celebs-networth.com

Moglie, Marito, Famiglia, Stato, Wikipedia

4 modi per aiutare quando il tuo amico perde un genitore

Perdita E Lutto
perdita dei genitori

Negli ultimi sei mesi, sette amici hanno perso la madre inaspettatamente.

come inviare un messaggio civettuolo a un ragazzo

Sette amici intimi che hanno attraversato il inimmaginabile , inaspettato, strabiliante dolore per la perdita di un genitore .

Sette cari amici che si sono svegliati una mattina senza rendersi conto che sarebbero stati in crisi entro la fine della giornata.



Con ogni telefonata che ho ricevuto sui miei amici e sulle loro perdite, la mia primissima reazione è sempre la schiacciante consapevolezza che so cosa accadrà per loro lungo la strada.

Il dolore.

Il mal di cuore.

Voglio strappare a tutti in questa stanza uno nuovo perché i miei genitori sono morti e come puoi divertirti davanti a me? sentimenti.

Voglio urlare imprecazioni al supermercato perché i miei genitori hanno lasciato il pianeta e non riesco a concentrarmi sul prezzo delle fragole.

E, ad ogni telefonata, cerco di essere come gli amici che avevo quando ho perso mio padre nell'ottobre 2012.

L'amico che non sapevo essere finché non ho perso mio padre nell'ottobre 2012.

Prima che mio padre morisse, facevo tutte le cose che dovresti fare quando un amico perde un genitore: mandare un biglietto, mandare fiori, dire una preghiera. Ogni tanto chiedevo se il mio amico stava bene e se aveva bisogno di qualcosa (Dio, detesto quella frase...). Ho fatto uno sforzo per essere lì per il mio amico ma, in tutta onestà, non so se sono stato così utile. Perché, sebbene potessi simpatizzare, non potevo EMPATIZZARE. Non avevo fatto la passeggiata. Sebbene le mie intenzioni fossero sempre gentili e piene di simpatia, non ho capito cosa significasse far parte del club I Lost A Parent.

Poi sono entrato a far parte del Club I Lost A Parent nell'ottobre 2012. E l'appartenenza NON aveva i suoi privilegi. Faceva schifo. Un sacco. Grandi palle d'asino ricoperte di ottone. Darei ogni fibra del mio essere per farmi revocare l'iscrizione e per non dover mai più rivivere quelle ore immediate. Ma, mentre attraversavo quel periodo orribile, avevo amici che mi offrivano gentilezze che non mi era mai venuto in mente di fare per qualcun altro in un momento di bisogno. Ho avuto dei conoscenti presentarsi alla mia porta con le più incredibili espressioni di simpatia che, ancora oggi, il pensiero mi mette quasi in ginocchio. Per quanto il dolore fosse troppo difficile da sopportare, sapevo che stavo imparando. Imparare attraverso il dolore in modo che, un giorno, potrei pagarlo in avanti. Ecco cosa ho imparato:

1. Fai QUALCOSA, qualsiasi cosa: Nelle ore e nei giorni immediatamente successivi alla perdita dei tuoi genitori, TU. NON PUÒ. PENSARE. Affatto. Niente. Nessun pensiero cosciente attraversa la tua testa e, se hai un momento di chiarezza, quel momento è schiacciato da una nuova ondata di dolore. Tenere la testa in posizione eretta sembra impossibile, figuriamoci fare i bagagli per un funerale fuori città. Il bucato che pensavi di recuperare nei prossimi giorni diventa improvvisamente insormontabile e hai bisogno di vestiti puliti per andare a seppellire tuo padre. Se sei l'amico, presentati e fallo. Non chiedere. Basta fare. Svuota la lavastoviglie, maneggia il bucato, offri la cena ai figli dei tuoi amici.

Presentati e sii The Doer perché il tuo amico semplicemente non può.

Mio marito era in viaggio d'affari il giorno in cui mio padre è morto e io non potevo funzionare. Ho avuto tre bellissimi amici che si sono presentati alla mia porta a poche ore dalla morte di mio padre. I miei amici hanno lavorato con mio marito per programmare i miei voli. Hanno fatto ogni bucato a casa mia, fino alle prime ore del mattino, e hanno preparato non solo me, ma anche le valigie dei bambini. Fino ad oggi, non posso dirti cosa ho indossato durante quella settimana in cui abbiamo salutato mio padre, ma so di avere tutto ciò di cui avevo bisogno perché avevo amici di The Doer.

2. Nutri la famiglia, ma non subito: Devo ammettere che porto cibo praticamente in ogni evento/crisi della vita che hanno i miei amici. Nuovo bambino? Ecco una lasagna! Tumore al seno? Ecco una lasagna! La mamma è morta? Ecco una lasagna! Ma quello che ho imparato dopo essermi unito al Club è che il cibo arriva veloce e furioso in quei primi giorni. Tanto che non può essere consumato abbastanza velocemente e lo spazio di archiviazione diventa travolgente. E, francamente, avere nove lasagne congelate nel congelatore fa sì che qualcuno non voglia più mangiare le lasagne (non posso ancora).

Se sei come me e nutri la crisi, considera di farlo per il tuo amico circa una settimana dopo che la polvere si sarà depositata, quando il dolore diventa così tangibilmente reale che il pensiero di utilizzare anche un apriscatole sembra paralizzante. Ho fatto organizzare a un caro amico di farci mandare la colazione a casa nostra la mattina del funerale con un biglietto che diceva Avrai bisogno delle tue forze per oggi e ho pianto non solo perché i bagel non erano ricoperti di salsa marinara ma anche perché qualcuno si ricorda per dirmi di fare colazione. Ho avuto un gruppo di donne che si presentava a casa mia ogni giorno alle 4:30 del pomeriggio per una settimana con un pasto caldo e non italiano pronto da servire tre settimane dopo la sua morte. Avevo più bisogno di aiuto per cucinare quando la mia casa era tranquilla ed ero solo con i miei pensieri tutto il giorno. Quindi, sii l'amico che si presenta con un pasto caldo tre settimane fuori. Fidati di me.

3. Non inviare fiori: Questo è un po' permaloso, lo so, ma ascoltami. Per giorni dopo la morte di mio padre, abbiamo aperto le porte a composizioni di fiori bellissime, squisite e sorprendenti. Avevamo centinaia di fiori in casa con tutti i fiori freschi recisi sparsi in giro. E anche se era uno spettacolo carino da vedere, non mentirò: odorava ESATTAMENTE come un'impresa di pompe funebri (gigli astronomi, ti sto guardando proprio, amico mio). E quelli mandati all'impresa di pompe funebri vengono semplicemente tagliati sulla tomba in un mucchio ammucchiato che sembra a dir poco patetico il giorno dopo.

E, lo so, lo SO: i fiori sono quello che fai quando muore qualcuno. Sono un modo tangibile per dire che i tuoi genitori hanno lasciato un bel segno su questo pianeta e quando penso a tuo padre, penso alla pace sotto forma di giglio. Ma considerate che la famiglia dovrà passare molto tempo a buttare via gli arrangiamenti e sarà quasi come una seconda morte: quando i fiori saranno finiti, la realtà si farà davvero. Duro. Questo non vuol dire che dovresti ignorare la perdita. Non in alcun modo. Ma, quando la famiglia dice, al posto dei fiori, rispettalo e onoralo. Le donazioni fatte a nome di mio padre a enti di beneficenza che amavamo significavano molto per me. Perché non ho dovuto gettare la carcassa morta della donazione nel mio bidone della spazzatura…..

3. Conosci il tuo amico: Quando vuoi onorare la perdita del tuo amico, molte volte, fare qualcosa che sai che lui o lei ascolterà significa il mondo. Uno dei regali più cari e memorabili che mi è stato fatto dopo la morte di mio padre non aveva nulla a che fare con mio padre. Il padre del mio amico sapeva che avevo problemi a tornare in strada per una corsa nei mesi successivi alla sua scomparsa. Sapeva che correre era la mia salvezza e che ero devastato dal fatto che il mio solito sfogo non mi portasse conforto. Stare da solo nella mia testa durante le mie corse è diventato troppo difficile e le mie scarpe da corsa sono rimaste vuote.

Con una nota accorata, ha allegato la ricevuta di iscrizione a una gara che sapeva mi piaceva correre. Mi ha detto che voleva darmi qualcosa per cui allenarmi e ha detto che aveva già organizzato per me e sua figlia di stare con lui per il fine settimana di gara. Mi ha dato speranza quel giorno in quella lettera e quella gara sulla spiaggia è stata un PR per me. E, mentre stavo sulla sabbia, piangendo istericamente perché non potevo chiamare mio padre per dirgli come ho fatto, mi ha abbracciato e ha detto: Sarà più facile.

non possiamo far loro sapere che ci sediamo

Ascolta ciò che è importante per il tuo amico e restituisciglielo. Aiutali a ritrovare il loro ritmo. Il padre del mio amico mi ha generato e ha ascoltato il mio dolore. Rimane uno dei gesti più gentili che abbia mai ricevuto.

4. Sii l'amico che non giudicherò: Diciamo tutti che siamo quell'amico. Quello che non giudica. Ma quando il tuo amico ha a che fare con la perdita di un genitore, è ESAURENTE. So che lo ero e lo sono ancora, di tanto in tanto. Il dolore, il dolore, le lacrime, il dolore, la rabbia, l'indignazione, tutto viene fuori in una diarrea verbale. Un sacco. Ci sono lacrime tutte. il. tempo. Ci sono telefonate dalla corsia del supermercato perché il sugo per la pasta ti ricorda in qualche modo tuo padre. Il mio migliore amico mi ha lasciato dire qualsiasi cosa e tutto ciò che avevo in mente. Si occupava di me usando imprecazioni come virgole, telefonate in cui ero incoerente e alcuni giorni mi ascoltava piangere come un bambino e mi lasciava riattaccare perché era tutto quello che potevo dare quel giorno.

I miei amici corridori hanno dovuto sopportare il mio io orribile e malvagiamente arrabbiato e correvano al mio ritmo mondiale in uno spettacolo di solidarietà. Ma continuavano a rispondere al telefono. E presentandosi per le corse. E mi hanno amato attraverso questo. Sapevano che sarei tornato e mi hanno permesso di mostrare loro le fibre brutte, ferite e danneggiate di me stesso. E mi hanno lasciato dire la parola F. Una tonnellata.

Quindi, sii l'amico che risponde e ascolta oltre la parola F. Sii l'amico che sussurra So che odi tutti in questo momento quando abbracci così forte che sanno che non lo lascerai andare finché non saranno pronti. E dì la parola F con loro. Nessun giudizio qui.

Non sono un esperto. Non ho una laurea in consulenza del lutto. Sono solo una ragazza che ha perso suo padre e mi ha mostrato incredibili atti di gentilezza nelle mie ore più buie. Sono solo un'amica che sta guardando i miei cari amici attraversare un terribile viaggio che non sapevo esistesse fino al 2012. E spero che sappiano che li sento e che sono sempre quella ragazza che dirà la parola F con loro. Perché la parola F aiuta. E lo so.

Relazionato: ESPN ci ricorda che la più grande eredità di Kobe Bryant era essere un 'papà ragazza'