A volte essere un SAHM è noioso AF

Resta A Casa Mamma
mamma casalinga noiosa

Pascal Broze/Getty



Lo dirò e basta. A volte, essere a casa con i bambini? È davvero noioso.

curiosità sulla cultura pop domande e risposte 2018

Ieri ero così sopraffatto da quanto fosse sbalorditivo recitare Frozen per il 47thtempo dalla colazione, per costruire blocchi e sbagliare, per svuotare e caricare di nuovo la lavastoviglie, che sono scoppiata a ridere. non potevo fermarmi. Ho riso fino a quando i bambini hanno iniziato a ridere, e poi ho riso più forte perché era tutto così assurdo.





È aggravato dal fatto che sono un lavoratore autonomo e lavoro da casa . Quando si tiene conto della consegna della spesa, spesso ho pochi motivi per uscire di casa, soprattutto in inverno. E mentre il mio lavoro mi entusiasma, sentirmi come un concorrente di America's Next Top Shut-In non lo fa. Mi sento persino come se in qualche modo avessi superato il mio posto preferito per fuggire: Target. Vagare tra magliette da $ 10 e file su file di cose di cui non ho davvero bisogno non mi porta la felicità di una volta. E questo mi rende uno strano tipo di tristezza.

La parola che mi viene in mente quando mi sento così è la noia . Ricordi quella parola dell'inglese del liceo?

la noia: una sensazione di totale stanchezza e scontento derivante dalla sazietà o dalla mancanza di interesse; la noia ( dizionario.com )

Nessuno lo usa davvero. Sembra più adatto per le donne nei romanzi di Jane Austen, quelle a cui non è stato permesso di ottenere molto altro oltre a trovare il marito perfetto. Anche loro erano annoiati, e mi sembra che i loro sentimenti fossero molto più validi.

Tranne... contrariamente all'era Austen, sono stata cresciuta credendo di poter andare ovunque, fare qualsiasi cosa ed essere tutto ciò che volevo (anche se il mondo potrebbe non essere sempre così favorevole alle sue ragazze, ho dei genitori fantastici).

Così ho fatto. Sono andato al college, mi sono laureato, ho studiato all'estero, ho viaggiato in Europa, ho lavorato sodo, ho trovato lavoro in un'agenzia di marketing, ho preso un appartamento, ho ballato per tutto il fine settimana, ho scalato montagne, sono diventato un triatleta quattro volte, ho incontrato il ragazzo dei miei sogni, mi sono sposato, ho comprato una casa e...



Aveva due figli.

E ora trascorro la maggior parte delle mie giornate giocando a Play-Doh e facendo infiniti carichi di bucato. Quali sono in realtà i compiti coinvolti nel lavoro più importante della mia vita: cercare di aiutare due piccoli umani a diventare persone felici, forti e vibranti. Nessuna pressione.

(Il resto dei miei giorni lo passo lavorando e scrivendo e cercando di far crescere un mio business, quindi di nuovo ... nessuna pressione.)

Tranne che c'è molta pressione. La maggior parte che ho messo su me stesso. Sono la persona con cui i ragazzi trascorrono più tempo. Sono la loro mamma. Conosciamo tutti persone con madri di merda che sembrano non riuscire a uscirne, anche da adulte, e anche se so di non essere una madre di merda, desidero così tanto poter guardare indietro e dire Ho sempre fatto del mio meglio e il mio meglio era BUONO.

Ma è davvero difficile fare sempre del tuo meglio e fare sempre del bene, quando sei così dannatamente annoiato.

Prima di avere figli, non vedevo l'ora di avere un motivo per fare lavoretti e giocare di nuovo con Play-Doh. Ora che ho sbattuto irrevocabilmente Play-Doh contro le sedie della mia sala da pranzo, ho finito.

Non è che non ami il mio ruolo di mamma, è solo che non c'è quasi nessuna pausa e ne ho un disperato bisogno. In questi primi anni, però, è difficile trovare il tempo. Sono piccoli. Hanno davvero bisogno di me per tutti i loro bisogni più elementari. Preparo i loro pasti. mi lavo i denti. Pulisco i loro mozziconi e i loro nasi. li bagno. Li vesto.

Faccio tutto questo, anche se sono al terzo giorno senza doccia.

Questa non è una festa di pietà. Questa è solo la realtà, il contrasto. A volte, mentre sto creando un giorno gioioso per loro, mi rendo conto che non è un giorno gioioso per me. Sto cercando di trovare la mia strada in questo, per ottenere più equilibrio, per darmi ciò di cui ho bisogno, per trovare pace nel fatto che mi è permesso prendere qualcosa per me stesso e loro non saranno peggio per questo.

Mi alzo presto per fare le cose che mi fanno sentire felice e integra. Certi giorni si svegliano anche presto. Smetto di rimandare i miei allenamenti fino a dopo l'ora di andare a dormire, e in alcuni giorni li inserisco dopo aver fatto colazione ai bambini. Inevitabilmente, qualcuno si siederà su di me, avrà bisogno di qualcosa o improvvisamente vorrà essere trattenuto. Raramente finisco un allenamento ininterrotto, ma fluisco con esso.

Ci sono giorni, però, in cui mi sembra di essermi rinchiuso in un angolo. Le mie opzioni si sentono limitate al punto di costrizione. Non sono libero di prendere decisioni liberamente, né posso andare in bagno da solo.

Non ho mai saputo quanta libertà di scelta e anche di movimento significassero per me fino a quando tutto è diventato così limitato. Immagino che questo diventi più facile con l'età, poiché i bambini diventano meno inclini a camminare fuori dal bordo del parco giochi o a saltare dal marciapiede e direttamente in strada. Fisso la mamma sulla sedia pieghevole, quella che ha portato un libro al parco giochi (Un libro! Durante il giorno! Con i suoi bambini che giocano proprio lì!) e mi chiedo se può sentire il desiderio irradiarsi da me. Voglio essere lei e il divario tra noi sembra così grande che non lo attraverserò mai.

Poi di nuovo, voglio? Quel gigantesco balzo in avanti significherebbe accelerare questa fase della vita. E mentre tutto lo stare insieme a volte mi fa sentire come se non potessi respirare, è, in tanti modi, bellissimo.

arrosti divertenti da dire a qualcuno

È un regalo.

Un dono implacabile, infinito, onnicomprensivo.