celebs-networth.com

Moglie, Marito, Famiglia, Stato, Wikipedia

Ho rovinato involontariamente il matrimonio di mia figlia

Genitorialità
Sposa in camera da letto con ripensamenti prima del matrimonio

scimmiabusinessimages/Getty

nomi caldi per chiamare il tuo ragazzo

Quando una donna sente di non essere abbastanza, soprattutto quando si tratta della sua genitorialità, è probabile che cerchi di compensare quella mancanza percepita compensando eccessivamente. Questo può sembrare un sacco di cose diverse, ma ti darò un esempio dalla mia vita.

Quando mia figlia maggiore era sposarsi , ha suscitato in me tutti i tipi di sentimenti, ma il pensiero dominante era questo: devo rendere il suo matrimonio il giorno più incredibile di sempre. Stavo operando da un luogo in cui mi sentivo un fallimento come madre, poiché sua sorella, la mia figlia minore, si era allontanata da me anni prima. Stavo cercando di compensare la mia convinzione di essere una madre terribile tirando fuori tutte le fermate per la figlia che avevo ancora nella mia vita.



In sostanza, stavo cercando di riconquistare il mio distintivo di buona madre.

Alla fine, mia figlia ha avuto un bellissimo giorno del matrimonio. Ho lavorato duro come non ho mai lavorato per renderlo perfetto in ogni modo. E alla fine, mia figlia era stressata, delusa ed esausta.

Quando me lo ha fatto sapere, mi sono sentito come se mi avessero preso a calci nello stomaco. È stato un colpo devastante per il mio tentativo di convincermi che sono davvero una brava madre. Mi ha anche spezzato il cuore il fatto che fosse delusa, perché volevo renderla felice. Non hai un rifacimento del giorno del tuo matrimonio. Dove avevo sbagliato?

Mi ci sono voluti mesi per riprendermi dal dolore del mio fallimento, il dolore di averla ferita quando avrei voluto che fosse elettrizzata dalla sua giornata. Ho passato molto tempo a desiderare di poterlo annullare. Avevo il cuore così spezzato che non potevo nemmeno guardare le foto del suo matrimonio senza provare così tanta vergogna. La amo con tutto il mio cuore e non ho mai voluto ferirla.

cosa ha attraversato la strada il pollo?

Certo, quello che è andato storto è che ho usato il suo matrimonio per soddisfare il mio bisogno di sentirmi meglio con me stessa come madre. Ho imposto il mio bisogno alla sua giornata. Speravo di riscattarmi, di potermi guardare allo specchio e dire: dopotutto non sei una madre terribile. Invece, quello che ho fatto è stato comportarmi esattamente come una madre terribile.

Per fortuna mia figlia mi ha perdonato. Ma solo perché ho lavorato molto, possedendo le mie motivazioni, il mio comportamento e il mio egoismo.

Se mi avessi chiesto se ero egoista nel bel mezzo della pianificazione e del lavoro per portare a termine una giornata praticamente perfetta, mi sarei offeso. Mi stavo facendo il culo per mia figlia. Ero altruista, non egoista. Non avrei potuto vedere le mie motivazioni se fossero stati vestiti con abiti da sposa e si fossero uniti a me sulla pista da ballo. Ero cieco al mio dolore che mi stava spingendo a fare del suo matrimonio la mia redenzione.

Mi ci sono voluti diversi anni per perdonarmi di averle rovinato la giornata. Qualsiasi madre sa che questo è un enorme fallimento, e non quello che ho deciso di fare. Non fraintendetemi: per gli ospiti e gli spettatori, questo è stato un matrimonio di favoloso successo. Ma non è questo ciò che conta alla fine. Ciò che importava era che mia figlia trascorresse una giornata che le sembrasse giusta.

Una volta che ho fatto il lavoro per rendermi conto che il mio stesso dolore stava guidando il treno, ho potuto vedere altre volte in cui stavo sovracompensando a scapito dei miei figli. La mia sovracompensazione è sempre stata perché volevo che i miei figli fossero felici, ma era anche al servizio del mio bisogno di credere di essere una madre meravigliosa. Far fare ai miei figli come dice la Bibbia, alzarsi e chiamarmi beata.

Quante madri rimangono intrappolate in questa stessa trappola? Sarei disposto a scommettere che molti di noi lo hanno fatto. È in parte a causa delle aspettative che la società ha su come dovremmo comportarci come madri. Quelle aspettative sono così irrealistiche da essere ridicole, ma, perdio, ci rompiamo la coda cercando di soddisfarle. Quando falliamo, rimaniamo intrappolati nella trappola del disprezzo per noi stessi che si erge come una sovracompensazione. Potrei aver fallito quel test, ma ho intenzione di farlo bene così nessuno potrà mai dire che non sono una buona madre.

Quando cerchiamo di fare per i nostri figli più di quanto loro hanno bisogno o vogliono che facciamo, quando inconsapevolmente chiediamo loro di farci sentire meglio con noi stessi come madri, quando imponiamo loro le nostre idee e tendenze perfezionistiche, stiamo negando i nostri tentativi essere buone madri. È qui che diventa appiccicoso per molti di noi. Ammettere di aver sbagliato non fa che confermare le nostre peggiori paure: siamo davvero un miserabile fallimento come madre.

È difficile per una madre guardare al proprio comportamento e ammettere che è da biasimare. Quando il risultato del nostro comportamento non corrisponde al nostro intento, provoca una sorta di dissonanza cognitiva che può essere quasi impossibile da superare. Ma ho cercato così tanto di essere una buona madre! Come poteva pensare che fossi una cattiva madre? Dopo tutto quello che ho fatto per lei e tutti i sacrifici che ho fatto?

meglio di cinquanta sfumature di grigio

Questo è il peggior sentimento al mondo per una madre che vuole sinceramente essere una buona madre e ha bisogno di credere di esserlo. Affrontare noi stessi e vedere che siamo stati il ​​nostro peggior nemico è atrocemente doloroso. Ancora più doloroso è rendersi conto che le nostre intenzioni di essere la migliore madre mai hanno effettivamente causato danni a nostro figlio. Sembra più di quanto qualsiasi madre possa sopportare. Io ci sono stato.

Il modo in cui gestisci questa realizzazione creerà o distruggerà la tua relazione con te stesso e i tuoi figli. Se permetti a te stesso di impantanarti nell'autocommiserazione o nel disprezzo di te stesso, è sufficiente dire che non sarai di alcuna utilità per te stesso o per tuo figlio. Oppure potresti negare, rifiutandoti di vedere dove hai sbagliato. Nessuna di queste risposte ti renderà una madre migliore.

Se invece riesci a guardare i tuoi errori, a capire cosa ti ha motivato a commetterli e a riconoscerli come parte dell'essere un essere umano imperfetto e imperfetto, allora sei sulla buona strada per guarire te stesso e il tuo rapporto con tuo figlio.

È guardando la nuda verità senza voltarsi dall'altra parte che possiamo iniziare a riconoscere quando stiamo andando fuori rotta in futuro. Quando sai che ciò che ti motiva è il bisogno di essere vista come una buona madre, puoi iniziare ad abbracciarti come una madre imperfetta. Mia figlia mi ha detto, dopo aver elaborato tutte le emozioni cariche del fallimento del giorno del matrimonio, che sono stati i momenti della mia vita in cui ero imperfettamente umana che l'hanno aiutata di più. Le ha fornito un modello per essere lei stessa un essere umano competente, anche se imperfetto.

Uno dei maggiori problemi che hanno le madri che sovracompensano è l'incapacità di permettersi di essere umane e di offrire compassione e perdono a se stesse per esserlo. Quando possiamo imparare che va bene non essere qualunque sia la nostra versione di una madre perfetta, allora possiamo rilassarci e incontrare i nostri figli su un piano uniforme da umano imperfetto a umano imperfetto. Quando possiamo ammettere ai nostri figli che abbiamo sbagliato e riconoscere il fatto che li abbiamo feriti nel processo, possiamo iniziare a guadagnare davvero le nostre buone costolette da madre.

quanti anni hai quando inizi la scuola materna?

Se ti riconosci in qualcosa di tutto questo, per favore non essere duro con te stesso. L'autocoscienza è il primo passo verso la libertà. Imparare a essere meno che perfetti ci apre a permettere ai nostri figli di dirci di cosa hanno bisogno invece di imporre loro ciò di cui abbiamo bisogno che abbiano per farci sentire meglio con noi stessi. Ricorda, il desiderio di essere una buona madre non è una brutta cosa. Non riconoscere che già lo siamo è quando ci mettiamo nei guai.