Quello che avrei voluto sapere sull'adozione di un bambino più grande

Adozione E Affido
Donna in affido e bambino che parlano

brama l'occhio / Getty



Mio figlio adottivo si è unito alla nostra famiglia quando aveva nove anni. Io e mio marito non avevamo mai pensato di adottare un bambino, ma il suo bisogno di una casa è nato a causa di un'emergenza familiare ed è stato un po' complicato. Io e mio marito non abbiamo esitato. Sapevamo che aggiungere un bambino più grande alla nostra famiglia sarebbe stato impegnativo, ma credevamo di potergli offrire una casa amorevole e sicura in cui crescere.

Ma non c'era modo di sapere tutto quello che poteva succedere con l'adozione di un bambino più grande.





La nostra storia di adozione non è la norma. Mio figlio è in realtà mio cugino. Sua madre biologica è la più giovane di 10 figli; mio padre è il più grande. Anche sua madre è stata adottata. E il suo bisogno di una casa è nato perché improvvisamente si è ammalata gravemente a causa di complicazioni con il diabete. Sebbene la nostra storia di adozione sia un po' complicata, abbiamo comunque sperimentato molto di ciò che accade tipicamente nel processo di adozione.

Pensavo che saremmo stati in grado di ottenere rapidamente la piena custodia di mio figlio grazie al fatto che avevamo il pieno sostegno della sua madre naturale. Ma il sistema di affidamento e il tribunale per la famiglia possono essere entità molto complicate. Non ero preparato per quanto lungo e arduo possa essere questo processo. Quello che pensavo ci sarebbero voluti mesi si è trasformato in quasi due... anno processo per ottenere la piena custodia legale di mio figlio. Le date del tribunale sono state posticipate diverse volte, altrimenti saremmo arrivati ​​in tribunale e alcuni documenti casuali non erano a posto e la data avrebbe dovuto essere riprogrammata. E anche dopo aver avuto la custodia legale per oltre cinque anni, l'intero processo di adozione non è ancora completo.

da ragazza a ragazzo raccolgono le battute

Con i bambini più grandi, il processo di adozione può essere complicato anche dalle famiglie naturali. Non è raro che i membri della famiglia naturale di un bambino contestino l'adozione. Di solito l'obiettivo del sistema di affidamento è riunire i bambini con i loro genitori naturali o altri membri della famiglia, e cercheranno di esaurire tutte le possibilità prima di consentire l'adozione di un bambino. Questo può rendere un processo molto complicato. Nel nostro caso, la mia famiglia era la famiglia d'origine - e sebbene fossero favorevoli all'adozione, abbiamo dovuto affrontare una contesa per l'affidamento da parte del padre biologico. E non c'è modo di aggirare quanto tutto ciò possa essere straziante.

Separare un bambino dalla sua famiglia d'origine è traumatico, che provenga da un ambiente negligente o abusivo o meno. Più il bambino è grande, più è consapevole di ciò che sta accadendo. Mio figlio ha dovuto trasferirsi dall'altra parte del paese per vivere con una famiglia che conosceva a malapena e adattarsi a uno stile di vita completamente diverso. All'improvviso si è ritrovato in una casa con altri bambini, con i genitori di nuove persone e ha dovuto adattarsi a una nuova scuola tutto in una volta. Per non parlare del fatto che era pienamente consapevole del fatto che sua madre era molto malata e che non avrebbe mai più potuto stare con lei fuori dall'ospedale.

Sapevamo che la consulenza e la terapia familiare sarebbero state un must. Il nostro bambino aveva molti sentimenti da elaborare, e i suoi sentimenti spesso si manifestavano in scoppi di rabbia e talvolta si spegnevano completamente. Come molti genitori adottivi, avrei voluto prendere tutto questo per lui. Non avrei mai immaginato quanto sarebbe stato difficile per lui, e tutto ciò che potevamo fare era fornirgli il supporto di cui aveva bisogno e appoggiarci all'aiuto di professionisti.

Più grande è il bambino, più storia potrebbe venire con. Quella storia probabilmente arriva con alcuni sentimenti molto grandi che nessun bambino dovrebbe provare. E avranno bisogno di un grande supporto per elaborare tutti quei sentimenti. È qualcosa con cui avrai sicuramente bisogno di supporto professionale e devi dargli il tempo di cui tuo figlio ha bisogno.



L'altra cosa che ci è venuta in mente è stata aiutare i nostri figli naturali ad adattarsi ad avere un nuovo membro della famiglia. Abbiamo avuto due figli prima di ottenere la custodia del mio figlio maggiore. Ci siamo resi conto che il cambiamento nell'ordine di nascita per il nostro primogenito era un adattamento che non avevamo previsto. Il nostro primogenito è passato dall'essere il figlio maggiore al figlio di mezzo. All'inizio non era molto contento di quel cambiamento ed era sicuro di farcelo sapere. Grazie a Dio nel corso degli anni, i due sono cresciuti molto vicini l'uno all'altro e ora amano collaborare per infastidire i miei due più piccoli.

Abbiamo anche dovuto fare i conti con il fatto che il modo in cui praticavamo la genitorialità non era il modo in cui il nostro bambino adottivo era abituato a essere genitori. Innanzitutto, proveniva da una casa con un solo genitore, quindi avere un padre attivo in casa è stato un po' un adattamento per lui. Avevamo anche regole, aspettative e modi di comunicare molto diversi nella nostra famiglia. È stata una curva di apprendimento per tutti noi e ha richiesto un po' di pazienza, reiterazione e tanta, tanta comunicazione.

Probabilmente esageriamo con la comunicazione, ma ho sempre voluto che mio figlio capisse perché stiamo facendo le cose in un certo modo o chiedendogli certe cose. So che a volte fatica a sentirsi un estraneo e voglio essere sicuro di fare tutto il possibile per aggirare uno di questi sentimenti. Non voglio mai che si senta come se non appartenesse. Ma entrare in una famiglia da bambino più grande può sicuramente far sentire un bambino che lo voglia o no, e non dovrebbe spettare a loro creare un ambiente in cui si sentono desiderati e amati.

le rose sono le viole rosse sono gli arrosti blu

Adottando qualunque bambino è un giro sulle montagne russe di alti e bassi inaspettati. E non c'è modo in cui puoi comprendere appieno il livello di pazienza e comprensione finché non ne sei profondamente coinvolto. Ma devi esserci per il lungo periodo, perché almeno un bambino adottato dovrebbe avere una casa dove si sente amato, accettato e al sicuro.

Sfortunatamente, abbiamo perso la madre naturale di mio figlio poco più di tre anni fa. Ma sono così felice che siamo stati noi ad essere lì per amarlo attraverso quel dolore. È cresciuto da un bambino ferito, spaventato e insicuro a un adolescente fiducioso, prospero e sì, fastidioso. Ha tutti i normali sbalzi d'umore, gli occhi al cielo di tutti i giorni e dolci momenti di crescita, tutti arrotolati in un corpo goffamente alto e magro. Ogni giorno presenta ancora opportunità di apprendimento e possibilità di crescere, ma anche sapendo quello che so ora, adotterei mio figlio 1.000 volte.