Peek-A-Boo! Scopri tutto sulla permanenza degli oggetti e sul tuo bambino

Bambini
oggetto-permanenza (1)

Immagini di Erdark/Getty

bei nomi per bambini neri

I bambini hanno così tanto da imparare, non solo il mondo, ma anche il modo in cui il loro corpicino e il cervello funziona - che è un bene che non ne siano consapevoli. Altrimenti, avremmo un sacco di bambini sopraffatti e stressati tra di noi (unisciti al club, ragazzini). Oltre a capire come comunicare parlando invece di piangere in modo incontrollabile, ci sono così tante altre parti dello sviluppo cognitivo di un bambino. Ciò include l'idea della permanenza dell'oggetto.

Anche se non hai familiarità con il termine stesso, probabilmente è qualcosa che hai visto in azione. Un esempio? Durante un giro di cucù con un piccolo . Comprensibilmente, potresti avere ancora domande. Quindi, ecco cosa sapere sulla permanenza dell'oggetto, inclusa la sua definizione e l'età in cui si sviluppa.

Cerchi altri modi per capire il tuo bambino? Dai un'occhiata alle nostre pagine su pienezza del bambino , segnali di fame , e alleviare il gas per bambini.

Che cos'è la permanenza dell'oggetto?

Per scomporlo nella sua definizione più elementare, la permanenza dell'oggetto è la comprensione che quando un oggetto, una persona (o persone, come i genitori), un animale domestico, ecc. è fuori dalla vista, non significa che abbia cessato di esistere completamente . Questo è qualcosa che i bambini devono imparare ed è una pietra miliare importante nel loro sviluppo cognitivo. Torniamo all'esempio del cucù. Prima di sviluppare la permanenza dell'oggetto, un bambino potrebbe piangere o diventare visibilmente turbato quando il suo giocattolo o il volto di una persona cara scompare improvvisamente. Per loro, è andato per sempre. Ma quando il giocattolo o la persona riappaiono, hanno l'opportunità di imparare quel qualcosa che è fuori dal campo visivo non è necessariamente andato per sempre.

La permanenza dell'oggetto è un aspetto dello psicologo La teoria dello sviluppo cognitivo di Jean Piaget . Nello specifico, fa parte della fase di sviluppo sensomotorio, che dura dalla nascita fino a circa due anni . Piaget pensava che i bambini capissero il mondo attraverso le loro capacità motorie - inclusi tatto, visione, gusto e movimento - e la permanenza dell'oggetto ne è una parte importante. Questo perché i bambini sono essenzialmente piccoli egomaniaci. È divertente perché è vero! Non capiscono che il mondo non gira intorno a loro, o che esiste anche al di là di ciò che sperimentano loro stessi. Per superare ciò, devono sviluppare una rappresentazione mentale di un oggetto dopo che è stato portato via a away afferrare sul fatto che esiste ancora.

Cosa sono gli schemi?

Per Merriam-Webster , uno schema è definito come una codificazione mentale dell'esperienza che include un particolare modo organizzato di percepire cognitivamente e rispondere a una situazione complessa oa un insieme di stimoli. OK, lo ammetto, suona come... molto. Ma possiamo dirlo più semplicemente! Ricordi quella rappresentazione mentale di cui abbiamo parlato sopra? Questo è il succo degli schemi. Sono immagini mentali. Nel contesto di questo articolo, sono immagini mentali che il tuo bambino ha delle cose nel suo mondo, come un biberon per cibo .

Quando si sviluppa la permanenza dell'oggetto?

Come qualsiasi altro aspetto dello sviluppo cognitivo di un bambino, è importante tenere presente che tutti i bambini sono diversi e si sviluppano al proprio ritmo. Detto questo, c'è una linea temporale generale, e Piaget ha pensato anche a questo. Nella sua teoria dello sviluppo cognitivo, pubblicata per la prima volta nel 1936, Piaget suggeriva che la permanenza dell'oggetto in genere non inizia fino a quando non c'è un bambino otto mesi . Ma dopo diversi decenni di ricerca in più, gli psicologi ora pensano che ciò accada un po' prima. In particolare, credono che accada tra i quattro anni e sette mesi .

Non solo, ma questa parte del processo di sviluppo inizia quando c'è un bambino in giro due mesi o tre mesi di età, quando iniziano a riconoscere volti e oggetti. E come molte pietre miliari cognitive, la permanenza dell'oggetto non inizia solo un giorno, come accendere un interruttore della luce, e diventa immediatamente parte del repertorio del cervello del tuo bambino. Ci vuole del tempo prima che questo concetto affondi davvero.

Cosa sono i giochi di permanenza degli oggetti?

Se desideri insegnare a tuo figlio la permanenza degli oggetti, conosciamo tutti il ​​gioco cucù, ma qui ci sono molte altre attività che la tua pepita adorerà.Sorprendi il tuo bambino con la tua ricomparsa usando più delle semplici mani!

Sbirciatina all'aperto

Questo è come un peek-a-boo di livello successivo. La prossima volta che tu e il tuo gnocco siete fuori, nasconditi dietro un ombrello o un muro e salta fuori per rassicurare il tuo bambino che sei lì.

Nascondi i giocattoli

Puoi fare lo stesso trucco con i loro giocattoli. Rendi difficile per tuo figlio individuare i suoi giocattoli. Questo mostra a tuo figlio che solo perché qualcosa non è nel punto in cui l'hanno lasciato, non significa che sia andato per sempre.

Metti una palla sotto una tazza

Prepara tre tazze e metti una palla sotto una tazza. Quindi invertire le tazze. Di fronte al tuo bambino, solleva ciascuna tazza in modo che possa vedere cosa c'è sotto ciascuna.

Nascondi un giocattolo in una scatola

Metti un giocattolo in una scatola opaca. Quindi estrai l'oggetto dalla scatola e mostralo al tuo bambino. Consenti loro di vedere l'oggetto nella scatola e poi mostraglielo da un'angolazione in cui non possono vedere il giocattolo.

Che aspetto ha la permanenza dell'oggetto per un bambino con ADHD?

I bambini con disturbo da deficit di attenzione e iperattività hanno una relazione unica con la permanenza dell'oggetto. A loro piace il gioco del cucù tanto quanto il prossimo bambino e capiscono che le cose esistono anche quando non puoi più vederle. Tuttavia, quando non vedono più l'oggetto, non sanno né considerano realmente quando è. Sfortunatamente, questo può influenzare le loro capacità organizzative. Ad esempio, quando non riescono a trovare una borsa per libri smarrita, anche se sanno che esiste, non sentiranno il bisogno di cercarla perché non la vedono più. La loro relazione con la permanenza dell'oggetto è meglio descritta dalla frase, fuori dalla vista, fuori dalla mente.

Condividi Con I Tuoi Amici: