celebs-networth.com

Moglie, Marito, Famiglia, Stato, Wikipedia

Dai ai tuoi figli il maledetto vaccino antinfluenzale!

Genitorialità
Aggiornato: Originariamente pubblicato:  Un medico che prepara un'iniezione di vaccino antinfluenzale accanto a un bambino

Che tu “creda” o meno nei vaccini antinfluenzali, purché tu sia informato sui rischi e sui benefici dell’uso dei vaccini, da adulto, è totalmente una tua scelta non farli. Tuttavia, quando si tratta dei tuoi figli, impara davvero i rischi di non vaccinarli… l’influenza è più grave di quanto la maggior parte della gente pensi, può essere devastante per un bambino e non puoi tenerlo in una bolla di protezione per sempre. Puoi fare quello che vuoi per te stesso, ma fornisci a tuo figlio la protezione di cui il suo sistema immunitario ha bisogno per scongiurare l'influenza in questa stagione.

Lo scorso inverno sono morti 171 bambini a causa dell’influenza. È un numero spaventoso: sembra così sbagliato che qualche bambino (per non parlare di quasi 200) sia morto di influenza negli Stati Uniti dove abbiamo accesso alle vaccinazioni e siamo in prima linea nella medicina moderna. Se ottenere un’iniezione rapida può prevenire tutta quella devastazione, perché non ottenerla? Dato che tecnicamente la stagione influenzale va da ottobre a febbraio, puoi vaccinarti in qualsiasi momento, ma non vuoi essere la mamma che aspetta di vaccinare i suoi figli, non ci sono più vaccini e li hai già corrotti con i lecca-lecca.

Come funzionano le vaccinazioni?

Quest'anno tutte le vaccinazioni disponibili coprono fino a tre o quattro ceppi di influenza che la ricerca indica saranno più virulenti in questa stagione (gli scienziati stanno davvero facendo del loro meglio per migliorare in questo!) Di solito puoi essere vaccinato due diversi modi, tramite spray nasale o tramite una vera e propria iniezione. Due settimane dopo la vaccinazione, il tuo corpo inizia a creare anticorpi contro l'influenza che ti aiuteranno a prevenire l'infezione e, se lo fai, sarà una forma molto lieve, come un raffreddore.

L'iniezione è una forma inattivata del virus e, non c'è bisogno di preoccuparsi, essere iniettati con i ceppi inattivati ​​dell'influenza significa che non sei effettivamente infetto dal virus vivo, quindi non contrarrai l'influenza dal vaccino . (Le persone affermano di prendere l'influenza dall'iniezione, ma è solo effetto placebo, mi dispiace essere latore di questa notizia!) Dopo l'iniezione, potrebbero verificarsi arrossamenti nel sito, dolore e febbre bassa che può durare 1 -2 giorni...e basta!

Il vaccino spray nasale è prodotto con un virus influenzale vivo, ma indebolito, che provoca una risposta immunitaria, ma non ti ammali come faresti con l’influenza vera e propria. Non è consigliato alle donne incinte e se hai un bambino con asma, potresti optare per l'iniezione a causa della possibile reazione respiratoria dovuta allo spray. Dopo il vaccino spray nasale si possono avere alcuni effetti collaterali (per gli adulti) come: naso che cola, mal di testa, mal di gola e tosse. Per i bambini gli effetti collaterali possono essere: naso che cola, respiro sibilante, mal di testa, vomito, dolori muscolari e febbre che dura solo pochi giorni. Ciò rappresenta una vera sfida per il tuo sistema immunitario perché in realtà stai contraendo il virus, ma devi sentirti un po’ male solo per pochi giorni. Che è comunque meglio che prendersi la vera influenza!

Chi dovrebbe vaccinarsi?

Vaccinarsi non serve solo a proteggere i propri figli, ma anche a impedire che infettino coloro che li circondano (potresti immaginare se tuo figlio fosse l'epicentro di un'epidemia di influenza? Cavolo!) E se questo non è un motivo sufficiente, sono meno giorni di scuola/lavoro persi per giorni di malattia e più tempo per giorni di vacanza effettivamente divertenti (chi vuole trascorrere il proprio (potrebbe essere) tempo di vacanza ammalandosi o prendendosi cura di un bambino veramente malato?) Se chiedi a me, e al CDC, fondamentalmente tutti quelli di età pari o superiore a 6 mesi dovrebbero vaccinarsi, sul serio, controlla gli elenchi qui sotto!

La lista “ad alto rischio” per la vaccinazione definitiva:

-Donne incinte (solo iniezione)

-Bambini di età inferiore a 5 anni (soprattutto quelli che frequentano attività prescolari, asili nido, ecc.)

-Chiunque abbia ≥ 50 anni

-Chiunque abbia patologie croniche

-Persone che vivono in case di cura o strutture di assistenza a lungo termine (se visitiamo familiari….nonni…)

-Persone che vivono con o si prendono cura di persone ad alto rischio (operatori sanitari, familiari di persone ad alto rischio e familiari e operatori sanitari* per bambini di età inferiore a 6 mesi).

*Ovviamente non possiamo obbligare le nostre babysitter a fare il vaccino antinfluenzale, ma possiamo chiedere loro di saltare il servizio di babysitter se non si sentono bene e chiedere informazioni sugli assistenti all'asilo!

elecare jr richiamo 2022

Chi può ottenere un pass?

-Chiunque abbia un'allergia alle uova di gallina (l'albume è la proteina contenuta nel vaccino)

-Chiunque abbia avuto una reazione grave in passato (non è necessario che si ripeta!)

-Se hai avuto la sindrome di Guillian-Barré entro 6 settimane da un vaccino antinfluenzale (lo sapresti se l'hai avuto... è una risposta autoimmune piuttosto grave)

-Bambini di età inferiore a 6 mesi (il loro sistema immunitario è troppo immaturo per rispondere in modo appropriato)

-Se hai attivamente la febbre (aspetta di stare meglio!)

Gli 1-2 giorni di effetti collaterali della vaccinazione rispetto al fatto che tuo figlio sia uno delle migliaia che sono gravemente malati di influenza, o gli oltre 100 che muoiono di influenza ogni anno, mi sembra un gioco da ragazzi. C'è solo un certo limite che puoi fare per proteggere tuo figlio quando è a scuola o interagisce con gli altri, e vuoi assicurarti che sia pronto per il successo, e soprattutto se ha altri problemi medici, dagli l'immunità per combattere l'influenza, ti ringrazieranno! Se hai dubbi o non credi che la vaccinazione sia la strada da percorrere, ti esorto davvero a parlare con il tuo medico di ciò che è meglio per te e per i tuoi figli, ne vale la pena!

Articolo correlato: Vaccinazioni: non è una tua scelta

Condividi Con I Tuoi Amici: