celebs-networth.com

Moglie, Marito, Famiglia, Stato, Wikipedia

Non amo essere una mamma

Maternità
rammarico-di-essere-mamma-1

Immagini spaventose di mamma e Cavan/Getty

come leggere la linea del matrimonio delle palme?

Non mancano i commenti che diventano poetici sulla maternità: devi solo scorrere i social media, guardare qualche minuto di TV o leggere un post sul blog e vedrai cose come Essere tua madre mi porta felicità e gioia senza fine, o La mia ragione di vita! Essere tua madre è la cosa migliore che mi sia mai capitata! o Il mio mondo!!! Non ho mai saputo cosa fosse l'amore finché non ho avuto te!

Dal momento in cui è nata mia figlia, questi tipi di commenti sulla maternità — quella maternità è questo cosa che porta così tanta gioia alle donne, che non c'è niente di più importante al mondo del ruolo materno, che essere genitori porta alle donne una felicità che non avrebbero mai potuto immaginare - mi ha fatto sentire come se qualcosa fosse orribilmente, fondamentalmente sbagliato in me, e mi ha fatto mi sento incredibilmente solo. Perché, indovina un po'?



Non amo essere una mamma.

Tutta la mia vita, non avrei mai immaginato non essere madre. Sono cresciuto assolutamente amando i bambini. Ho lavorato come baby sitter, ho insegnato nuoto e danza, ero un consulente del campo. Ero quel cugino e quella zia che si mettevano in pista e giocavano senza sosta con i più piccoli della famiglia. Ho avuto molta gioia nello stare con i bambini. L'inevitabile viaggio della maternità che sapevo di voler intraprendere mi ha persino fatto ripensare alla mia carriera di medico: il mio amore per i bambini significava che avrebbe avuto più senso per me essere una mamma casalinga? Avere figli, per me, era un gioco da ragazzi.

Ho dovuto affrontare la consapevolezza che non trovavo la maternità stimolante o appagante. Per lo più lo trovo noioso, frustrante, ingrato e ripetitivo.

Dopo che è nata mia figlia, ho aspettato. Ho aspettato di sentire quella gioia, quella scintilla, quella sensazione di assoluta soddisfazione e gioia che la maternità avrebbe dovuto portarmi. Ho inventato scuse sul motivo per cui non mi sono connesso con altre donne che sembravano amare assolutamente il loro ruolo di madri. Hai una depressione post parto. Una volta che questo sarà passato, amerai di più la maternità. Certo che ama essere una mamma, non ha un bambino colico. Il suo bambino è facile. lei è mentendo, lei non lo ama! È tutto un atto.

Con il passare degli anni, ho dovuto affrontare la realizzazione che anche se mia figlia è diventata più facile e la mia depressione postpartum è passata, non sono arrivata a trovare la maternità più stimolante o appagante. Per lo più l'ho trovato (e lo trovo ancora) noioso, frustrante, ingrato e ripetitivo. Preparare i pasti. Pulire. Asciugandosi le facce. Guida. Lavanderia . Ancora un po' di pulizia. Pianto. piagnucolare. Ancora un po' di pianto. Ripetere. La cruda realtà che non ho trovato la gioia o l'appagamento nella maternità che ho sempre pensato mi avrebbe scosso nel profondo.

Arman Zhenikeyev/Getty

Non avevo modo di sapere che questa sarebbe stata la mia esperienza di maternità finché non l'avessi sperimentata. Sapendo che questa è la realtà della maternità per me, probabilmente non avrò più figli. Vedere le mie amiche incinte del loro secondo (o terzo) figlio non mi fa male alle ovaie, né il mio utero si sente vuoto. Mi sento in preda al panico e intrappolata al pensiero di un altro bambino nella mia vita. Mia figlia intelligente, energica, divertente e coraggiosa prende tutta la mia energia. Non ho altro da dare.

La cruda realtà che non ho trovato la gioia o l'appagamento nella maternità che ho sempre pensato mi avrebbe scosso nel profondo.

Vi assicuro che mia figlia di quasi quattro anni è una bambina fantastica e ha una vita incredibile. Prometto che è profondamente amata, non solo da me e mio marito, ma anche dalla famiglia allargata e dagli amici. Giochiamo, leggiamo libri, guardiamo film; usciamo, andiamo ai gruppi di gioco; corriamo e saltiamo; prendiamo lezioni di nuoto e di ballo. Ci coccoliamo, ci coccoliamo, ci baciamo e lei mi dice che sono la sua migliore amica 348.374.837 volte al giorno. Non mi pento di averla.

Non è facile, ma sto imparando ad accettare che non sarò mai quella mamma che vuole istruire mia figlia a casa, o che vuole che lei rimanga a casa con me quando ho un giorno libero invece di mandarla all'asilo. Questa è la mia normalità, e va bene . Ho bisogno del mio lavoro di medico per sentirmi felice. Sono un introverso estremo, quindi ho anche un disperato bisogno del mio tempo da solo, in una casa tranquilla. Ho bisogno di ricaricarmi senza che un corpicino mi strisci addosso, e abbia voglia di spuntini, e mi chieda perché il cielo è blu, e abbia bisogno che mi sieda accanto a lei mentre fa la cacca. Forse gli anni del neonato e del bambino non fanno per me e man mano che lei cresce, crescerà anche il mio godimento della maternità. O forse non lo farà.

È così tabù esprimere il malcontento nei confronti della maternità che è difficile trovare persone che la pensano allo stesso modo che potrebbero provare sentimenti simili. Se sei una mamma e non la ami, non sei sola. La prossima volta che vedi o senti altre persone esclamare su quanto sia appagante la genitorialità per loro, o quanto li rende felici, o come vorrebbero non dover lavorare per poter stare a casa con i loro figli - e ti ritrovi a sentirti in colpa e terribile per non sentirsi allo stesso modo - ricorda a te stesso che non tutti amano il lavoro di genitori, e questo non significa che ami tuo figlio meno di qualcuno che lo fa.