Zakiya Dalila Harris parla di 'L'altra ragazza nera', di razzismo al lavoro e di storie dell'orrore

Club Del Libro Della Mamma Spaventosa
Intervista a Zakiya-Dalila-Harris

Per gentile concessione di Zakiya Dalila Harris e Scary Mommy

NFT

L'autrice Zakiya Dalila Harris parla dell'ispirazione per il suo romanzo d'esordio, del razzismo sul posto di lavoro e dei capelli neri

A soli 28 anni, Zakiya Dalila Harris sta vivendo nel vortice della sua nuova vita: ha un libro più venduto sugli scaffali, uno show televisivo basato su quel libro in lavorazione (è co-sceneggiatrice della sceneggiatura) e un film in arrivo matrimonio con il suo compagno. Ma solo due anni fa, lavorava come assistente al montaggio in una casa editrice e aiutava altre persone a realizzare il suo sogno di essere una scrittrice pubblicata.

Almeno all'inizio, L'altra ragazza nera rappresenta la storia di Harris: il personaggio principale Nella cresce nella periferia del Connecticut e sogna di diventare un editore. Ma quando ottiene un lavoro molto ambito presso un importante editore, si ritrova uno dei pochi impiegati neri, dove le microaggressioni e altre forme di razzismo sottile (e non così sottile) fanno parte della sua quotidianità.



È qui che le storie di Harris e Nella divergono, però: Nella inizia a ricevere note minacciose e anonime al lavoro, che la aprono a un mondo strano, inquietante e sinistro.

NFT

E Harris? Ha lasciato il lavoro e ha scritto la storia di Nella.

Ci siamo seduti con Harris per parlare di tutto: il percorso verso il suo libro, il processo che ha attraversato per scriverlo e cosa c'è dopo all'orizzonte.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Scary Mommy Book Club (@scarymommybookclub)

D: Come Nella, hai iniziato nell'editoria. È lì che è iniziata la tua ispirazione per la storia?

A: L'ispirazione per questo libro è venuta da molti posti, ma all'epoca lavoravo nell'editoria. Ero stato assistente al montaggio, ma prima ero assistente editoriale. Ho avuto questo momento selvaggio che in realtà mi ha spinto a sedermi per scrivere il libro. Questo momento è stato essenzialmente il mio incontro con un'altra donna nera in bagno al lavoro ed ero molto confuso perché sapevo, per quanto ne sapevo, di essere l'unica donna nera che lavorava sul pavimento in quel momento. Ho avuto un momento a pensare, forse parleremmo. L'ho guardata allo specchio e non è successo niente.

Sono tornato alla mia scrivania e stavo pensando a quell'interazione. Ed ero tipo, è così strano , perché ero così strano? E in quel momento ho iniziato a scrivere il libro alla mia scrivania: Nella e Hazel, o personaggi che sarebbero stati loro, che lavorano in un ambiente di lavoro prevalentemente bianco.

Questo è stato questo evento immediato, ma ho pensato molto all'essere uno dei pochissimi neri nell'editoria. E queste sono state anche le mie esperienze per la maggior parte della mia vita. Io, come Nella, vivevo in una zona suburbana del Connecticut. Quasi tutti i miei amici erano bianchi da bambino. Navigare in questi due tipi di spazi era qualcosa che mi interessava davvero.

E poi dovevi portare il libro che hai scritto nel processo di pubblicazione in quello stesso mondo. Com'è stata quell'esperienza?

Navigare nel mondo dell'editoria come qualcuno che aveva lavorato nell'editoria è stato un viaggio del genere. Anche prima che avessi un editore, abbiamo inviato il libro a entrambe le stampe in cui ho lavorato alla Penguin Random House. Era meno di un anno dopo. Io e il mio agente entriamo nell'ufficio in cui lavoravo e saliamo con l'ascensore: vedo la guardia di sicurezza. Lo sapevo, vedendo la reception. Le persone sono come oh, aspetta, lavoravi qui . È un'esperienza così surreale.

Comunque è stato bello, perché non sapevo se la pubblicazione sarebbe stata pronta. E ho avuto un agente dire, sai, questo è fantastico, ma cambia il settore . E questo è stato all'inizio. Quindi ero tipo, ok, questo potrebbe essere il ricevimento , ma avendo così tante conversazioni meravigliose con così tanti editori diversi che erano come, sì, ci vediamo in questo libro . E quando i neri che hanno lavorato nell'editoria dicono: grazie per aver scritto questo S. Questo è stato davvero convalidante.

Uno dei libri che abbiamo letto di recente per Scary Mommy Book Club è stato Detransizione, piccola , di Torrey Peters. Ha parlato molto della sfida di scrivere per lettori trans e lettori non trans allo stesso tempo. Come ti sei avvicinato alla scrittura sia per un pubblico nero che non nero?

