30 poesie e citazioni erotiche su amore e sesso che ti metteranno di buon umore

Giochi Divertenti
filipe-almeida-hQuQwfY8QoE-unsplash (1)

Filipe Almeida/ Unsplash

Quando vuoi entrare in vena, magari ascolti il ​​tuo canzone sexy preferita o fai un salto sul tuo video porno preferito. Ma se ti dicessimo che c'è un modo per eccitarsi usando... la poesia? Sì, è assolutamente una cosa, e abbiamo curato poesie sessuali di leggende letterarie come William Blake ed Emily Dickinson su cui ti rivolgerai ancora e ancora. Loro frasi sui baci sono sufficienti per metterti in vena, figuriamoci il resto delle loro poesie.

E se pensi che la poesia classica non sia abbastanza sexy o non ti scaldi e non ti infastidisca, allora chiaramente non hai ancora letto Love Sonnet XI di Pablo Neruda. Preparati a essere stupito. Accendi il San Valentino e aspettative anniversario e metti una di queste poesie nella tua carta dell'amante . Saranno piacevolmente sorpresi. Non sei solo nel tuo amore per l'erotismo anche la poesia. Infatti, secondo gli ultimi dati di ricerca disponibili, le poesie sul sesso vengono cercate più di 27.000 volte al mese.



Alla ricerca di ulteriori suggerimenti per ravvivare la tua vita sessuale? Dai un'occhiata alle nostre pagine su posizioni sessuali , sesso durante la gravidanza y, e altro ancora.

1. Una domanda a cui risponde William Blake

Di cosa hanno bisogno gli uomini nelle donne?
I lineamenti del desiderio gratificato.
Che cosa richiedono le donne negli uomini?
I lineamenti del desiderio gratificato.

2. Desiderio di Langston Hughes

Desiderio di noi
Era come una doppia morte,
Morire veloce
Del nostro respiro misto,
Evaporazione
Di uno strano profumo sconosciuto
Tra di noi in fretta
In un nudo
Camera.

3. Se venissi in autunno di Emily Dickinson

Se venissi in autunno,
Spazzolerei l'estate da
Con mezzo sorriso e mezzo disprezzo,
Come fanno le casalinghe, una mosca. Se potessi vederti tra un anno,
Avvolgerei i mesi in palle -
E mettili ciascuno in cassetti separati,
Per paura i numeri si fondono — Se solo secoli, in ritardo,
li conterei sulla mia mano,
Sottraendo, finché le mie dita non si abbassano
Nella terra di Van Dieman. Se certo, quando questa vita era finita -
Che il tuo e il mio dovrebbero essere -
lo getterei laggiù, come una scorza,
E prendi l'Eternità - Ma ora, incerto sulla durata
Di questo, cioè tra,
Mi pungola, come l'Ape Goblin -
Questo non lo dichiarerà - la sua puntura.

4. L'incontro di Louise Glück

Sei venuto al lato del letto
e si è seduto a fissarmi.
Poi mi hai baciato - mi sono sentito
cera calda sulla mia fronte.
Volevo che lasciasse un segno:
è così che ho capito di amarti.
Perché volevo essere bruciato, timbrato,
avere qualcosa alla fine-
Ho tirato l'abito sopra la mia testa;
un rossore mi copriva il viso e le spalle.
Farà il suo corso, il corso del fuoco,
posando una moneta fredda sulla fronte, in mezzo agli occhi.
tu giacevi accanto a me; la tua mano si è mossa sul mio viso
come se l'avessi sentito anche tu-
devi aver saputo, allora, come ti volevo.
Lo sapremo sempre, io e te.
La prova sarà il mio corpo.

5. La vite di Robert Herrick

Ho sognato questa mia parte mortale
Fu trasformato in una vite;
Che striscia in un modo e nell'altro
Incantato la mia delicata Lucia.
Ho pensato, le sue gambe lunghe e piccole e le cosce
Io con i miei Viticci sorprendevo;
La sua pancia, le natiche e i suoi rifiuti
Dal mio morbido Nerv'lits sono stati abbracciati.
Sulla sua testa mi contorcevo appeso,
E con ricchi grappoli (nascosti tra
le foglie) le sue tempie mi sono appese:
Così che la mia Lucia mi sembrava
Il giovane Bacco rapito dal suo albero.
I miei riccioli intorno al suo collo strisciavano,
E braccia e mani affascinarono:
In modo che non potesse muoversi liberamente,
(Tutte le parti lì hanno fatto un prigioniero.)
Ma quando sono strisciato con le foglie da nascondere leaves
Quelle parti, che le cameriere tengono nascoste,
Tali piaceri fugaci là ho preso,
che con la fantasia mi svegliai;
E ho trovato (Ah me!) questa mia carne
Più simile a un ceppo che a una vite.

6. Delizia nel disordine di Robert Herrick

Un dolce disordine nel vestito Accende nei vestiti una lussuria; Un prato intorno alle spalle gettato in una bella distrazione; Un merletto errante, che qua e là Incanta lo Stomaco cremisi; Un polsino negligente, e quindi Nastri a fluire confusamente; Un'onda vincente, nota degna, Nella sottoveste tempestosa; Un laccio di scarpa incurante, nella cui cravatta vedo una selvaggia civiltà: fammi più strega, che quando l'arte è troppo precisa in ogni parte.

7. Sonetto d'amore XI di Pablo Neruda

Desidero ardentemente la tua bocca, la tua voce, i tuoi capelli.
Silenzioso e affamato, mi aggiro per le strade.
Il pane non mi nutre, l'alba mi sconvolge, tutto il giorno
Cerco la misura liquida dei tuoi passi.

Ho fame della tua risata elegante,
le tue mani color di un selvaggio raccolto,
fame delle pietre pallide delle tue unghie,
Voglio mangiare la tua pelle come una mandorla intera.

Voglio mangiare il raggio di sole che arde nel tuo bel corpo,
il naso sovrano del tuo viso arrogante,
Voglio mangiare l'ombra fugace delle tue ciglia,

e vado in giro affamato, annusando il crepuscolo,
a caccia di te, del tuo cuore caldo,
come un puma nelle lande di Quitratue.

8. xvii da e.e. cummings

Signora, ti toccherò con la mente.
Toccati e tocca e tocca
fino a quando non darai
mi improvvisamente un sorriso, timidamente osceno

(signora lo farò
toccarti con la mia mente.)Tocca
tu, questo è tutto,

leggermente e completamente diventerai
con infinita cura

la poesia che non scrivo.

9. Dopo aver fatto l'amore in inverno di Sharon Olds

All'inizio non posso avere nemmeno un lenzuolo addosso,
qualsiasi cosa è dolorosa, un piatto di
ferro adagiato sui miei nervi, giaccio lì nel in
aria come se volasse rapidamente senza muoversi, e
lentamente mi raffreddo—caldo,
caldo, fresco, freddo, ghiacciato, fino al
la pelle su tutto il mio corpo è di ghiaccio
tranne che in quei punti i nostri corpi si toccano come
fiori di fuoco. Intorno alla porta
sciolto nel suo telaio, e intorno allo specchio di poppa, il
la luce della sala brucia in linea retta e
getta travi strette sul soffitto, a
figura che alza le braccia per la gioia.
Nello specchio, gli angoli della stanza sono calmi, è il
ora in cui puoi vedere che l'angolo stesso è benedetto,
e i globi scuri del lampadario,
sospesi nello specchio, sono immobili—posso
sento le mie ovaie nel profondo del mio corpo, io
guarda i bulbi argentati, forse lo sono
guardando le mie ovaie, è
chiaro tutto quello che guardo è reale
e bene. Siamo arrivati ​​alla fine delle domande,
fai scorrere il palmo, caldo, grande,
asciutto, di nuovo lungo la mia faccia e
ancora, ancora e ancora, come Dio
dare gli ultimi ritocchi, prima
mandandomi giù per nascere.

