celebs-networth.com

Moglie, Marito, Famiglia, Stato, Wikipedia

Quello che ho imparato dopo aver perso più di 100 sterline

Immagine Del Corpo
perso 100 libbre

John D. Buffington/Getty



Per la maggior parte della mia vita sono stata grassa. Non intendo qualche chilo in più carino e formosa, voglio dire che ero tecnicamente obeso e ad un certo punto verso la fine dei miei giorni grassi sono stato considerato morbosamente obeso. Durante i miei anni di liceo, mi sono sentito spesso come l'amico grasso simbolico nella folla con cui stavo uscendo, la mia fiducia era una merda assoluta e ho permesso alla mia immagine esteriore di determinare ciò che pensavo tutti di me valeva (suggerimento: non era molto) portandomi a un -vivo la maggior parte della mia adolescenza e fino alla fine dei vent'anni.

Crescendo, ho creduto a quello che mi dicevano di me; le cose che mio fratello e mia sorella maggiori hanno detto sul mio aspetto mi hanno fatto sviluppare una grande insicurezza riguardo al mio aspetto. Mio fratello e mia sorella spesso mi chiamavano grassa e brutta o facevano commenti sul mio peso in modo offensivo. Il carissimo papà scherzava su come stavo iniziando ad assomigliare sempre di più a lui quando andavo a trovarlo, e posso dire onestamente che c'erano pochissime esperienze che posso ricordare in cui mi sentivo bella alle parole di qualcuno nel mio famiglia.





Oltre alla fiducia traballante e al valore personale, avevo un sistema di credenze di merda assoluto che mi permetteva di provare vergogna per il mio aspetto e di accettare veramente il modello di pensiero che solo le persone magre prosperano in questa vita. Il marketing, i media e soprattutto i social media hanno fatto un lavoro incredibile nel far sentire le donne come se non bastassero semplicemente per quello che sono e, per essere qualcuno in questo mondo, dobbiamo guardare in un certo modo. È così facile entrare in quel sistema di credenze quando non si proviene da un background di conversazioni sull'autostima o sulla fiducia in se stessi.

L'idea che dobbiamo guardare in un certo modo per raggiungere qualsiasi forma di status nella vita è uno dei sistemi di credenze più difficili da cambiare. Pensaci: fin dalla nascita, i complimenti e le conversazioni sulle bambine riflettono molto il loro aspetto. La frase che sei così bella può essere ascoltata come punto di partenza dalla nascita attraverso gran parte dell'infanzia e fino all'età adulta per alcuni. Abbiamo concorsi di bellezza per bambini fino alla prima età adulta, eventi a pagamento che richiedono che tu venga giudicato esclusivamente in base al tuo aspetto e alle tue prestazioni. Abbigliamento e manichini, pubblicità e prodotti sono orientati a farti credere che non sarai in grado di avere la vita del tempo libero se hai qualche chilo in più sulla tua struttura perché le donne di successo sono magre. Agli uomini piacciono le donne magre e gli uomini prendono le decisioni su ciò che rende le donne attraenti per gli altri attraverso il marketing e i media.

Questa psiche è rimasta con me per così tanto tempo che credevo onestamente che tutta la mia vita si sarebbe trasformata magicamente non appena avessi perso il peso extra che avevo sviluppato durante la mia infanzia e oltre. Non avevo alcun senso di autostima o di appartenenza; Spesso mi sono trovata a cercare conferme nelle opinioni altrui e, a volte, nei letti degli altri. Attraversare la vita credendo di non essere degni di amore, e quindi di non saper amare se stessi o di non essere capaci di accettare l'amore degli altri senza dubitare della causa, è estenuante e abbastanza prosciugante dal punto di vista mentale.

Pensavo sempre che l'unica cosa che portavo in tavola era la mia generosità e la capacità di fare o essere chiunque dovessi fare o essere per mantenere lo status di amico. Ho dormito con uomini per l'attenzione, per la convalida superficiale e l'accettazione esterna. Quando mi sono trovata in relazioni significative, non ho potuto fare a meno di fare cose per allontanarle e causare drammi perché sapevo in fondo che non sarebbe mai durato e che alla fine mi avrebbero lasciato per qualcuno di più carino.

Avere questa mentalità mi ha impedito di fare molte cose e di inseguire quasi tutti i miei obiettivi per la prima parte della mia vita. Ricordo di aver saputo che sarei stato eccellente in una posizione disponibile ma non ho avuto il coraggio di candidarmi perché pensavo che tutti mi avrebbero giudicato in base al mio aspetto piuttosto che alle mie qualifiche. Queste insicurezze mi hanno anche portato a dubitare della mia credibilità nella mia carriera e a credere di essere un impostore e che stavo aspettando di essere scoperto per la maggior parte del tempo. È straziante vivere sempre nella paura di qualcosa.

