celebs-networth.com

Moglie, Marito, Famiglia, Stato, Wikipedia

Sono costantemente di cattivo umore e le cose devono cambiare

Altro
Sono di cattivo umore mamma

PhotoAlto/Odilon Dimier/Getty Images

p!nk cuori selvaggi non possono essere spezzati

Il mio stato d'ansia è una nuvola oscura che getta un'ombra su tutta la mia famiglia. Proprio sotto la superficie di quella nebbia inquietante è dove la mia angoscia si trasforma in rabbia e un cattivo umore molto inquietante e molto persistente... a volte mi sento fuori dal mio controllo.

Con ogni piatto che si accumula, ogni bocca che risponde, ogni carico di biancheria che mi lascia in lacrime perché mi sento un fallito, incapace di conquistare ogni lavoro di mamma in modo appropriato o efficace, mi sento l'orrendo mostro di una mamma di cattivo umore costruendo dentro di me.So che sta arrivando, ma non sono in grado di fermarlo.



La mia angoscia fa salire il cattivo umore fino a quando non è abbastanza furioso da scoppiare finalmente. In un istante, il viso fossette, i sorrisi felici e gli spiriti gioiosi sono schiacciati dalla voce di una madre che non riconosco.

L'esplosione lascia dietro di sé dolorose macerie di mia opera, e mi ritrovo a raccogliere la distruzione che ho causato. E quando il giorno scivola nella notte, salutandomi con quell'ora di quiete tanto necessaria, non desidero altro che essere diverso.Il senso di colpa mi consuma.

Vorrei essere calmo. Vorrei non urlare per far capire il mio punto di vista. Vorrei essere più organizzato. Vorrei aver mostrato l'amore che sento profondamente solo un po' di più.

E poi lo prometto. Prometto di fare ed essere diverso solo per incontrare quelle stesse dichiarazioni di auguri puntate nei giorni a venire.

È ansia, e Dio sa che vorrei avere una presa migliore su di essa. Mentre parole non necessarie e dispettose fluiscono dalla mia bocca, me ne pento non appena le urlo. E a volte anche prima di averli urlati. È quasi come se un'altra parte di me stesse rosicchiando i pezzi per farmi smettere, ma fisicamente non posso finché non ho vomitato la mia rabbia sulle persone che amo.

Non lo capisco, ed è un tratto brutto e pieno di sensi di colpa da possedere. Non lo augurerei al mio peggior nemico.

cosa non chiedere a una tavola ouija

Non mi dispiace chiedere scusa ai miei figli, solo un dannato sciocco e un bastardo arrogante lo sarebbero. Ogni volta che ho uno sfogo o uno scatto di cattivo umore, sono sempre incredibilmente desideroso di scusarmi. Ma scusa non sempre rientra nel grande schema delle cose, vero? Lo so, e mi preoccupo di cosa i miei cattivi stati d'animo potrebbero insegnare e fare ai miei figli.

Mi sento frustrato con loro quando si scagliano per la rabbia nel mezzo della loro angoscia, ma non ci vuole un genio per capire che la mela non cade lontano dall'albero. Stanno imparando da me e non posso fare a meno di sentire che in qualche modo li sto deludendo.

Queste piccole persone, con le quali ho giurato che non avrei mai sbagliato, hanno visto il brutto grido che è uscito da me e proiettano la sua voce forte su di loro. Mi ritrovo a fare un passo indietro e a prendere nota mentale delle cose che ho detto, e a confrontarmi con le domande: mi comporterei in questo modo davanti a qualcun altro? Le ho fatte male? Li amo con tutto ciò che costituisce il mio essere, quindi perché a volte mi sento inesorabilmente fuori controllo intorno a loro?

Ho visto brutte giornate, io e mio marito abbiamo seppellito uno dei nostri figli e ricordo che all'inizio del mio dolore giurai che non avrei mai più detto che avrei avuto una brutta giornata. Ma eccomi qui, a rivendicare brutte giornate che dopotutto non sono poi così brutte.

Pietre miliari dello sviluppo del bambino di 6 settimane

Come posso paragonare dieci carichi di biancheria, un lavandino pieno di piatti, un paio di bambini volitivi e due bambini urlanti al peggior giorno di sempre quando so cosa si prova davvero in una giornata davvero brutta?

Forse sono un po' perso in questo momento, ma almeno non sono troppo orgoglioso per ammetterlo. L'ansia è una stronza, e depreda i miei buoni stati d'animo e li contorce in cattivi. Alcuni giorni mi sento come se non permettessi ai miei figli di essere in realtà solo bambini prima che io mi metta su di loro per ripulire i pasticci che hanno fatto.

A volte posso dire a me stesso che sarà lì domani e riposerò nel caos rumoroso ancora per un po'. Ma questo è tutto.. il casino sarà lì domani. Sarà lì nello stesso modo illeso, in attesa che io lo pulisca... e questo di per sé mi fa stressare fino al cattivo umore.

Sto riconoscendo questo schema nel mio comportamento e so che non va bene. E sto combattendo come un inferno per assicurarmi che non diventi la mia norma.

indovinelli e risposte per adulti sporchi

La mia famiglia non ha chiesto questo, e tutto ciò che fanno i miei piccoli è solo un comportamento da ragazzini. Eppure, sembra che abbia perso il mio spirito infantile.

Quella che voleva cambiarsi i vestiti un milione di volte durante il giorno perché era la protagonista di una sfilata di moda piena di orsi di peluche. Quello che voleva giocare in cucina per imparare a cucinare come la mamma e fare casino mentre lo faceva. E quello che era così volitivo che un semplice no non sarebbe mai stato sufficiente.

Nei giorni in cui ho agito e mi sono sentito come la peggior mamma di sempre, ho bisogno di rendermi conto che c'è sempre tempo per tornare indietro. C'è sempre un momento per fermare le mie emozioni caotiche per il mio piccolo popolo, anche se mi sembra di aver appena giustificato uno scontro frontale all'interno di me stesso.

C'è sempre un momento per trasformare il mio modo di pensare negativo nel credere che almeno ho questa famiglia per cui provare emozioni così profonde. Almeno sono qui per me per preoccuparmi così profondamente delle mie azioni sbagliate abbastanza da cambiarle disperatamente.

C'è sempre tempo per me di essere dolce, gentile e amorevole invece di essere duro, critico e freddo.

Vale la pena trasformare il mio cattivo umore in uno buono, anche se sembra falso e come una battaglia a tutto campo all'interno delle mura del mio stesso essere.