L'esaurimento che schiaccia le ossa dei genitori mi sta rendendo depresso

Stile Di Vita
depresso-madre-led

Kat Jayne/Pexels

WHHHHAAAAATTT?! L'ho detto lo scorso fine settimana dopo che mio figlio mi ha chiamato da un'altra stanza. È entrato in cucina dove ero in piedi al bancone, probabilmente preparando un pasto ai miei figli o ripulendo dopo un pasto che avevo appena fornito, e ha detto di nuovo il mio nome. Non so quante volte avevo sentito uno dei miei figli dire 'mamma', ma sentirlo quella volta ha fatto pendere il numero troppo. Ero esausto. Esasperato. irritabile. Onestamente, ero depresso. Non volevo essere necessario, parlato o detto di guardare qualcosa. Volevo stare da solo.

CHE COSA?! Ho alzato lo sguardo da quello che stavo facendo e ho visto cadere la faccia di mio figlio di 6 anni.



Non importa, disse e iniziò ad allontanarsi.

cose da fare a Little Rock con i bambini

Fanculo. In una frazione di secondo, sono passato dal non voler essere un genitore al voler essere la versione migliore di me stesso come genitore. Ho fatto un respiro profondo, ho messo un po' di pazienza e poi ho sospirato come per ammorbidire i miei spigoli vivi, scusa, amico. Di cosa hai bisogno?

Non ricordo cosa mi disse, ma sembrava scrollarsi di dosso il mio umore di merda più velocemente di quanto fossi in grado di scrollarmi di dosso il mio senso di colpa per essere di umore di merda.

Jordan Whitt/Unsplash

Mio figlio è uno dei tre. E mentre non aveva detto il mio nome tre volte nell'arco di un minuto, era un terzo del motivo per cui mi sentivo tormentato. Non importava che i suoi desideri e i suoi bisogni fossero indipendenti da quelli delle sue sorelle. Non importava che di tutti e tre i miei figli, lui è il meno probabile che richieda la mia attenzione. Non importava che mi piacesse essere una mamma. Non c'era modo di razionalizzare i miei sentimenti. ero infelice. E non gli importava che fossi infelice, né dovrebbe esserlo, almeno non nel modo adulto che gli avrebbe permesso di avere l'empatia e la compassione per confortare un altro umano alle prese con la vita. È mio figlio, un bambino. Non è il mio caregiver o responsabile del mio benessere emotivo.

app che mette Babbo Natale in casa tua

La mia figlia maggiore ha 8 anni e le mie gemelle 6. Sì, sono benedetta. Sono anche fottutamente esausto. Mantenere il minimo indispensabile per mantenerli sani e puntuali è un lavoro a tempo pieno. Mi sto lentamente fidando della loro capacità di assumersi maggiori responsabilità. Ma dimenticano i passaggi della routine per andare a scuola, a letto e anche solo per uscire di casa. Scarpe da ginnastica. Lavati i denti. CHIUDI LA PORTA. La loro indipendenza crea disordine e grida di frustrazione. Ho bisogno di aiuto! Oh no. TOVAGLIOLO! Puoi pulirmi?!

Non cambio più pannolini e servo biberon, ma prendermi cura dei miei figli è ancora un lavoro molto fisico. Preoccuparmi per loro, pensare in anticipo a tutto quello che c'è da fare, gestire le loro grandi emozioni e negoziare strategie per conseguenze efficaci per tre diverse personalità mi toglie tutto. Eppure c'è l'aspettativa che dovrei essere in grado di fare tutto, e la maggior parte di questa aspettativa è autoimposta.

Sento di non poter fare nulla di buono.

Un bambino di 4 anni non si allena al vasino

Questo pensiero continua a rimbombare dal mio cervello al mio cuore, e sembra più grande del solito perché in qualche modo è vero. Sto attraversando cambiamenti molto grandi e personali in questo momento. Sto lottando. Sto cercando di navigare tra le mie grandi emozioni e i cambiamenti nella mia vita mentre cerco di lavorare, essere un buon amico, bilanciare sobrietà e salute fisica ed essere un co-genitore di qualità. In alcuni giorni riesco a malapena a respirare, ma i miei figli chiedono snack, hanno bisogno di sapere quanto tempo ci vorrebbe per navigare intorno al mondo e vogliono giocare a giochi che richiedono pazienza, concentrazione e concentrazione.

Fallo bene e fallo con grazia .

bambino che si ribalta a 3 settimane

La sveglia suona ogni mattina e mi trascino fuori dal letto. Vado attraverso i movimenti. E in alcuni giorni, quando finalmente tutti sono fuori casa, piango. Sono sopraffatto. Mi sento bloccato nel mezzo. La vita riguarda la transizione; cambiamo sempre. Ma a volte le transizioni non sono solo i cambiamenti quotidiani dell'invecchiamento e del tempo. A volte le transizioni della vita riguardano lo sradicamento e il ricominciare da capo, una vera e propria scossa a ciò che sappiamo della normalità. Il divorzio, la morte, la malattia e la perdita del lavoro creano un'instabilità che sembra insicura. Ma come genitori, dobbiamo percorrere quelle acque spaventose senza creare paura e disagio nei nostri figli. Attualmente sto mostrando tutte le mie radici. Mi sento vulnerabile ed esposto per la maggior parte del tempo. E la genitorialità, in particolare la genitorialità di più bambini, ha un impatto sulla mia vita quotidiana in un modo che compromette la mia salute mentale.

Perché quando metto al primo posto i loro bisogni, i miei bisogni intrinsecamente passano in secondo piano. Non mi permetto di elaborare, guarire o scavare in ciò che verrà dopo tanto velocemente quanto vorrei. Andare piano è un atto di concentrazione, e io sono stanco. Lo sento nelle mie ossa. In questo momento tutti i momenti che mi richiedono di essere genitore mi ricordano che li sto scegliendo al posto mio. Questo è quello che dovrebbero fare i genitori, giusto? Ho scelto di essere un genitore. Questo è il mio lavoro. I miei figli dovrebbero darmi gioia, ma quando sto lottando per raccogliere la mia gioia è difficile vederli come qualcosa di più di sanguisughe emotive e fisiche.

Chad Madden/Unsplash

Cosa c'è di sbagliato in me?

Niente. Non c'è niente che non va in me. Ho esigenze che non vengono soddisfatte. Questo va contro la costante dichiarazione dei miei figli dei loro bisogni e desideri. Anche se non faccio o fornisco ciò che vogliono, continuo a filtrare il rumore. Sto ancora valutando cosa posso dare e cosa posso portare. Riesco a malapena a sopportarmi, quindi cercherò di lasciar andare il senso di colpa di essere umano.