10. Ballando a Odessa di Ilya Kaminsky

In una città fatta di alghe abbiamo ballato su un tetto, le mie mani sotto i suoi seni. Sottraendo giorno da giorno, aggiungo le caviglie di questa donna ai miei giorni di espiazione, il suo labbro inferiore, le ossa formali del suo viso. Abbiamo fatto l'amore tutta la sera, le ho raccontato delle storie, i loro riti della pioggia: la felicità è denaro, eppure, ma solo le più piccole monete.

11.Vieni piano, Eden! di Emily Dickson

Vieni lentamente Eden
Labbra non abituate a te -
Sorseggia timidamente i tuoi gelsomini -
Come l'ape svenuta.

12. Erotica di S.T.P.

Ho fatto l'amore con lei sulla carta.
e versato inchiostro come passione sui fogli.
Accarezzavo le sue curve in ogni lettera d'amore.
Ho baciato su e giù per le sue cosce in brevi frasi e prosa.
Ho assaporato tutta la sua innocenza, senza una parola pronunciata.
Le ho morso il labbro e le ho tirato i capelli, tra le righe.
Le ho fatto inarcare la schiena e urlare,
ci voleva solo una penna.

13. Il sesso ha un senso di Wendy Lee

Il sesso ha un modo di ammorbidire le membra,
oliare le giunture e fondere i cuori.

Ci infiliamo più vicino
avvolgendo braccia e gambe l'una sopra e sotto l'altra.

Una coltre terrosa di sonno ci copre
due corpi che rilasciano un respiro.

i pm peggiorano con l'età?

Trovare casa,
arrotolati e infilati nel sudore l'uno dell'altro.

14. Senza titolo di Mason Fowler

Rimaniamo a letto in un mucchio di sudato amore finché le tende non smettono di trattenere il sole e la luce splende su due corpi nudi che erano estranei la notte prima, ma la giovane lussuria scorre più in profondità del previsto e talvolta un peccatore ne incontra un altro e un segreto viene covato che solo uno sguardo negli occhi può dire.

15. Notti selvagge di Emily Dickinson

Notti selvagge — Notti selvagge! Se fossi con te, le notti selvagge dovrebbero essere il nostro lusso! Inutile - i venti A un cuore in porto - Fatto con la bussola - Fatto con la carta! Remare nell'Eden — Ah — il mare! Potrei solo ormeggiare - stanotte - In te!

16. Al tocco di te di Witter Bynner

Al tocco di te,
Come se fossi un arciere con la tua mano veloce all'arco,
Le frecce della gioia hanno attraversato il mio corpo.

eri la primavera,
E io il bordo di una scogliera,
E una cascata splendente si precipitò su di me.

17. Cesto di fichi di Ellen Bass

Portami il tuo dolore, amore. Propagazione
fuori come bei tappeti, fusciacche di seta,
uova tiepide, cannella
e chiodi di garofano in sacchi di tela. Fammi vedere

il dettaglio, il ricamo intricato
sul colletto, piccoli bottoni a conchiglia,
l'orlo a giorno come ti è stato insegnato,
pungendo solo un filo, quasi invisibile.

Aprilo come gioielli, l'oro
ancora caldo dal tuo corpo. Vuoto
il tuo cesto di fichi. Versa il tuo vino.

Quella dura pepita di dolore, la succhierei,
cullandolo sulla mia lingua come la chiazza di petrolio
seme di melograno. lo solleverei

teneramente, come potrebbe fare un grande animale
portane uno piccolo in privato
grotta della bocca.

