celebs-networth.com

Moglie, Marito, Famiglia, Stato, Wikipedia

Questo è ciò con cui tante nuove mamme (comprese le celebrità) lottano

Mamma Lavoratrice
PicMonkey Collage-102

A SINISTRA: Kylie Jenner/Instagram; A DESTRA: Chrissy Teigen/Instagram

È la sindrome del ritorno al lavoro. lo vedo molto. Ho trascorso 20 anni a reclutare personale per Amazon, Google e altre importanti aziende e ho lavorato con molte neo mamme che si occupavano di rientro. Ho riconosciuto ciò che Jenner e la maggior parte delle neomamme descrivono come un'esperienza. Il problema è che in realtà non ha un nome ed è ora di cambiarlo.

frasi di flirt da dire a un ragazzo

Anche le celebrità non sono esenti

C'è stata molta stampa intorno a Kylie Jenner. Il ventenne è pronto a diventare il più giovane miliardario self-made del mondo. Il suo impero da 900 milioni di dollari detronerà il predecessore, Mark Zuckerberg, fondatore di Facebook.



Kylie Jenner, parte della famosa famiglia Kardashian, ha iniziato la sua nuova linea di trucco perché si sentiva insicura del suo aspetto, in particolare delle sue labbra sottili. Dopo aver aggiunto i filler per le labbra e non aver visto risultati naturali, ha deciso di rimuovere i filler e ha sviluppato il suo lucidalabbra e le sue fodere per aumentare la sua autostima e aiutare le donne a sentirsi sicure.

La transizione per Kylie arriva in un momento in cui ha recentemente dato alla luce il suo primo figlio ed è tornare al lavoro . Essendo una celebrità sempre sotto gli occhi del pubblico con la sua linea di abbigliamento, programmi TV e sorelle famose, Kylie potrebbe non sapere che le insicurezze che sta vivendo vanno oltre i riempitivi per le labbra. Un problema a volte nascosto, mal diagnosticato e spesso trascurato per le neomamme è l'ansia post-partum direttamente correlata al ritorno al lavoro.

Visualizza questo post su Instagram

portando stasera il mio compleanno con il mio regalo più speciale. Cos'era la vita prima di te, Stormi. Ti amo mio piccolo angelo.

Un post condiviso da Kylie (@kyliejenner) il 9 agosto 2018 alle 13:30 PDT

i migliori giocattoli di Topolino per bambini di 1 anno year

Anche la sorella di Jenner, Khloe Kardashian, ha espresso preoccupazione per la fine del congedo di maternità dopo la nascita di sua figlia, True. Sono diventato solo ansioso per questo, lei disse di tornare al lavoro. Oggi sono molto in ansia. Non so come farò a lasciarla tutto il giorno domani. Questo mi sta facendo impazzire.

Sindrome da rientro al lavoro: che cos'è?

È quella sensazione di terrore, ansia o depressione che prova una donna quando è... è ora di tornare al lavoro dopo la nascita di un bambino. È nello spettro della depressione e dell'ansia postpartum più comunemente conosciute. I dati rivelano che l'ansia postpartum colpisce 1 donna su 6 mentre la depressione postpartum colpisce il 20% delle neomamme.

Prepararsi a tornare al lavoro può aggiungere ulteriore stress e deve essere riconosciuto. I cambiamenti ormonali, l'ansia da separazione e la maternità sono già stressanti. Tornare al lavoro e riabituarsi alle pressioni della vita lavorativa aggiunge un altro livello di complicazioni. Quando le donne sentono che è troppo da sopportare, prenderanno in considerazione la possibilità di non tornare alla forza lavoro o peggio.

L'ansia post-partum non diagnosticata è un fattore

Il dottor Ian Paul del Penn State College of Medicine ha condotto uno studio sull'ansia post-partum in cui a 400 donne sono state poste domande sul sentirsi nervose, ansiose, indecise o tese da 2-3 giorni dopo il parto fino a 6 mesi dopo la nascita.

