celebs-networth.com

Moglie, Marito, Famiglia, Stato, Wikipedia

Alcuni candidati alla generazione Z stanno tagliando l'attivismo politico del campus dai loro curriculum e non li incolpiamo

Questioni Sociali
Carica CV

SEAN GLADWELL/Getty

Per i molti Gen Z candidati di lavoro che hanno raggiunto la maggiore età durante gli anni di Trump, gran parte delle loro capacità trasferibili e dell'esperienza lavorativa pertinente sono arrivate grazie all'attivismo politico del campus. E sebbene il lavoro sia stato probabilmente significativo e trasformativo, oltre che utile, questi neolaureati ora stanno censurando qualsiasi lavoro possibilmente polarizzante sui loro CV.

Secondo un istituto di politica di Harvard sondaggio primavera 2021 , il 36% degli adulti di età compresa tra 18 e 29 anni si considerava politicamente attivo, rispetto al 24% nel 2009. Durante le elezioni del 2020, il Center for Information and Research on Civic Learning and Engagement della Tufts University ha riferito che 18% dei giovani di età compresa tra i 18 e i 24 anni si è offerto volontario in una campagna politica: nel 2016 il 13% in più rispetto alla stessa fascia di età. Indagine sugli studi elettorali nazionali americani ha riferito che il 19% dei giovani tra i 18 e i 24 anni ha dichiarato di aver partecipato a una manifestazione di protesta nel 2020, rispetto al 7% nel 2016.



Tuttavia, in un recente Articolo del Washington Post , i neolaureati sono riluttanti a includere il loro attivismo politico all'interno del campus, anche a rischio di sembrare meno esperti. Molti hanno due curriculum separati: uno pubblico che viene ripulito da qualsiasi cosa potenzialmente polemica e uno privato che includa tutto il loro background nel caso in cui si candidano per un lavoro all'interno della loro bolla politica. (In generale, ti suggerisco di avere un CV completo con tutte le esperienze lavorative - e quindi personalizzare i tuoi CV per posizioni o campi individuali - ma sono solo io. Ho indossato molti cappelli ai miei tempi.)

Perché i giovani fregano il loro attivismo politico?

Ovviamente La Generazione Z sta affondando i pezzi controversi del loro lavoro e della loro storia di volontariato, anche se rischia di far sembrare che abbiano meno esperienza di quella che hanno effettivamente. Non importa nemmeno che la Gen Z sia più politicamente attiva rispetto alle generazioni precedenti.

Chiunque abbia mai fatto domanda per un lavoro sa che ci sono tutti i tipi di potenziali mine antiuomo nel processo di ricerca di lavoro se non conosci già qualcuno all'interno.

Inconscio distorsione del nome esiste (che tutti sanno è solo un codice per la profilazione razziale) e le persone di colore hanno cercato di mitigare i suoi effetti da sempre. Le persone - in particolare i genitori casalinghi (ma di solito le madri) - cercano di ridurre al minimo le lacune nella loro storia lavorativa ufficiale - perché ammettiamolo, l'assistenza all'infanzia e il volontariato nelle scuole non sono considerati lavoro... anche se lo sono. Gli anziani cercano di ridurre al minimo la loro storia lavorativa in modo da non sembrare troppo esperti (codice per troppo vecchio) e i più giovani cercano di riempirlo per il motivo opposto.

Anche in questo mercato del lavoro attuale di 10 milioni di posti di lavoro disponibili — La Gen Z ha ragione a essere cauta.

Si verificano pregiudizi di conferma e l'identità politica non è una classe protetta

C'è un motivo per cui la Gen Z vuole stare attenta al proprio attivismo, indipendentemente dal suo partito politico. Anche se alcune città come il Distretto di Columbia hanno protezioni in atto, quindi i dipendenti del settore privato non sono discriminati a causa della loro affiliazione politica, in generale, l'identità politica non è una classe protetta.

Quindi, per la maggior parte, un'organizzazione può decidere se assumerti in base alle tue attività sociali e politiche, ha detto Edgar Ndjatou, il direttore esecutivo di Workplace Fairness. Washington Post .

Inoltre, siamo realisti. Lasciate a se stesse, le persone tendono ad assumere persone proprio come loro. Questa è la stessa forza al lavoro quando scegliamo chi crediamo e chi no. Il pregiudizio di conferma (aka: pregiudizio laterale) è un tipo di pregiudizio inconscio che è al lavoro a pieno regime durante il processo di assunzione.

Nel bene e nel male, tutti abbiamo stereotipi e scorciatoie nel pensare a persone e gruppi. Ovviamente i candidati della Generazione Z non vogliono che gli stereotipi legati al loro particolare tipo di attivismo ostacolino le loro capacità di ottenere un lavoro, sia che quella posizione sia in una grande azienda globale o in una piccola impresa locale.

Se sembra tutto esaurito, così sia. Le persone devono sopravvivere e io sono qui per questo.