Essere esclusi fa schifo per i nostri figli e per noi

Altro
GettyImages-78194512-BananaStock

BananaStock/Getty

come far tacere tuo figlio?


Poco dopo la nascita del mio primo figlio, ho sentito da un amico che il nostro gruppo senza bambini stava andando a cena insieme. Né io né il mio compagno siamo stati invitati. Mi sentivo escluso e faceva schifo. Logicamente sapevo che essere un genitore aveva cambiato la mia vita; avere un bambino significava che il mio tempo veniva speso in modo diverso. I piani spontanei erano più frustranti che eccitanti. Il tempo con gli amici significava trovare una baby sitter o decidere se io o il mio partner dovevamo uscire mentre l'altro restava a casa.

Le intenzioni dei miei amici non erano di ferire i miei sentimenti, ma il cambiamento nella nostra relazione mi ha ferito. Non volevano riporre aspettative irrealistiche sulla nostra amicizia e io non volevo essere escluso. Non volevano essere delusi quando ho dovuto dire di nuovo di no ai loro inviti (perché paternità ), ma volevo comunque essere invitato.





Mi rendo conto che questi sentimenti erano il risultato del cambiamento e della necessità di trovare nuovi modi per connettersi con gli amici, ma hanno portato alla luce sentimenti e ricordi delle scuole medie e superiori. Ho sempre avuto alcuni amici su cui fare affidamento ed ero generalmente amichevole con tutti, ma c'erano cricche e gruppi di ragazzi che avevano un modo di farti sentire meno e indegno della loro amicizia. Avrei sentito parlare di viaggi al centro commerciale o al cinema. E quando sono cresciuto, c'erano falò e feste in casa. Una cosa era da escludere, ma quando ero a casa da sola perché i miei amici erano invitati e io no, faceva davvero schifo. È stato doloroso e solitario.

I miei figli a volte tornano a casa da scuola e mi raccontano di un amico o un compagno di classe che non permetterebbe a mio figlio di giocare con lui o lei o in un gruppo. La mia prima reazione è sempre quella di mamma protettrice. Cerco di attenuare i pensieri di Chi ti ha fatto questo? Chi ha osato escluderti?! e invece chiedi cosa è successo. Cerco di ottenere una storia completa da gemelli lunatici di cinque anni e un bambino di sette anni sensibile e impacciato. Cerco anche di determinare se i miei figli sono stati esclusi da una situazione, un gioco o una conversazione perché erano degli idioti. I miei figli non sono perfetti, e non è fuori discussione che qualcuno di loro possa essersi comportato in un modo che ha spento le persone e gli amici intorno a loro. In alcuni giorni mi allontano anche io.

L'evento o l'incidente a scuola di solito è innocente e un rito di passaggio che ogni bambino e adulto attraversa. Se mio figlio non fosse dalla parte perdente di questo, un giorno sarebbe dalla parte di lasciare intenzionalmente o accidentalmente qualcuno fuori. La vita non è giusta. Non saremo amici di tutti. E a volte noi o i nostri amici prenderemo decisioni che finiscono per ferire qualcuno.

La mia figlia maggiore tornerà a casa e mi dirà che la sua migliore amica non avrebbe giocato con lei perché un'altra ragazza le ha detto di non farlo; il mio cuore fa male perché so che il suo sta soffrendo. Le ricordo che va bene essere frustrati o tristi. Le dico che non so cosa abbia spinto la sua amica a scegliere di escluderla. Sono d'accordo che fa schifo. Le dico che forse la sua amica voleva solo giocare con qualcun altro e che non dovrebbe prenderla troppo sul personale.

Ma mamma. Avrei incluso l'amica con cui voleva giocare. Mia figlia me l'ha detto e sapevo che era frustrata e confusa. Parliamo spesso di essere un sostenitore e di quanto sia importante aiutare qualcuno nel bisogno, sia che si tratti di aiutarlo a lasciare una situazione di merda o di farsi aiutare da un adulto. Nessuno ha aiutato mia figlia in questa situazione. Nessuno si è avvicinato a mia figlia quando un'altra compagna di classe ha negato apertamente la sua amicizia.

UGH. Mi sentivo come se i miei genitori l'avessero delusa in qualche modo. Dal momento che faccio del mio meglio per insegnare l'inclusione, il rispetto e la gentilezza, lei si aspetta lo stesso dalle altre persone. Quindi, quando le altre persone sono idiote, il dolore peggiora. È difficile avere momenti insegnabili quando vuoi strangolare un bambino per averlo fatto sentire una merda.



Lo so. Forse volevano solo un po' di tempo da soli. A volte vuoi una volta a tu per tu con un amico. Probabilmente è quello che era. Avrebbero dovuto spiegarlo però. Sono sicuro che giocheranno con te domani.

Mi sentivo come la mamma di Daniel Tiger, ma mia figlia sembrava d'accordo con quella risposta. Sapevo che la sua fiducia era scossa. E so che quando i bambini vengono ripetutamente esclusi o vittime di bullismo, possono rimpicciolirsi o scagliarsi. Le ho detto che ero orgoglioso di lei per aver trovato qualcun altro con cui giocare. Sapevo che sarebbe stato facile essere cattivi o arrabbiati. Questo ha portato a parlare di bulli e anche se non siamo sempre trattati con gentilezza, è meglio trattare gli altri nel modo in cui vorremmo essere trattati.

È difficile ricordare ai nostri figli di essere gentili e inclusivi, pur consentendo loro di prendere decisioni che ritengono giuste per loro, anche se tali decisioni sono egoistiche. Voglio che i miei figli si fidino del loro intuito, ma voglio anche che stiano attenti ai sentimenti degli altri. Spero che i miei figli siano premurosi e generosi, ma non voglio che sentano di dover sacrificare le proprie emozioni, il tempo o le cose a beneficio di qualcun altro.

ti amo raccogli le battute

Ho fatto pace (soprattutto) con il non essere stato invitato a tutte le feste o cene. Sono (di solito) d'accordo con il non essere al corrente di tutte le conversazioni o pettegolezzi. Questo è il risultato della fiducia nelle mie relazioni. Un evento o una persona non toglie nulla alla mia relazione con l'amico con cui vorrei uscire. E in confronto, il mio tempo trascorso con qualcuno non mi fa amare di meno un altro amico.

Sto lentamente cercando di insegnare queste lezioni ai miei figli. Ma poiché siamo umani con emozioni grandi e complesse, a volte ci sentiremo esclusi e dimenticati. Ci saranno spiegazioni perfettamente buone o sentimenti illogici che si insinuano, ed essere esclusi fa schifo, ma possiamo imparare ad andare avanti e lasciar andare.