Lo studio ha rilevato che il 17% delle donne soffriva di ansia. Mentre le politiche di congedo di maternità durano 8-12 settimane, ciò significherebbe che a soli 2-3 mesi, le nuove mamme stanno tornando a lavorare con ansia o depressione postpartum potenzialmente non diagnosticate e potrebbero non saperlo.

Le neomamme potrebbero pensare che sia solo l'aumento di peso, la mancanza di sonno o i nervi a causare il loro sgomento, ma questi sono spesso sintomi indicativi di stress elevato e fluttuazioni dei livelli ormonali. Questi problemi peggiorano in circa il 5,4 percento delle madri, afferma la dott.ssa Emily Miller, ricercatrice clinica presso Feinberg che lavora nella medicina fetale materna.

Visualizza questo post su Instagram

Lo dirò solo: ho la depressione post partum. Tanto amore a @glamourmag per avermi permesso di condividere qualcosa che mi stava divorando dentro per mesi e mesi. Una delle cose più sorprendenti dei social media è la capacità di interagire sinceramente con amici e fan ed è stato così strano sapere cosa stavo passando ma non sentirmi davvero come se fosse il posto giusto per parlarne. Mi sono sempre sentito sinceramente vicino a tutti voi e sono follemente sollevato che ora sappiate qualcosa che è stata una parte così importante di me per così tanto tempo. Il mio saggio completo è sulla biografia di @glamourmag.

Un post condiviso da chrissy teigen (@chrissyteigen) il 6 marzo 2017 alle 9:24 PST

A parte Kylie Jenner e le altre celebrità Chrissy Teigen e Hayden Panettiere che hanno espresso pubblicamente le loro battaglie contro la depressione postpartum, la malattia colpisce 600.000 nuove madri ogni anno e l'ansia postpartum può peggiorare e durare più a lungo. Da qui la necessità di buoni sistemi di supporto.

dolori acuti alle costole durante la gravidanza

Non è solo sporgersi; Piuttosto è entrare

Alcune aziende stanno introducendo programmi di tutoraggio delle risorse umane che supportano le neomamme che tornano al lavoro. Il mentoring aiuta le donne a riadattarsi nel mondo del lavoro spostando le priorità e riacquistando terreno, il vantaggio competitivo e la fiducia che avevano prima del congedo di maternità.

Il momento in cui le neomamme tornano al lavoro è una fase cruciale in cui i mentori possono aiutare in modi potenti. Non solo Sheryl Sandberg ha fatto riferimento a questo nel suo libro, Appoggiati , ma le donne possono entrare. È simile a una giostra in un parco di divertimenti che si ferma temporaneamente e consente ai nuovi passeggeri di salire. Le madri vengono riaccolte in modo che possano tornare ai loro ruoli o creare nuovi ruoli per adattarsi a programmi impegnativi e talvolta caotici.

Le donne mentori sono importanti perché negli ambienti aziendali gli uomini non possono sempre relazionarsi. Il tempo libero di un uomo potrebbe essere solo per le vacanze o le vacanze e, se non programmato, potrebbe essere solo per un intervento chirurgico. Gli uomini potrebbero non comprendere i cambiamenti ormonali e psicologici associati al parto. Da qui la necessità di tutor femminili.

Le neomamme hanno bisogno di supporto per la sindrome del ritorno al lavoro

Le complesse sfide che le neomamme devono affrontare non finiscono con il congedo di maternità. Le madri hanno bisogno di essere sostenute quando escono dal congedo di maternità.

le rose sono rosse le violette sono blu

Il mio consiglio per le donne è di cercare un gruppo di tutoraggio al lavoro o online o contattare organizzazioni in cui la voce delle donne può essere ascoltata, le idee possono essere condivise e hanno un team di persone di supporto che si relazionano a loro come mamme.

Avere un piano di supporto può aiutare una donna a tornare al lavoro, ma, cosa ancora più importante, essere testati e trattati per la depressione e l'ansia postpartum possono aiutare con le pressioni sociali e lo stress legato al lavoro o alla casa. Proprio come Kylie sta trovando la sua strada come nuova imprenditrice e miliardaria che si è fatta da sé, c'è molto da destreggiarsi.