Parkland Shooting Survivor: 'Ho cercato di fare amicizia con Nikolas Cruz. Ha ancora ucciso i miei amici

Tendenza
Sparatoria al liceo a Parkland, in Florida, ferisce più persone

Immagine tramite Joe Raedle/Getty Images

Isabelle Robinson dice che chi ha sparato era il bullo di Stoneman Douglas, non le vittime innocenti

Quando accade qualcosa di tragico, una reazione naturale per i sopravvissuti o gli spettatori è quella di attribuire la colpa a tale tragedia. Nelle ultime sei settimane, abbiamo visto tutti, dalla NRA, agli esperti di destra, ai troll della sezione commenti su Internet, attribuire la colpa del massacro di Parkland esattamente dove non dovrebbe appartenere: sulle spalle degli studenti sopravvissuti, piuttosto rispetto al tiratore stesso.

Non è solo ridicolo, ma dimostra un'irresponsabile mancanza di pensiero astratto. Sopravvissuto a Parkland e studentessa di Marjory Stoneman Douglas, Isabelle Robinson, un editoriale feroce e straziante nel New York Times dimostra esattamente perché.



Nell'editoriale, intitolato Ho cercato di fare amicizia con Nikolas Cruz. Ha ancora ucciso i miei amici, Robinson spiega perché l'intero forse se i bambini fossero stati più gentili con il tiratore, questo non sarebbe successo è oltre ingiusto e pericoloso. Condivide un incidente che ha coinvolto se stessa e l'assassino anni prima della sparatoria: l'ha aggredita nel mezzo della caffetteria. Scrive che ha ancora cercato di mostrare gentilezza in seguito, insegnandogli al liceo, dove ha risposto guardandola e mettendola a disagio. Robinson sostiene che il movimento #WalkUpNotOut emerso durante la settimana del #NationalWalkoutDay non avrebbe impedito la sparatoria nella sua scuola.

nomi che suonano come qualcos'altro

L'implicazione che i problemi di salute mentale del signor Cruz avrebbero potuto essere risolti se solo fosse stato amato di più dai suoi compagni studenti è sia un grossolano fraintendimento di come funzionano queste malattie sia un suggerimento pericoloso che mette i bambini in prima linea, scrive Robinson.

Anche? Non è responsabilità degli altri studenti mettersi in situazioni vulnerabili con aggressori noti che hanno dimostrato un comportamento violento e imprevedibile. È responsabilità dell'amministrazione scolastica e del dipartimento di orientamento cercare quegli studenti e ottenere loro l'aiuto di cui hanno bisogno, scrive Robinson. Anche se si tratta di un'attenzione estremamente specialistica che non può essere fornita presso la stessa istituzione.

Il suo editoriale ha ottenuto molti consensi sui social media. Perché chi meglio parlare della sparatoria di Parkland e dell'assassino di un compagno di studi sopravvissuto alla sua furia omicida? e lo conosceva bene?

Quante volte questi ragazzi devono dirci che chi ha sparato era una minaccia prima che smettessimo di incolparli per l'omicidio dei loro coetanei – e per cosa? Non sederti accanto a lui a pranzo? Quando si sapeva che aveva tendenze violente? Le complessità di questa particolare tragedia vanno ben oltre l'insegnamento della gentilezza - mentre farlo dovrebbe sempre essere una pietra angolare dell'educazione - essere gentili non è la soluzione del cerotto qui.

Quando qualcuno ti mostra chi è, credici.

So cosa vuol dire essere vittima di bullismo. Come ci si sente a pranzare in bagno perché sei troppo terrorizzato per affrontare il tormento che deriva dall'essere diversi: un bersaglio facile. So cosa vuol dire fingere di essere malato nell'infermeria della scuola più volte al mese solo così non devi sopportare un altro fottuto minuto dei tuoi coetanei. Ancora oggi, ricordo gli uno o due compagni di studio che sono stati gentili con me durante quegli orribili anni delle scuole medie, e sono ancora grato per la loro gentilezza ed empatia.

Ma la sparatoria a Parkland? Il tiratore, e tutti gli altri tiratori prima di lui? Non è la stessa cosa. Perché, come ha sottolineato Isabelle Robinson, il tiratore era il bullo.

Offrire un abbraccio o un sorriso a uno studente in difficoltà non avrebbe fatto differenza qui. O in qualsiasi altra sparatoria scolastica.

Nessuna quantità di gentilezza o compassione da sola avrebbe cambiato la persona che Nikolas Cruz è ed era, o le azioni orrende che ha perpetrato, dice Robinson. Questa è una debole scusa per i fallimenti del nostro sistema scolastico, del nostro governo e delle nostre leggi sulle armi.