celebs-networth.com

Moglie, Marito, Famiglia, Stato, Wikipedia

Se hai intenzione di solleticare i tuoi figli, ci devono essere alcune regole di base

Salute E Benessere
niente solletico

Porta / iStock

Attenzione: il solletico non è tutto ciò che è stato immaginato.

Ero al telefono con la mia amica Elizabeth quando ho sentito sua figlia di 9 mesi Poppy strillare in sottofondo.



Oooh! ho sussultato. Poppy sta bene?

scherzi sugli animali per bambini di 5 anni

Non sta piangendo. Lei sta ridendo! ha spiegato Elisabetta. Greg sta giocando a Tickle Monster con lei.

Oh, no! Non solletico mostro! Ho pensato, il mio cuore batteva forte. Tu sei sicuro lei lo ama? ho chiesto cautamente.

Sì! Perché? lei ha risposto in un modo che ha detto, Questo è meglio che sia buono.

Bene, ho iniziato, solo perché un bambino ride non significa che si diverta necessariamente...

Sei serio? Credimi, le piace essere solleticata, ha detto. Comunque, devo andare.

Clic.

Merda!

Mi dispiaceva di aver detto qualcosa, ma allo stesso tempo pensavo, Come potrei non averlo? Non puoi fare il solletico a un bambino indifeso, per l'amor di Dio!

Come molte persone, Greg ed Elizabeth hanno preso le risatine di Poppy al valore nominale. Quello è il problema del solletico. Provoca le stesse reazioni fisiologiche dell'umorismo - cioè risate, pelle d'oca e contrazioni muscolari convulse - il che significa che possiamo sembrare che stiamo passando il tempo della nostra vita mentre soffriamo, a volte molto.

Nel New York Times articolo Anatomy of a Tickle Is Serious Business presso il Research Lab, spiega il biologo evoluzionista Richard Alexander, (T)risata sbarazzina non è il fenomeno felice che molti hanno ipotizzato che sia (…) Un bambino può essere trasformato da una risata in lacrime andando il più piccolo bit troppo lontano (...) (Solletico) non crea una sensazione piacevole - solo l'aspetto esteriore di uno.

elenco di cognomi e significati

Storicamente, molte culture hanno sfruttato la capacità del solletico di causare dolore. Ad esempio, durante la dinastia Han, la tortura cinese del solletico era la punizione scelta dalla nobiltà perché causava sofferenza sufficiente senza lasciare segni. E nell'antica Roma, i trasgressori erano legati, i loro piedi inzuppati di sale, e poi le capre li avrebbero attaccati con la lingua. Più di recente, ho letto un racconto straziante di un nazista che torturava un prigioniero ebreo facendogli il solletico con una piuma.

Ma oggi, sembra che in qualche modo siamo riusciti a ingannarci pensando che il solletico non abbia un lato oscuro. Eppure, ho sentito molti resoconti personali di persone che hanno condiviso con me le loro esperienze infantili traumatiche:

Da piccola odiavo e temevo di essere solleticata e continuo a farlo. Mi ricorda il respiro affannoso mentre sono soffocato e incapace di comunicare.

Mia madre mi faceva sempre il solletico anche se dicevo basta. Era così frustrante perché volevo mostrarle che mi stavo divertendo con lei, ma mi sentivo impotente e controllato.

Mi piaceva essere solleticato fino a un certo punto, ma molte persone avrebbero ignorato le mie chiare richieste di smettere. Ansimando e bloccato, spesso finiva in un attacco di panico per me che mi lasciava piangere e scappare via alle chiamate di 'Non ti ho fatto male!' Non fare il bambino!'

un buon secondo nome per un ragazzo

Anche se urlavo 'Stop!' mio padre semplicemente mai capito lo intendevo. Così, finalmente quando avevo 13 anni, mentre lottavo, gli ho rotto un dito! Fu allora che il suo solletico finì per sempre.

Mi chiedo se i genitori ignorino abitualmente le suppliche dei loro figli di smettere perché sono sinceramente ingannati dalle risate dei loro figli o se sono intenzionalmente ingannati. Sembra che siamo arrivati ​​a usare il solletico come se fosse un pulsante magico che cambierà in meglio l'umore dei nostri figli o il modo in cui si sentono per noi.

Ricordo che ero in una stanza con mia figlia e un gruppo di suoi amici di 5 anni. Erano tutti seduti intorno a un tavolo intenti a colorare quando uno dei papà entrò. Nessuno se ne accorse. Così si avvicinò a sua figlia e le agitò le dita sotto l'ascella. Facendo una smorfia, si allontanò. Sto lavorando! sembrava dire. Tuttavia, lo ha fatto di nuovo.

Smettila! gemette.

Che cosa? Rilassare! disse sulla difensiva. ti sto solo solleticando. Sii gentile.

La mia ipotesi è che stesse cercando un segno che sua figlia fosse felice di vederlo. E sembra che sua figlia fosse felice del modo in cui si è comportato come lo sarei stato io se stavo lavorando al mio computer e qualcuno a caso avesse iniziato a farmi il solletico. Fastidioso, nel migliore dei casi!

Sarei negligente se non menzionassi che il solletico è uno dei mezzi usati dai predatori sessuali per accarezzare le loro vittime. La psicoterapeuta Tracy Lamperti spiega come fanno i predatori sessuali:

Porte d'accesso alla vittima, (…) (sono) strategie successive e ponderate utilizzate da un autore con la vittima e/o la famiglia al fine di facilitare la loro capacità di compiere atti di abuso sessuale sul minore con la massima probabilità di poterlo fare senza essere scoperti. Sebbene non tutti gli adulti che fanno il solletico ai bambini stiano aprendo la strada ad abusarne sessualmente, il solletico è un buon esempio del processo di toelettatura. Quando la fiducia può essere conquistata e le difese possono essere disarmate, l'autore del reato è quindi in grado di avere la meglio con il bambino. Con l'esempio del solletico, l'autore è in grado di solleticare pubblicamente e/o privatamente solo un po'. L'atto viene eseguito allegramente e giocosamente. In questo 'esperimento controllato' l'autore del reato è in grado di vedere se qualcuno sta per stabilire un limite, 'Oh, zio John, non abbiamo una regola di solletico nella nostra famiglia. Smettila di fare il solletico a Sam.'

Ovviamente nessuno vuole pensarci. Ma ogni volta che rispettiamo il No o Stop di nostro figlio! , indipendentemente dal fatto che lo abbiano detto esplicitamente o tramite il linguaggio del corpo, li aiutiamo a imparare che è il loro corpo e il loro diritto a decidere cosa gli succede. Questo servirà loro bene quando si frequentano.

Come ha scritto la grande psicologa Alice Miller, Se i bambini sono stati abituati fin dall'inizio a far rispettare il loro mondo, non avranno problemi più avanti nella vita a riconoscere la mancanza di rispetto (…) e vi si ribelleranno da soli.

regole per i 18enni che vivono in casa

Sto dicendo di non fare mai il solletico ai tuoi figli? No! So che alcuni bambini lo adorano. Penso che possiamo fare il solletico responsabilmente. Ecco le mie linee guida:

1. Se un bambino è troppo piccolo per parlare, non farlo solleticarli. Meglio prevenire che curare.

2. Prima di fare il solletico, chiedi. Mentre toglie l'elemento sorpresa, puoi essere scherzoso al riguardo.

3. Fai un segnale che significhi Fermati se ridono troppo per parlare.

Estratto da ParentSpeak: cosa c'è di sbagliato nel modo in cui parliamo ai nostri figli e cosa dire invece? (Editoria Operaia). Diritto d'autore 2016.