È divertente, quando l'ho incontrata qualche settimana fa, abbiamo avuto una discussione simile. Eravamo su un pannello. C'è quella sensazione di voler parlare con entrambe le parti. So per certo che quando scrivevo, lo facevo costantemente, in parte perché avevo lavorato nell'editoria, ma anche perché avevo fatto il mio MFA alla New School in saggistica, stavo già pensando molto al pubblico. Volevo davvero che questo entrasse in risonanza, prima di tutto, con le donne nere: lettori neri che sono stati gli unici, o sanno com'è questa sensazione, o hanno avuto conversazioni sui capelli neri al lavoro e si guardano intorno per vedere se qualcuno è curioso o ascolta, tutte queste sfumature e cose sottili.

Ma non lo vedi mai necessariamente nei libri, o se lo fa quei libri non arrivano in tutti i posti giusti. Quindi essere in grado di mantenere quell'integrità era davvero importante per me, Atria e il mio editore nel Regno Unito, perché molti di questi riferimenti sono specificamente riferimenti neri americani. È stato meraviglioso che non ci sia mai stata nemmeno una conversazione su come spostarli o eliminarli o spiegarli. E gli indizi sul contesto: mi sono assicurato che ci fossero abbastanza informazioni che il lettore potesse continuare e non le avrebbe eliminate.

E penso che d'altra parte, le persone che non hanno familiarità con i capelli 4C, ho ricevuto molti feedback da loro dicendo: l'abbiamo cercato ed è stato fantastico, ora so così tanto e non sapevo cosa non sapevo . Ed è davvero una bella sensazione come scrittore.

Hai mescolato due cose nel libro: la realtà di essere neri in un posto di lavoro e anche questi tropi horror e thriller molto tradizionali. Abbiamo la realtà e poi abbiamo questo modello letterario su cui proietti.

Mi è venuta l'idea di rendere questo libro multigenere perché è molto quello che sono. Sono un grande fan dell'horror. Da giovane, mi piaceva davvero zona crepuscolare . Mio padre ed io guardavamo La mosca, Il blob , La notte dei morti viventi , tutti quei film, insieme. Ero davvero grande Pelle d'oca ragazzo. Quindi avevo sempre pensato a questo genere di cose, ma non avevo mai pensato di metterle in un libro.

Ma più o meno nello stesso periodo in cui ho iniziato a scrivere L'altra ragazza nera , avevo visto questo documentario intitolato Orrore Nero e Tananarive Due, un accademico e professore di horror nero, dice La storia nera è orrore nero . E ho usato la sua citazione per l'epigrafe del libro. [Il film] è solo un'esplorazione del modo in cui le persone di colore sono state ritratte nel genere horror Nascita di una nazione a Uscire . Uscire è stato il momento in cui penso che Black e l'horror siano davvero esplosi, e ora ne stiamo vedendo così tanti riverberi, il che è davvero bello e divertente. Ma davvero, la rappresentazione non è stata sorprendente. Non siamo entrati in certi generi. Quindi è stato davvero divertente poter mettere i neri in questo spazio e poi aggiungere anche parti comiche e letterarie.

Volevo dimostrare che tutti possono lavorare insieme e aiutare a parlare di alcuni mali sociali di cui avremmo difficoltà a parlare altrimenti.

Is Nella named after Nella Larsen?

Ho chiamato Nella dopo Nella Larsen perché questa è un'altra influenza che avevo letto quando ho iniziato a scrivere il libro. stavo leggendo Passando e non ne sapevo molto, tranne per il fatto che due donne nere si fanno passare per donne bianche ad Harlem negli anni '20. È un thriller. È molto orribile. La tensione sociale: verranno catturati o no? Saranno dichiarate donne nere che si muovono attraverso questi spazi bianchi? I parallelismi tra quelle due donne e Nell e Hazel sono davvero ovvi ora perché Nella e Hazel ovviamente si presentano come donne nere, ma stanno ancora passando a modo loro.

quando scompare la linea nigra?

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Scary Mommy Book Club (@scarymommybookclub)

Questo è il tuo primo libro. Raccontaci come sei diventato uno scrittore e quale è stata la tua esperienza nello scrivere il tuo primo romanzo.

Amavo scrivere da bambino. Mio padre è uno scrittore. Si è guadagnato da vivere scrivendo e facendo il professore di giornalismo. Quindi averlo come esempio, da giovane, è stato davvero importante per me. Quando ero molto giovane, le capacità di lettura e scrittura erano molto importanti nella mia casa. E quindi ho letto molto, ero un grande Pelle d'oca fan, anche se reggono ancora.