18. Alla sua amante che va a letto di John Donne

Vieni, signora, vieni, tutti riposano le mie forze sfidano, Finché non mi affatico, io nel travaglio giaccio. Il nemico che spesso ha il nemico in vista, è stanco di stare in piedi anche se non combatte mai. Via con quella cintura, come la zona del paradiso scintillante, ma un mondo molto più giusto che comprende. Slaccia quella corazza di lustrini che indossi, affinché gli occhi degli sciocchi indaffarati possano essere fermati lì. Slacciati, per quel rintocco armonioso, mi dice da te, che ora è ora di andare a letto. Via con quel busk felice, che invidio, che può ancora essere, e può ancora stare così vicino. La tua veste che si spegne, rivela uno stato così bello, Come quando dai prati fioriti l'ombra della collina ruba. Via con quel diadema ispido e mostra il diadema peloso che su di te cresce: ora via con quelle scarpe, e poi calpesta al sicuro nel tempio consacrato di questo amore, questo morbido letto. In tali vesti bianche, gli angeli del cielo venivano ricevuti dagli uomini; Tu angelo porti con te un paradiso come il paradiso di Maometto; e sebbene gli spiriti maligni camminino in bianco, sappiamo facilmente, da questo questi angeli da uno spirito malvagio, quelli mettono i nostri capelli, ma questi la nostra carne dritta. Autorizza le mie mani erranti, e lasciale andare, prima, dietro, in mezzo, sopra, sotto. Oh mia America! la mia terra ritrovata, il mio regno, il più sicuro quando con un solo uomo presidiato, la mia miniera di pietre preziose, la mia empiria, quanto sono felice quando ti scopro! Entrare in questi vincoli significa essere liberi; Allora, dove sarà posata la mia mano, sarà il mio sigillo. Nudità totale! Tutte le gioie sono dovute a te, come devono esserlo le anime senza corpo, i corpi senza vestiti, per gustare intere gioie. Le gemme che usate voi donne sono come le palle di Atlanta, proiettate negli occhi degli uomini, affinché quando l'occhio di uno stolto si posa su una gemma, la sua anima terrena possa desiderare la loro, non loro. Come le immagini, o come le allegre coperture dei libri fatte per i laici, tutte le donne sono così vestite; Essi stessi sono libri mistici, che solo noi (che la loro grazia attribuita onorerà) dobbiamo vedere rivelati. Allora dal momento che posso sapere; Tanto generosamente, come a una levatrice, mostra te stesso: getta tutto, sì, questo lino bianco da qui, non c'è penitenza dovuta all'innocenza. Per insegnarti, sono nudo per primo; perché allora cosa hai bisogno di avere più copertura di un uomo.

19. Non importarmi più (o quando ero giusto e giovane) della regina Elisabetta io

Quando ero bella e giovane, il favore mi ha onorato. Di molti cercavo di essere la loro amante. Ma io li disprezzavo tutti e perciò risposi loro: Andate, andate, andate, cercate un altro luogo; non importunarmi più. Quanti occhi piangenti ho fatto struggersi di dolore, quanti cuori sospiranti non ho capacità di mostrare, ma io il più orgoglioso crescevo e ancora così parlavo: va, va, va, cerca altro dove, non importunarmi più. Allora parlò il bel figlio di Venere, quel fanciullo orgoglioso e vittorioso, dicendo: bella dama, perché sei così timida, ti strapperò le piume tanto che non dirai più: vai, vai, vai, cerca un altro luogo, importuna io non più. Non appena ebbe detto, nel mio petto crebbe un tale cambiamento che né notte né giorno potei riposarmi. Perciò mi pentii di aver detto prima: Va, va, va, cerca altro dove, non importunarmi più.

