuno di questi primati è un grosso problema. Stai vivendo qualcosa di così speciale, così significativo. Non permettere a nessuno di farti sentire diversamente. Le piccole cose contano, il lavoro che stai facendo è importante e soprattutto TU sei importante. Attraverso ogni sfida difficile e piccola vittoria lungo la strada, TU conti.

Quindi sì, oggi, cara mamma. Oggi penso decisamente a te. Perché a volte, quando ci sei dentro, vuoi solo sapere che qualcun altro lo ottiene. voi bisogno sapere che qualcun altro lo ottiene. Devi sapere che qualcun altro sa quanto sia difficile e quanto sia incredibilmente incredibile allo stesso tempo. A volte hai solo bisogno di essere riconosciuto e ricordare che sei fantastico. Che tu sia importante. Che TU sei amato. Che TU stai facendo un lavoro che rende il mondo un posto migliore.

Per te, cara mamma di un bambino e di un bambino, TU sei bellissima oltre ogni descrizione, e ti faccio il tifo mentre abbracci il caos. Continua a continuare. Sono in soggezione di te.

richiamo sulla formula elecare

Amami.

Post correlato: Lost in The Parking Lot of Parenting

Condividi Con I Tuoi Amici: