celebs-networth.com

Moglie, Marito, Famiglia, Stato, Wikipedia

Cosa mi spezza di più il cuore di non avere una figlia

Generale
ragazzini-baciando-mamma-sulla-guancia

Sai, anche se avessi un altro figlio, non ci sarebbe alcuna garanzia che sarebbe una femmina, sbottò mia madre.



A volte a mia madre manca qualcosa chiamato tatto . O forse c'è qualcosa nel legame madre-figlia che consente l'onestà pura e non filtrata.

Ho due figli selvaggi, deliziosi e dolci come il miele. Quando io e mio marito abbiamo deciso di avere figli, abbiamo deciso che ne volevamo due, a circa cinque anni di distanza. Daremmo al primo tutta la nostra attenzione, lo manderemmo a scuola, quindi faremmo lo stesso per il secondo. 10 anni di bambini piccoli. Allora fatto. Boom.





Quando abbiamo fatto l'ecografia di 20 settimane per la nostra seconda, sapendo che probabilmente sarebbe stato il nostro ultimo figlio, ammetto che avevo un nodo allo stomaco. Se non fosse una ragazza, sarebbe quella. Sarei una mamma di ragazzi per il resto della mia vita. Non saprei com'era avere una figlia mia.

Fino all'ultimo minuto, ho esitato a scoprire il sesso del nostro bambino. Ma non appena il tecnico degli ultrasuoni si è spostato nella metà inferiore del suo corpicino, è stato chiaro cosa stava succedendo. Le sue gambe erano spalancate, il pene puntato dritto in aria. L'ho annunciato prima che lo facesse il tecnico.

Sono cresciuto in una casa di tutte le ragazze: mia madre, mia sorella minore e io. Pensa a tre donne che hanno la sindrome premestruale tutte in una volta. Immagina una casa che risuona di pura emozione: porte sbattute, piedi battuti, lacrime che volano. My Little Pony, Barbie, elastici infilati in ogni angolo della casa.

Ora sono circondato da ragazzi. Sono all'altezza del mio omonimo: io sono Wendy e loro sono i ragazzi perduti. La verità è che trovo i ragazzi rinfrescanti. li trovo accattivanti. E sono follemente innamorato dei miei figli, tutto di loro, e non cambierei nulla. mi sento realizzato.

Certo, a volte mi chiedo come sarebbe avere una bambina intorno: tutti i bei vestiti e accessori; sedersi per intrecciarle i capelli; comprando il suo primo reggiseno; raccontandole il ciclo. Certo, potrei avere una ragazza che disprezza tutto ciò che è femminile, ma è probabile che avrei almeno un assaggio del mondo femminile se avessi una figlia. A volte provo fitte di nostalgia per queste cose, ma niente che mi arrivi allo stomaco.

Tuttavia, c'è una cosa che fa . È l'unica cosa che i miei figli non saranno in grado di realizzare in alcun modo (senza qualche magia magica o strane scoperte mediche), e l'unico motivo per cui mi pento di non avere una figlia.



Non guarderò mai mia figlia diventare madre . Quando ci penso, il mio cuore si spezza un po' (molto).

(Mi rendo conto che anche se avessi una figlia, lei potrebbe non volere o non essere in grado di diventare madre. Ma abbi pazienza, qui sono nel mondo della fantasia.)

Quindi, alla figlia che potrei non avere mai...

Voglio trattenerti i capelli mentre vomiti nella toilette durante il tuo primo trimestre.

Voglio ricevere la telefonata quando non sei sicuro che quei piccoli svolazzi siano gas... o baby.

Voglio venire da te quando non sopporti più la gravidanza, massaggiarti i piedi, premere la mia mano sui dolori e sui dolori, prepararti un panino al formaggio grigliato, mammina magica via tutta quell'angoscia di fine gravidanza.

cose buone per chiamare la tua ragazza

Voglio venire alla tua nascita se sono invitato, e voglio rispettare l'inferno della tua decisione se non mi vuoi lì.

Se sono alla tua nascita, voglio lasciarti spremere la circolazione dalla mia mano, seppellire il tuo viso nella mia spalla. Voglio lasciarti urlare nel mio orecchio, gemere, imprecare, qualunque cosa funzioni.

Voglio aiutarti a credere nella capacità del tuo corpo di nascere, qualunque siano le tue scelte di nascita e comunque la tua nascita si riveli.

Voglio aiutare te e il tuo bambino ad allattare (se lo desideri) e darti un sacco di spazio per trovare il tuo ritmo.

Voglio cucinarti da mangiare, voglio pulire la tua casa, voglio farti riposare a letto con il tuo bambino per tutti i giorni e le settimane di cui hai bisogno.

Voglio che mi butti fuori ogni volta che ne hai bisogno.

Voglio vederti innamorarti del tuo bambino.

Voglio ascoltarti dirmi come ti senti come se il tuo mondo stesse cadendo a pezzi, che il vecchio te è sparso sul pavimento come panni sporchi.

Voglio dirti quanto è normale, quanto sei splendida in questa luminosa mattina di primavera con i tuoi capelli non lavati in una coda di cavallo disordinata.

Voglio respirare il tuo coraggio, la tua saggezza, la tua forza, tutte cose che ci sono, ma che ancora non vedi.

Voglio vedermi in te, vedere mia madre in te, tutte le generazioni di madri e di donne nei tuoi occhi belli e stanchi.

Voglio guardarti dormire, il tuo bambino infilato nel tuo fianco come una virgola.

Voglio stare lì e guardare voi due respirare dolcemente.

I miei due figli provengono da una lunga stirpe di padri gentili, con i piedi per terra e coinvolti: mio padre, il loro padre, il padre di mio marito. Questi sono uomini che hanno pianto quando sono nati i loro bambini, che non esiterebbero a lasciare che un neonato dorma metà della notte sul caldo petto del papà.

Se un giorno i miei figli diventeranno padri (per favore, almeno uno di voi lo faccia!), so che li guarderò con le lacrime agli occhi mentre tengono in braccio i loro neonati, e che legherò con loro in modi nuovi mentre crescono fino alla paternità . E forse si uniranno a donne che mi lasceranno fare da madre un po' mentre diventano madri.

Ma non posso negare che ci sarà sempre un desiderio, un dolore profondo, di condividere il rito del passaggio alla maternità con una figlia mia.