Intorno all'età di 11 o 12 anni, ho partecipato a un concorso di scrittura per ragazza americana rivista, che purtroppo non è più con noi, come rivista. Ma da bambino mi piaceva. E il mio ingresso ha vinto. E così il mio racconto è stato pubblicato sulla rivista e hanno pubblicato un piccolo libretto che ho ancora nella mia libreria. È stato davvero bello perché era come ok, non sono solo i miei genitori e i miei insegnanti. Sono uno scrittore abbastanza bravo.

Mentre lavoravo nell'editoria, era come il meglio di entrambi i mondi perché ho avuto modo di lavorare sulla scrittura di altre persone, ovviamente ottenere libri gratuiti, creare connessioni e semplicemente incontrare persone che sono anche appassionate di scrittura. Quindi questa idea per il libro per L'altra ragazza nera ho colpito dopo un po' di lavoro lì e ho dovuto decidere: assistente al montaggio significa più responsabilità, il che significa meno tempo per lavorare sulle mie cose. Perché per tutto il tempo in cui sono stato nell'editoria, ero ancora freelance. Sto ancora cercando di scrivere e spero che anche questo funzioni. Alla fine ero come, Devo fare questo. È troppo divertente lavorare su quest'idea, per essere ancora alla mia scrivania.

E così ho smesso e non ho mai scritto nulla così velocemente in vita mia. L'ho iniziato a gennaio 2019 e l'ho terminato a ottobre 2019 e poco dopo ho trovato un agente. E poi pochi mesi dopo l'abbiamo venduto. Poi il mese dopo che abbiamo venduto il libro, la pandemia ha colpito.

Com'è andata la tua pandemia e il 2020?

La mia pandemia non è stata male. Sapere che avevo questo libro ha sicuramente giocato un ruolo importante in questo, oltre a essere in buona salute e stare bene ed essere molto fortunato ad essere ancora in questa situazione stabile.

La roba di George Floyd e Breonna Taylor mi ha davvero, davvero distrutta. Non mentirò. Come se fossi esausto la scorsa estate e dovessi lavorare alle modifiche e entrare in quello spazio mentale ha richiesto molto più lavoro e molte più intenzioni. Ma una cosa che ne è venuta fuori è che con le mie frustrazioni sono stato in grado di migliorare alcune parti del libro. Come il momento con Nella e Hazel nella scena del bagno, quel momento era diverso rispetto all'anno scorso. Ho messo così tanto del mio dolore personale e della mia disperazione in quella scena. Ne ho tratto il meglio che potevo.

Cosa stai leggendo?

Uno dei miei libri preferiti che ho letto è Sette giorni a giugno di Tia Williams . Oh mio Dio. Mi piacciono molto questi personaggi e la storia è meravigliosa. Sono anche scrittori neri e ovviamente ho un pregiudizio verso tutti i libri che parlano di scrittori neri che stanno anche avendo conversazioni simili a me su cosa significhi essere uno scrittore nero. Ma non è solo questo. Riguarda anche l'amore, la dipendenza e il trauma. Quindi amo quel libro.

Cos'altro? Il revival finale di Opal e Nev di Dawnie Walton è fenomenale. Opal si basa su una fusione di Tina Turner e tanti altri musicisti rock neri. Ed è solo la storia di una donna nera e di un britannico bianco e della loro carriera. È un libro davvero ben scritto e fa venire voglia di ascoltare tutto questo Sly e la Pietra di famiglia e tutta questa Tina Turner.

Anche Gli Atmosferici di Alex McElroy . Non sono sicuro di chiamarla distopia, ma è sicuramente ambientata in un periodo in cui gli uomini stanno formando queste... orde. E questi due personaggi principali hanno deciso di avviare un culto che riforma questi uomini. Ed è molto divertente. È molto spiritoso e piuttosto oscuro ed è anche così ben scritto.

A cosa stai lavorando ora?

In questo momento sto lavorando al pilota televisivo di L'altra ragazza nera Programma televisivo. È stato un sacco di apprendimento, ma è stato molto divertente. Lo sto scrivendo insieme a Rashida Jones. Stiamo immaginando il libro e reimmaginando i personaggi e avvicinandoci a molte persone a cui non mi sono avvicinato nel libro.

Sto anche lavorando a una parte del co-hosting di un podcast chiamato Scrittore drammatico morto con Jennifer Keishin Armstrong, che scrive di TV e cultura pop. È fantastica. E stiamo facendo questo podcast per l'American Writer Museum di Chicago, e in pratica parliamo semplicemente con un altro accademico o uno scrittore di uno scrittore morto. E parliamo di tutte le cose che non impari al liceo su questi scrittori e le inseriamo in un contesto moderno.

E poi, ovviamente, su cui sto lavorando è il brainstorming. Ho un muro di lavagna che non è visibile ed è un muro d'accento per il mio muro giallo vichingo. Quindi davvero solo pensando al mio prossimo libro!

Condividi Con I Tuoi Amici: