Perché permetto ai miei figli di giocare a videogiochi violenti?

Adolescenti
funzione di videogiochi

vitapix / Getty

Ho una confessione: i miei figli giocano a sparatutto in prima persona. Non mi fa sentire un genitore migliore dire che sono in conflitto al riguardo. … Sono un sostenitore del controllo delle armi. Sono una mamma hippie che ha resistito alle pistole ad acqua ed è rimasta sbalordita dal banco dei bambini al parco per bambini locale. Ero critico nei confronti del ragazzo che un giorno trasformò la sua spada a palloncino in una pistola a palloncino (come sono soliti fare con tutto, dalla spada al panino), e poi sua nonna mi disse: non ho permesso a mio figlio di giocare con le pistole, e ora è un poliziotto. Ho dato a mio figlio di 3 anni una spada/pistola a palloncino sul posto. C'è la natura. E c'è nutrimento. E poi c'è un equilibrio tra i due. È un po' dove sono andato con esso.

Flash forward 12 anni e un altro figlio dopo …. Ora si tratta di pistole Nerf e videogiochi . Non ho promosso il gioco delle armi o il gioco (attivamente o consapevolmente comunque), ma non li ho nemmeno condannati. Finché non si stanno provocando letteralmente del male l'un l'altro, ho lasciato che i miei ragazzi - di età compresa tra 15 e 10 anni - si divertissero tanto con le loro armi giocattolo e i videogiochi quanto con le loro biciclette e le loro palle. Chiarirò (e per farmi sentire un po' meglio) che non sono autorizzati a giocare, né hanno chiesto di giocare, qualsiasi cosa classificata sopra E 10+ o Teen. Quindi, niente violenza intensa, niente sangue e sangue, nessun contenuto sessuale e nessun linguaggio forte (anche se probabilmente penserebbero che sono io a parlare).



E quello che è iniziato come archi e frecce pixelati appetibili si è evoluto in rappresentazioni CG realistiche in modo allarmante di grandi pistole e piccole pistole e ancora pistole ... Mi vergogno e un po' sgomento nel dire che i miei figli conoscono i nomi di una vasta gamma di armature, armi e munizioni (voglio dire, merda, stanno imparando qualcosa!).

Lo so, sembra orribile. Per finire, facciamo parte di una comunità di scuole charter che evita i media elettronici. Sebbene non sia promosso a scuola, conosco altre famiglie che monitorano e consentono l'utilizzo dei video a vari livelli. Non siamo l'unica famiglia con bambini che giocano a questi giochi, ma per alcuni persino Minecraft è considerato troppo violento.

Personalmente, mi manca Minecraft. Io, la madre che prima di essere madre diceva, lo farò mai lascia che i miei figli guardino o suonino qualcosa che non ho guardato o giocato io stesso! ora è la madre che desidera solo che il suo occhio cieco sia rivolto a una follia relativamente benigna come Minecraft. In un mondo di malvagità, giustifichiamo i mali minori.

Capisco il fascino di questi giochi sparatutto in prima persona. Offrono un'avventura grandiosa e competitiva attraverso paesaggi fantastici da un punto di vista in prima persona. E in questi giorni, è anche un canale principale per l'interazione sociale, specialmente tra adolescenti. Far parte di una squadra di cecchini o di una forza ribelle con i tuoi migliori amici è quanto di meglio possa essere al di fuori del mondo reale (nel bene e nel male). Sì, certo, possono e hanno esperienze simili senza sparare alle cose. Ma, a quanto pare, non è divertente come sparare alle cose.

Sto con le mani sui fianchi e li guardo giocare. Amano spiegarmi tutto. Mi sento come se fossi la peggior mamma del mondo perché sono tutto pace, amore e fanculo alla NRA, eppure, i miei figli hanno appena attaccato le forze opposte con il fuoco della mitragliatrice. Cosa devo fare? Scollegarlo? Cancellalo? Urlare? Dire loro che non possono giocare a nient'altro che Wii Sports o Dance, Dance Revolution?

Ma ormai, i miei figli sono così profondi e a lungo nel loro utilizzo che sarei stranamente ipocrita se li tagliassi fuori dal gioco più popolare al mondo e non è nemmeno ancora uscito. Beh, accidenti, se la versione beta è così buona e popolare, allora continua ad esserne mentalmente intrappolato e condizionato. Chi sono io per dire che non dovresti farlo? Sono solo tua madre.

Sì, sono la loro madre. E io li conosco. Quindi, dopo averci pensato molto, alla fine si tratta di questo: sono bravi ragazzi. Sono entrambi gentili, premurosi e felici; ottengono buoni voti; fanno le loro faccende (con quantità variabili di coercizione); sono buoni amici e appassionati di sport di squadra; giocano ancora all'aperto così come il gioco da tavolo occasionale; e ognuno di loro ha il proprio marchio di buon senso.

Ciò che accade sullo schermo, sembra rimanere sullo schermo. Forse sono delirante, ma sembrano compartimentare con successo il loro utilizzo del gioco e le loro vite, e limitare il loro tempo (per la maggior parte) come viene loro chiesto.

Mi sto solo liberando del senso di colpa e della vergogna che provo per aver lasciato che i miei figli giocassero a questi giochi? Probabilmente. Sto ignorando sfacciatamente la responsabilità sociale che ho di proibire ai miei figli di causare e sperimentare la violenza virtuale per timore che alimenti un impulso futuro? Spero di no. Devo credere che quelli non sono i miei figli. Ma non lo siamo tutti? Non è mio figlio! Non possiamo avere tutti ragione. Quindi dove disegnamo la linea?

Ho espresso le mie riserve e ho conversato con i miei figli sulla violenza armata nella vita reale e sulla sicurezza delle armi, riconoscendo anche l'uso legale e rispettoso delle armi che conoscono dalla parte della famiglia di mio marito. Sono ricettivi e, sorprendentemente, comprensivi per le mie preoccupazioni: va tutto bene, mamma, sappiamo che non è reale.

Sono perfettamente consapevole che potrebbero giocare contro di me così come per il gioco. Ma non voglio solo crederci, ci credo davvero. E mi sento ancora a disagio con tutto quello che sta succedendo nel nostro paese con le armi (se posso usare un eufemismo riassuntivo). Mi sento ancora un ipocrita. Ma resto vigile. E far rispettare i limiti di tempo. E amarli. E presta loro attenzione. E fidati di loro. E chiedi loro abbastanza spesso se faranno un puzzle con me, o giocheranno a un gioco, o cucineranno un pasto, o disegneranno un'immagine, o si coccoleranno, o ... per favore costruiscimi qualcosa in Minecraft.