Non è stato fino a quando avevo 27 anni e stavo per sposarmi che ho avuto il mio primo vero risveglio. Erano passati circa tre mesi prima del nostro presunto giorno del matrimonio, ed ero al massimo del mio peso assoluto. A 27 anni, ho inclinato la bilancia a 265 libbre. Non potevo guardarmi allo specchio senza provare un disgusto assoluto, quindi ho rimosso o nascosto gli specchi in casa mia. io odiato me stesso, e non riuscivo per la vita a capire come qualcuno potesse trovarmi attraente quando ero chiaramente così disgustoso. Mio fratello aveva un talento per alcune espressioni incredibilmente dolorose, e il mio futuro cognato non disdegnava di dirmi che ero una mucca (a Natale, a mio casa con mio famiglia lì, nientemeno) e quando nessuno mi ha sostenuto, ho iniziato a credere che queste fossero verità.



A questo punto pensavo da anni di sottopormi a un intervento di chirurgia bariatrica, ma non ho mai avuto il coraggio o i soldi per portare a termine la procedura, quindi l'ho dimenticata fino a pochi mesi prima del matrimonio.

La mia ricerca mi ha portato a Tijuana, in Messico, per quattro giorni da solo per sottopormi a un intervento chirurgico e riprendermi... Questa è stata una decisione TERRIFICANTE da prendere e non l'ho detto a quasi nessuno fino a pochi giorni prima di partire. Non potevo sopportare il pensiero che i giudizi di altre persone mi impedissero di realizzare tutto questo. Piangevo quando andavo in palestra perché il mio corpo era troppo pesante per sollevarmi su alcune macchine per fare l'allenamento che evidentemente avevo bisogno di fare. Non riuscivo a immaginare di mangiare in pubblico perché, qualunque cosa ordinassi o mangiassi, mi sarei sempre sentito come se le persone stessero criticando qualunque cosa ci fosse nel mio piatto. Ho inventato commenti ridicoli nella mia testa che ero sicuro che le persone intorno a me avessero su di me.

Ovunque andassi mi giudicavo così duramente e credevo che lo fossero anche gli altri. Non potevo godermi nessuna parte dell'avventurarmi fuori casa, e dimenticare uscire a cena o bere qualcosa con le ragazze; erano tutti magri e belli e avevano orde di uomini che si lanciavano contro di loro ogni volta che uscivamo. Era nauseante e devastante allo stesso tempo. Mi sono sempre sentito come se stessi guardando un club esclusivo attraverso la finestra sulla strada, abbastanza vicino da vedere cosa stava succedendo ma non abbastanza bello da essere invitato.

Il mio partner all'epoca era alto e magro e aveva un metabolismo che bruciava calorie semplicemente respirando. Non avrebbe mai sperimentato nella sua vita un problema di peso e davvero non riusciva a capire nulla di quello che stavo passando. Era infelice nella sua vita in quel momento, come lo ero io, ed è così che siamo finiti insieme in primo luogo. Stavamo insieme da circa 5 anni a questo punto, non felici ma non abbastanza infelici da separarci. Credendo davvero che fosse tutto ciò che potevo avere in una relazione, ho continuato a rimanere anche quando era difficile - e, amico, era difficile alcuni giorni.

10 domande da fare a un ragazzo

Alla fine mi sono operata e alla fine ci siamo lasciati. Avevo finalmente trovato il mio valore e sapevo di essere degno di più nella vita di quello che avevo stabilito per tutti questi anni. La procedura non è stata ciò che ha cambiato la mia vita; è stata la decisione di rendere me stesso una priorità e di occuparmi dei miei desideri e dei miei bisogni prima di permettere a chiunque altro di avere la precedenza.

Nel corso di poco più di un anno, ho perso 104 libbre e sono sceso a una minuscola taglia 29. Ho pensato che avrei assolutamente AMATO la mia nuova taglia e la conseguente fiducia in se stessi. Tuttavia, era il contrario. Mi sono trovato ancora più insicuro di quanto non fossi mai stato quando ero pesante. Potevo sentire l'attenzione su di me in un modo che non avevo mai conosciuto prima, come una fame tranquilla o una sete inestinguibile che si provano più spesso quando ero in presenza di uomini. Ho lavorato in un'industria dominata dagli uomini ed ero una delle pochissime donne sul posto, quindi ci si aspettava una certa attenzione perché ero fondamentalmente un unicorno che camminava tra la gente. È stato il modo in cui le persone mi hanno trattato che ha davvero portato alla mia attenzione il lato brutto della magrezza.

Quando ero più pesante, quasi nessuno mi parlava, e certamente nessuno faceva di tutto per fare conversazione con me a meno che non lo iniziassi io. Dopo aver perso peso, però, è stato un flusso infinito di proposte per pranzo, cena, caffè, dolcetti e piccole cose che mi hanno portato al lavoro per tutto il giorno. In brevissimo tempo, sono diventato acutamente consapevole di come la vita sia davvero più facile per le persone carine (e per coloro che hanno una fiducia reale o falsa abbastanza da convincere il mondo della loro appartenenza) e quanto fossero superficiali e superficiali così tante delle mie relazioni.

In quello che mi è sembrato da un giorno all'altro, sono passato dall'aspettare per tutta la vita di apparire in un certo modo in modo da potermi sentire in un certo modo, a guardare davvero in quel modo e rendermi conto che nessuna di quello che pensavo sarebbe successo con il cambiamento realmente accaduto. Il mio lavoro era lo stesso, il salario era lo stesso, la fiducia era la stessa. La vita non si è aperta magicamente a me una volta che ho perso un po' di peso come pensavo. Voglio dire, certo, c'erano dei vantaggi nella nuova immagine come poter entrare con un po' più di fiducia nel negozio quando compravo vestiti, o se dovevo rimanere bloccato o crollare avevo una fila di persone che erano disposte a fermarsi qualunque cosa stessero facendo e mi aiutasse, ma a parte i pochi cambiamenti altamente superficiali che sono avvenuti, è stato Niente come pensavo che sarebbe stato.

La mia dismorfia corporea era ed è tuttora una vera lotta. Trovare il mio vero valore è stato ancora più difficile ora che ho realizzato quanto valore dia effettivamente la società all'aspetto fisico delle donne. Sapevo che tutto ciò che stavo vivendo ora era il risultato della perdita di peso e della trasformazione fisica, e in qualche modo questo mi faceva sentire più vuoto che mai.

L'importanza di come appari quando sei una femmina è difficile da negare, dato che siamo inondati di immagini di come dovremmo apparire e di quanto tempo dovrebbe impiegare per riavere i nostri corpi dopo aver avuto dei bambini... PER L'AMORE DEL CAZZO, SEI SERIO?? Ho letteralmente appena spinto un ESSERE UMANO SCOPATO fuori dalle mie parti femminili e mi stai già dicendo come perdere peso e tornare in forma? Le immagini che le donne si trovano di fronte non sono nulla in confronto ai messaggi effettivi che riceviamo (volenti o nolenti) quotidianamente dai media, dai social e dalla società.

Ci sottoponiamo a regimi di bellezza tortuosi per raggiungere e mantenere questo fisico e questo aspetto mistici. Ci uccidiamo in palestra e monitoriamo meticolosamente il contenuto calorico di tutto ciò che mangiamo per assicurarci di rimanere in linea con i nostri obiettivi di perdita di peso (nota: non ho detto obiettivi di SALUTE, perché l'attenzione non è chiaramente sulla salute, a cui appartiene ).

Sono stato uno dei fortunati. Avendo passato così tanta merda per arrivare dove ero, non c'era assolutamente NESSUN MODO in cui avrei continuato a vivere la mia vita in uno stato di non vivere e non amare me stesso. Ho preso la decisione che, indipendentemente da chi mi avesse detto cosa dovevo fare, pensare, dire, mangiare, vestirmi, apparire ecc., non avrei più FATTO UN SINGOLO CAZZO, perché indovina un po'? Quelle persone che mi hanno dato quel consiglio non hanno dovuto spendere un solo minuto nella mia testa e nel mio cuore cercando di sopravvivere - L'HO FATTO! Ero io quello che doveva convivere con la decisione che ero o non ero abbastanza buono per me stesso, non per nessun altro. Ero quello che era responsabile di facilitare il cambiamento nella mia vita se non mi piaceva la direzione in cui stavo andando.

Tutti cercheranno di darti consigli. Tutti cercheranno di dirti come o cosa fare per avere successo nella vita, nell'amore, negli affari o altro. Il fatto è, però, che molte di quelle persone che danno consigli non stanno vivendo la loro vita nel modo in cui vorrei, e quindi i loro consigli per me non significano nulla. Quella realizzazione proprio lì mi ha aiutato a conquistare il lato brutto del magro in più di un'occasione.

Le donne oggi hanno queste aspettative riposte su di loro da tutti, a cominciare dal nostro aspetto, spesso dalla nascita o poco dopo. Ci viene detto che siamo preziosi perché sembriamo in un certo modo, ci viene detto che siamo preziosi quando rendiamo felici le altre persone, ci viene detto che siamo preziosi per quasi TUTTE le ragioni sbagliate con pochissima importanza data al nostro cervello o al nostro cuore . Questo è così sbagliato su così tanti livelli, e incredibilmente dannoso per gran parte della nostra vita, finché non riusciamo a trovare dentro di noi stessi ad accettare e amare radicalmente chi siamo dove siamo. Può farti sentire piccolo e insignificante se stai ancora sviluppando il tuo senso di valore e identità.

Sono qui per gridare dai tetti che la nostra identità viene non da come guardiamo. Piuttosto deriva da come ci sentiamo e da come si sentono gli altri nella nostra energia e presenza. Sei bellissima, non importa la tua taglia. Tu sei importante, non importa il numero sulla bilancia o il cartellino. Sei in grado di cambiare la narrativa su cose come il successo e la bellezza e ridefinire quegli standard per abbinare ciò che ti sembra giusto e autentico.

C'è un lato molto oscuro della vanità e dell'ego: una linea sottile che quando non viene monitorata può iniziare a confondere ciò che è realtà e ciò che è superficiale. Cosa è importante e cosa è EGO. Sii il più consapevole possibile di ciò che ti circonda e delle persone con cui spendi le tue energie. O nutriranno la tua anima o ti lasceranno a combattere per trovare te stesso.