celebs-networth.com

Moglie, Marito, Famiglia, Stato, Wikipedia

Non sono sensibile, sei solo scortese

Relazioni
sei scortese

Dmitry Ageev/Getty

NFT

Sono passate innumerevoli volte in cui sono stato costretto a raccogliere la mia rabbia e avvizzire in un piccolo topo di scuse per pacificare gli altri che - ripensandoci - avevano torto.

Il mio ragazzo del liceo mi ha fatto accettare che flirtare con altre ragazze e andare in macchina con loro dopo la scuola, piuttosto che rispondere alle mie chiamate, andava bene dicendo che pensava che fossi più sicuro di così.



Oh mi dispiace. Hai ragione; Ho reagito in modo esagerato, ho risposto, pronto a chiedere una seconda possibilità se avesse minacciato di rompere con me.

NFT

La ragazza che mi ha tolto l'amicizia su Facebook durante il college, dopo che l'ho affrontata riguardo all'annullamento dei nostri piani, mi ha fatto pensare che ero troppo noiosa per uscire con me quando ho visto le foto che ha pubblicato delle ragazze molto più belle ed eccitanti che avevano vinto il biglietto d'oro di una serata fuori con lei.

Va bene se vuoi venire un altro giorno. Forse ho dimenticato che avevi detto che eri impegnato, le ho scritto, sperando che non mi ignorasse.

ero sempre la persona che ha inventato scuse per le altre persone che mi hanno voltato le spalle. Ho pensato che fosse un mio dono: vedere sempre il meglio negli altri. Ma quando sono diventata madre, il gioco è finito. Non più giocare bene. Le persone che mi hanno trattato male non mi hanno considerato una priorità, e non solo dovevo riconoscerlo, ma dovevo renderli consapevoli che sapevo cosa stava succedendo e che non sarei stato trattato come una caramella dal 1947 .

Capisci cosa intendo.

Allora com'è la vita ora che sono una mamma e conosco il mio valore? A volte è ancora decisamente schifoso. Trovare amici a cui importa è difficile e imparare a confrontarsi con gli altri è una salita in salita. Non vado in giro a pavoneggiarmi come Heidi Klum o una Kardashian, ma capisco quanto sia fondamentale per mio figlio avere un genitore che possa difenderlo.

come essere un supereroe per i bambini

Capire come difendermi è stato il primo passo, ma ho fatto enormi progressi in questo senso e incoraggio altre mamme sensibili a fare lo stesso. Perché provare sentimenti è normale. Comportarsi come se fossi l'unico ad avere dei sentimenti (cioè quelli che ci giudicano per essere stati offesi, ma poi si voltano e fanno la vittima quando qualcuno dice loro qualcosa di sgradevole) non lo è.

La cameriera che ha riso quando mi ha accidentalmente versato in grembo della salsa marinara calda, mancando a malapena il mio neonato, è costata al suo ristorante il prezzo del mio pasto e del mio maglione. Non ho esitato a parlare con il suo manager perché ha messo in pericolo mio figlio. Non solo avrebbe dovuto essere più attenta, ma avrebbe dovuto scusarsi per essere stata così disinvolta con il suo piatto sfrigolante vicino al mio bambino.

Quando il mio ginecologo ha iniziato a scrivere bugie nella mia cartella clinica perché avevo posto domande semplici a cui non poteva rispondere, ho scritto una lettera di 11 pagine al suo dipartimento spiegando come il loro personale avesse bisogno di più formazione o più materiale educativo per le pazienti di sesso femminile, e che non mi piaceva essere guardato con odio durante gli appuntamenti quando prendevo decisioni per il mio corpo dopo aver condotto le mie ricerche. Questo dottore maschio pensava che dovessi fare tutto quello che diceva e smettere di essere difficile, ma non dovevo spogliarmi solo perché era di routine e avevo il diritto di dire di no agli schermi prenatali.

Al college, non ho avuto il coraggio di dire al mio ginecologo che lo studente maschio a cui ha permesso di entrare nella stanza mi metteva a disagio, ma ora stavo prendendo il controllo, anche se non era quello che volevano gli altri. Anche quello che volevo era importante.

Mia madre ha detto a mio marito che era un pezzo di merda perché non lavorava ed è rimasto a casa con nostro figlio. Ha detto che se fosse stata lei, non lo avrebbe mai sposato perché è inutile. Poi mesi dopo, quando mi ha detto (invece di chiedere) che stava pensando di restare a casa nostra per qualche mese in modo da poter risparmiare sull'affitto, le ho detto che dovevo essere sicuro che avrebbe rispettato la mia famiglia e le nostre decisioni genitoriali. Le ho ricordato che ha nascosto le medicine di mio figlio dopo aver accusato mio marito di aver cercato di far addormentare mio figlio indotto dalla droga in modo che potesse giocare più videogiochi. Tutto quello che ha detto è stato, davvero? Sei semplicemente troppo sensibile. Per questo non volevamo nemmeno parlarne.

Mi scusi?! Ti stai invitando a casa mia senza che tu abbia intenzione di discuterne con me e quando ti perdono per questo e stabilisco che la mia unica condizione è che tu mi mostri un po' di rispetto, mi dici che sono quello che è nel sbagliato per non averti permesso di agire come dannatamente bene per favore, anche se sei un adulto. E mia madre.

No. Non puoi stare con noi.

I miei fratelli, amici e suoceri si comportano costantemente come se fossi una persona orribile con cui non dovrebbero parlare perché prendo le cose nel modo sbagliato, ma ho disattivato il filtro delle persone di merda molto tempo fa. Il mio cervello non trasformerà più i loro commenti in parole dolci e piene di zucchero a causa della mia mancanza di fiducia in me stesso o inclinazione all'insicurezza. Non mi vergognerò più di provare sentimenti, solo perché vogliono la libertà di dire tutto ciò che vogliono quando vogliono senza dover affrontare la mia reazione... e, di conseguenza, possibilmente doversi spiegare o scusarsi per non aver pensato a ciò che dicono prima che lo dicano.

È un peccato che ci siano ancora mamme là fuori che si scusano per le altre persone, inventano scuse per appianare situazioni imbarazzanti o porgono l'altra guancia per salvare amicizie che non vale la pena salvare. Bene, mi sono stancato di portare entrambe le mie guance al fuoco della crudeltà e dell'egoismo delle persone, quindi sto trasformando la mia precedente passività in una forza dignitosa di cui un giorno mio figlio sarà orgoglioso. Se riesco a esprimere la mia opinione alle persone che mi feriscono o ignorano palesemente i miei bisogni, sarò in grado di esprimere le mie opinioni nelle riunioni scolastiche, eventi familiari, appuntamenti dal medico e altro ancora quando sono in gioco il benessere e i sentimenti di mio figlio .

Sì, sono ancora più sensibile degli altri, ma non è un crimine, ed è irragionevole chiedermi di mettere a tacere i miei sentimenti e permettere agli altri di mancarmi di rispetto semplicemente perché pensano di avere più diritto di esprimere la loro opinione rispetto a me.

Mi dispiace non mi dispiace. Non sono troppo sensibile, sei solo scortese.