celebs-networth.com

Moglie, Marito, Famiglia, Stato, Wikipedia

A meno che tu non sia stato lì, non puoi capire perché è così difficile lasciare una relazione tossica o abusiva

Sesso E Relazioni
difficile lasciare una relazione tossica abusiva

sam thomas/Getty

Recentemente ho parlato con un amico che ha avuto a che fare con un aggressore per la parte migliore di un decennio. Anche se non stanno più insieme, continua ad abusare di lei e gioca con lei. Il consiglio che le persone le danno sempre è di ottenere un ordine restrittivo o chiamare la polizia, ma lei non lo fa. Allora perché è questo? Le persone che non l'hanno vissuto davvero non capiscono. Per loro, tutto sembra tagliato e secco. A qualcuno all'esterno, sembra semplice: vai a ottenere un'ordinanza restrittiva e tutto andrà bene. Quando la vittima non fa queste cose, le persone intorno a loro sono confuse e persino turbate. Il che isola ulteriormente la vittima e conferisce all'aggressore ancora più potere.

Sentiamo continuamente storie di persone che sono state aggredite sessualmente da bambini e non le denunciamo da anni o sentiamo parlare della donna che ha vissuto con un partner violento e finisce per morire. Quindi una domanda che possiamo fare è PERCHÉ?! Perché è così difficile per una vittima di abuso farsi avanti e staccarsi? Come vittima in via di guarigione di abusi domestici, mi sono inventato alcune cose che penso mi abbiano davvero trattenuto dall'evadere prima da quell'inferno.



1. Illuminazione a gas

Gaslighting è un termine che lo psicologo usa per riferirsi a una tecnica che gli abusatori usano per far dubitare delle proprie vittime sulla propria sanità mentale. Questo è il metodo preferito numero uno usato dagli stronzi di tutto il mondo per tenere le loro vittime sotto il loro controllo. Suona come:

Non è quello che ho detto.

Sei drammatico.

Sei tu che abusa di me.

Se non lo dicessi/fai quello/indossi quello/ecc., allora non me ne andrei.

bambino che si ribalta a 3 settimane

Tu sei quello che preme i pulsanti.

2. Paura e vergogna

La paura e la vergogna sono potenti motivatori. Quando sei intrappolato nell'abuso, la paura ti arriva da tutte le parti. Il tuo aggressore crea paura in molti modi. Per me è stata una combinazione di intimidazione fisica e paura di non poter vivere senza di lui. Gli abusatori abbatteranno i loro partner dicendo loro che sono inutili e che non possono farcela da soli. Poi c'è un peccato che proviamo quando pensiamo di parlarne apertamente. Diventiamo condizionati a credere che nessuno ci crederà o ci sosterrà. Crediamo che saremo incolpati perché siamo spinti a credere che sia davvero colpa nostra.

3. In isolamento, tutto ciò che senti sono le bugie.

Per quanto mi riguarda, mi è stato regolarmente detto che nessuno mi avrebbe voluto perché ero già stato sposato due volte e avevo fallito. Mi è stato detto che la gente mi avrebbe fatto vergognare per aver divorziato di nuovo. Quindi, ho iniziato a credere alla bugia che questo era tutto ciò che mi meritavo. Gli abusatori sono professionisti assoluti nel trovare le insicurezze di una vittima e sfruttarle per mantenere il controllo.

4. Il diavolo è affascinante.

Proprio come Satana stesso, gli abusatori possono essere affascinanti, dolci e seducenti. Questo è il modo in cui attraggono una vittima per cominciare. Sanno come far sentire una persona bella, desiderata e al sicuro. Dopo che l'abuso è iniziato e una vittima minaccia di andarsene o se ne va, l'incantesimo viene fuori. Piangeranno e diventeranno peccatori pentiti. Improvvisamente, la vittima diventa la cosa migliore che gli sia mai capitata e faranno di tutto per loro.

Il mio ex ha iniziato a fare gesti romantici selvaggi, come inviare fiori e pizza (il mio preferito), e ha persino tentato di rifare una proposta esagerata. Fortunatamente, ero abbastanza forte da vedere dove tutto sarebbe finito lungo la strada, ma molti non lo fanno. Me ne sono andato e sono stato attirato di nuovo da promesse vuote e scuse molte volte.

5. Nessuna via d'uscita.

Lasciare un aggressore non è facile come ottenere un ordine restrittivo, soprattutto se è coinvolto un bambino. Sì, ci sono rifugi, ma questo affronta solo una minaccia fisica immediata e i rifugi non sono sempre facili da raggiungere. Pochi sono i sobborghi dove tanti soprusi avvengono in silenzio. I rifugi, inoltre, non affrontano il problema del grave abuso emotivo, dal quale può essere altrettanto difficile sfuggire.

i migliori disses da dire a un ragazzo

Ho dovuto andarmene senza soldi perché lui controllava tutto. Sono riuscito a farlo uscire di casa, ma ho faticato a mantenermi finanziariamente. Ci vogliono mesi per ottenere gli ordini del tribunale per il mantenimento dei figli e per risolvere un caso di divorzio. Molte vittime, specialmente quelle con bambini, rimangono perché non hanno un posto dove andare a lungo termine e non hanno mezzi per permettersi i bisogni di base o l'assistenza legale. Sfuggire a una situazione in cui hai poco o nessun accesso al denaro e devi farlo di nascosto con i tuoi figli intatti è un'impresa enorme. Mi ci sono voluti mesi di pianificazione e ce l'ho fatta a malapena.

Ci sono molte altre ragioni che sono sicuro che altri possano aggiungere, ma questi sono stati gli ostacoli più grandi per me. Quindi la domanda ora è: come posso aiutare? Ecco alcuni modi pratici in cui puoi aiutare il tuo amico o familiare che sta attraversando questo:

1. Dì qualcosa.

Sono stato abusato per quattro anni prima di raccontarlo a qualcuno. Ogni persona a cui ho parlato ha detto la stessa cosa: non posso dire di essere sorpreso. Sul serio? Perché nessuno ha provato ad aiutarmi? È perché nessuno ne parla. Una donna su quattro subisce abusi ad un certo punto della loro vita. Ciò significa che probabilmente conosci qualcuno in questo momento che sta vivendo questo inferno. Non aspettare che quella persona venga a piangere da te perché potrebbe essere morta prima che accada. Guardali negli occhi e inizia una conversazione. Digli che ci tieni e che non sono soli. Potrebbero respingerti o fingere che non stia accadendo come molti, ma continuare a far loro sapere che sei un posto sicuro.

2. Aspetta e sii presente.

Ci vuole un po' prima che alcune vittime decidano di volersi liberare. Più sostegno positivo sentono, più luce hanno nelle loro vite, più espone l'oscurità dell'abuso. Continua a raggiungerci. Continua a parlare. Non permettere a te stesso di dare troppi consigli o di sentirti frustrato quando rimangono dove sono. Comprendi la lotta e costruisci la fiducia.

3. Preparati davvero ad essere lì per il lungo raggio.

Quando arriva il momento in cui il tuo amico vuole andarsene, sii pronto con le risorse. Avranno bisogno di un posto dove stare, denaro, consulenza e supporto per rimettersi in piedi. Individua quante più risorse locali puoi, chiedi aiuto alla tua chiesa e preparati a colmare alcune lacune. Potrebbe allungarti, ma è un'opportunità per salvare la vita di qualcuno. Sarai sorpreso di quante persone si faranno avanti e aiuteranno una vittima se richiesto. Sono stato sopraffatto dai modi in cui le persone, alcune delle quali sconosciute, hanno cercato di aiutarmi, ma è difficile per una vittima chiedere. Sii il loro avvocato.

4. Preparati alla delusione.

È molto comune per le vittime essere attirate indietro dagli aggressori e tornare alla relazione. Sono uscito cinque volte prima che si bloccasse. Ogni volta ha posato sul fascino e ha promesso di cambiare. Ha anche fatto consulenza per un minuto. Ogni volta, il cambiamento è stato di breve durata. Il tuo amico potrebbe riprendersi nella relazione. Se ciò accade, non abbandonarli. Ripeti i passaggi. Non rinunciare a loro. Quando lo fai, l'aggressore vince e la sua presa diventa ancora più stretta.