celebs-networth.com

Moglie, Marito, Famiglia, Stato, Wikipedia

I miei figli vengono da me, non dal mio ex, quando hanno davvero bisogno di parlare

Adolescenti
Figlio che parla con la madre mentre è seduto a casa

Kentaroo Tryman/Getty

abilità emotive/attività di regolazione per bambini in età prescolare

Non c'è niente di insolito nell'ottenere un testo dai miei figli quando sono da papà. Ma a volte ricevo un messaggio che mette in evidenza gli stili genitoriali molto diversi tra me e il mio ex marito: una domanda su un conflitto con un amico. Una questione di igiene o salute. Una domanda su una questione sociale o politica. Oppure hanno solo bisogno di parlare.

I bambini e io parliamo regolarmente di queste cose quando siamo insieme, ma è triste per me che mi facciano queste domande anche quando sono con il padre. Perché non glielo chiedono?



Bene, mi hanno detto perché non lo fanno. Secondo i miei figli, ci sono alcuni argomenti che semplicemente non affrontano con il padre. Mi dicono che è più facile parlare di certe cose. Dicono che sanno che li ascolterò e che non li criticherò, non farò lezione o non li prenderò in giro.

Il mio ex è sempre stato un tipo di genitore autoritario. È veloce nel criticare e giudicare, segue rigide regole e norme sociali e pensa che i bambini dovrebbero fare lo stesso. Si aspetta che i ragazzi facciano qualunque cosa lui dica senza fare domande. Pensa che la sua strada sia l'unica (o la migliore) ed esige obbedienza. Quando i ragazzi chiedono perché su una qualsiasi delle sue regole o aspettative, risponderà, è proprio così o perché sono il genitore e lo dico. Non è disposto a mettere in discussione il motivo per cui una regola è quella che è, quindi non capisce perché i ragazzi lo mettano in discussione.

Quando eravamo ancora sposati, litigavamo sul suo uso eccessivo della frase perché lo dicevo io. Gli direi che i ragazzi meritano di avere ragioni per cui abbiamo le regole che facciamo. Diceva che dovrebbero obbedire perché era loro padre e dovrebbero rispettarlo. Direi che il rispetto si guadagna, non si costringe. E 'giro e 'giro andremmo.

In termini di genitorialità, sono ciò che la maggior parte delle persone chiamerebbe autorevole. Non sono assolutamente permissivo; i miei ragazzi non se la cavano con le cose. Molto raramente mi rispondono o mi mancano di rispetto, perché sanno che ci sarebbero conseguenze per questo (in genere significa che perderebbero tempo di gioco, ma a volte significa che ottengono un lavoro più grossolano aggiunto alla loro lista normale).

Ma siamo aperti l'uno con l'altro. Ho delle regole e delle aspettative, ma spiego ai ragazzi perché esistono quelle regole. Fanno felicemente quello che dovrebbero perché conoscono le ragioni dietro le regole.

Ma in qualche modo sono indulgente. Ad esempio, i miei ragazzi possono imprecare intorno a me. Ho chiarito che questa è una regola che ho in casa mia che molti altri genitori non hanno. La regola è che finché le parolacce non vengono usate per danneggiare o sminuire un'altra persona, non mi interessa davvero se imprecano. In cambio, capiscono che la mia aspettativa è che non abusino di questo privilegio imprecando a scuola davanti agli insegnanti o in altri luoghi dove sarebbe considerato inappropriato. Ho sempre detto loro che nel momento in cui si metteranno nei guai per aver lanciato una bomba F a scuola, anche per caso, la mia clemenza sulle maledizioni a casa finirà. Mio figlio maggiore ha 16 anni e fa cadere liberamente merda e merda in mia presenza, e occasionalmente una bomba F. Mio figlio più giovane, che ha 12 anni, ha scelto di non imprecare (di fronte a me, comunque), anche se di recente l'ho sentito dire dannazione quando si sentiva frustrato per qualcosa.

Parliamo di sesso, funzione riproduttiva, delle implicazioni e ripercussioni sociali dell'essere sessualmente attivi e di come queste ripercussioni differiscano per ragazzi e ragazze. Parliamo di fumo, alcol, droga, politica e questioni di giustizia sociale. Nessun argomento è off-limits. Se lo chiedono, risponderò nel modo più onesto possibile.

Mi dicono che non è così con il loro papà. Non parlo mai trash di loro padre di fronte a loro, ma un paio di volte quando sono stati da loro e hanno chiamato o scritto per chiedermi qualcosa, ho chiesto perché non glielo chiedono. Dicono che a volte è solo più facile chiedermelo perché risponderò semplicemente senza fare loro una grande lezione. Hanno detto che a volte pensano anche che il loro papà non stia dando loro tutta la verità.

Non gliel'ho detto, ma hanno ragione. Il mio ex ha mentito ai ragazzi su alcune cose quando glielo hanno chiesto. Mi hanno detto che una volta gli hanno chiesto del fumo di sigarette, e lui ha risposto che non ha mai fumato - ha detto che ne ha provata una una volta e non gli è piaciuto. La verità è che nei nostri primi vent'anni ho notato che il mio ex stava sviluppando un'abitudine al fumo e ho interrotto tutti gli acquisti di sigarette prima che l'abitudine diventasse troppo difficile da rompere. Era sempre lui a chiederci se dovevamo comprare un pacchetto di sigarette. Non l'ho detto ai ragazzi però, perché non spetta a me etichettare il loro padre come un bugiardo. E so che molti genitori scelgono di non essere onesti quando i loro figli chiedono del loro passato selvaggio.

come avere una foto di babbo natale a casa tua

Il mio ex si presenta ai ragazzi come una persona che non ha mai preso una decisione sbagliata. Si comporta come se avesse sempre fatto la scelta giusta in ogni situazione. Cerca di presentare un fronte saggio. Quindi non è una sorpresa che vengano da me, dal momento che li tratto come esseri umani autonomi i cui pensieri e opinioni contano.

Rispondo alle loro domande nel modo più onesto possibile, tenendo conto della loro età. Stanno invecchiando, quindi sono disposto a offrire più dettagli rispetto a quando erano più giovani. Soprattutto per mio figlio di 16 anni, che sta per prendere la patente, e prima che ce ne rendiamo conto andrà al college - sento che merita di sapere la verità. E non solo sapere la verità, ma anche essere in grado di confidare che quando mi chiederà qualcosa, confiderò in lui per essere abbastanza maturo da gestire una vera risposta.

Questo mi sembra ovvio. Parla ai tuoi figli come se fossero esseri umani anche loro e verranno da te quando hanno bisogno di parlare. Vorrei che il mio ex lo capisse, perché tutto ciò che sta facendo con il suo autoritarismo, le sue lezioni e le sue bugie sta allontanando i suoi figli.