20. Alla sua amante timida di Andrew Marvell

Se avessimo avuto abbastanza mondo e tempo, questa timidezza, signora, non sarebbe stato un crimine. Ci sedevamo e pensavamo da che parte camminare, e passavamo la nostra lunga giornata d'amore. Tu dalla parte del Gange indiano Dovresti trovare rubini; Io per la marea di Humber mi lamenterei. Ti amerei dieci anni prima del diluvio, e dovresti, per favore, rifiutare fino alla conversione degli ebrei. Il mio amore vegetale dovrebbe crescere più vasto degli imperi e più lento; Cent'anni dovrebbero andare a lodare i tuoi occhi, e a fissare la tua fronte; Duecento per adorare ogni seno, ma trentamila per il resto; Un'età almeno in ogni parte, E l'ultima età dovrebbe mostrare il tuo cuore. Perché, signora, meriti questo stato, né io amerei a un tasso inferiore. Ma dietro di me sento sempre avvicinarsi il carro alato del Tempo; E laggiù tutti davanti a noi giacciono Deserti di vasta eternità. La tua bellezza non si troverà più; Né, nella tua volta di marmo, suonerà il mio canto echeggiante; allora i vermi proveranno quella verginità a lungo conservata, e il tuo bizzarro onore si trasformerà in polvere, e in cenere tutta la mia lussuria; La tomba è un luogo bello e privato, ma nessuno, credo, vi abbraccia. Ora dunque, mentre il colore giovanile siede sulla tua pelle come rugiada mattutina, e mentre la tua anima volenterosa traspare da ogni poro con fuochi istantanei, ora giochiamoci finché possiamo, e ora, come uccelli da preda amorosi, piuttosto subito il nostro il tempo divora che languire nel suo potere screpolato. Facciamo rotolare tutta la nostra forza e tutta la nostra dolcezza in una palla, e strappiamo i nostri piaceri con aspra lotta attraverso le porte di ferro della vita: così, anche se non possiamo fermare il nostro sole, lo faremo correre.

21. Terminus di Edith Wharton

Meravigliose erano le lunghe notti segrete che mi hai regalato, mio ​​Amante,
Palmo contro palmo petto contro petto nell'oscurità. La debole lampada rossa,
Arrossando di magiche ombre la sala comune della locanda
Con i suoi mobili opachi e impersonali, accendeva una fiamma mistica
Nel cuore dello specchio oscillante, il vetro che ha visto
Volti innumerevoli e vaghi degli infiniti automi in viaggio,
Girò per le vie del mondo come vortici di polvere spazzati per una strada,
Volti indifferenti o stanchi, accigliati di impazienza o di dolore,
Sorrisi (se mai ce ne fossero stati) come il tuo sorriso e il mio quando si sono incontrati
Qui, in questo stesso bicchiere, mentre mi aiutavi a slacciarmi il vestito,
E le bocche d'ombra si fusero in una, come uccelli marini che si incontrano in un'onda - Continua a leggere

22. Anche io sotto la tua luna di Edna St. Vincent Millay Mil

Anch'io sotto la tua luna, sesso onnipotente,
Esci al calar della notte piangendo come un gatto,
Lasciando l'alta torre a cui ho lavorato
Per gli uccelli da sporcare e i ragazzi e le ragazze da irritare
Con gesso ridacchiante; e tu, e i lunghi colli
Dei vicini seduti dove sedevano le loro madri
Sono ben consapevole dell'ombra questo e quello
In me, questo non è né nobile né complesso.
Tale come sono, tuttavia, ho portato
A che cosa è, questa torre; è mio;
Sebbene sia stato allevato alla bellezza, è stato forgiato
Da quello con cui ho dovuto costruire: ossa oneste
C'è, e l'angoscia; orgoglio; e pensiero ardente;
E la lussuria è lì, e le notti non trascorse da sole.

23. Amore e sonno di Algernon Charles Swinburne

Sdraiato addormentato tra i colpi della notte
Ho visto il mio amore chinarsi sul mio triste letto,
Pallido come la foglia o la testa del giglio più scuro,
dalla pelle liscia e scura, con la gola nuda fatta per mordere,
Troppo pallido per arrossire e troppo caldo per il bianco,
Ma di un colore perfetto senza bianco o rosso.
E le sue labbra si aprirono amorosamente, e disse:
Non so cosa, risparmiando una parola: Delizia.

E tutto il suo viso era miele per la mia bocca,
E tutto il suo corpo pascola ai miei occhi;
Le lunghe braccia flessuose e le mani più calde del fuoco,
I fianchi tremanti, i capelli che odorano di sud,
I piedi luminosi e luminosi, le splendide cosce elastiche
E palpebre scintillanti del desiderio della mia anima.

24. La poesia fluttuante, non numerata di Adrienne Rich

Qualunque cosa accada con noi, il tuo corpo
perseguiterà il mio — tenero, delicato
il tuo fare l'amore, come la fronda mezzo arricciata
della felce violino nelle foreste
appena lavato dal sole. Le tue cosce viaggiate e generose
tra i quali è venuto e venuto tutto il mio viso -
l'innocenza e la saggezza del luogo che la mia lingua vi ha trovato -
la danza viva e insaziabile dei tuoi capezzoli nella mia bocca -
il tuo tocco su di me, fermo, protettivo, ricercante
me fuori, la tua lingua forte e le dita sottili
arrivando dove ti aspettavo da anni
nella mia grotta bagnata di rose - qualunque cosa accada, questo è.

25. Ricreazione di Audre Lorde

Venendo insieme
è più facile lavorare
dopo i nostri corpi
incontrare
carta e penna
né cura né profitto
che scriviamo o no
ma mentre il tuo corpo si muove
sotto le mie mani
carico e in attesa
tagliamo il guinzaglio
mi crei contro le tue cosce
collinare con immagini
muovendosi attraverso i nostri paesi di parola
il mio corpo
scrive nella tua carne
il poema
fai di me.

Toccandoti prendo la mezzanotte
mentre i fuochi della luna si accendono nella mia gola
Ti amo carne in fiore
ti ho fatto
e prenditi fatto
Dentro me.

26. L'ateo di Megan Falley

La prima volta che abbiamo fatto l'amore ho capito perché
Non ho mai pregato. Un essere umano può solo dire
oh Dio così tante volte.

27.Aubade di Amy Lowell

Come libererei la mandorla bianca dalla buccia verde
Quindi vorrei togliere le tue trappole,
Amati.
E tastando il nocciolo liscio e levigato
Dovrei vedere che nelle mie mani brillava una gemma senza limiti.

28. Ricordo di Maya Angelou

Le tue mani facili
peso, stuzzicando le api
alveato tra i miei capelli, il tuo sorriso al
pendio della mia guancia. Sul
occasione, si preme
sopra di me, splendente, zampillante
prontezza e stupri misteriosi
il mio motivo
Quando ti sei ritirato
te stesso e la magia, quando
solo il tuo profumo
l'amore indugia tra
il mio seno, allora, solo
poi, posso consumare avidamente?
la tua presenza.

29. Papaveri di mare di H.D.

Ambra ricorda
scanalato d'oro,
frutta sulla sabbia
contrassegnato da una grana ricca,

Tesoro
versato vicino ai pini arbustivi
sbiancare sui massi:

il tuo gambo ha messo radici caught

tra i sassi bagnati
e alla deriva scagliata dal mare
e conchiglie grattugiate
e conchiglie divise.

Bello, diffuso,
fuoco su foglia,
che prato produce
una foglia così profumata
come la tua foglia luminosa?

30. Assicurazione di Emma Lazarus

La scorsa notte ho dormito, e quando mi sono svegliato il suo bacio
Galleggiava ancora sulle mie labbra. Perché ci eravamo allontanati
Insieme nel mio sogno, attraverso una radura oscura,
Dove i timidi raggi lunari osavano appena illuminare la nostra beatitudine.
L'aria era umida di rugiada, tra gli alberi,
Le lucciole nascoste si accesero e furono spente.
Guancia premuta contro guancia, il fresco, la calda brezza notturna
Mescolavano i nostri capelli, il nostro respiro, e andavano e venivano,
Come sportivi con la nostra passione. Basso e profondo
Mi parlò all'orecchio la sua voce: E tu sognasti,
Questo potrebbe essere sepolto? Questo potrebbe essere il sonno?
E l'amore sia schiavo a morte! No, qualunque cosa sembri,
Abbi fede, caro cuore; questa è la cosa che è!
Allora mi svegliai, e sulle mie labbra il suo bacio.