Non devi amare tua madre

Salute E Benessere
non devi amare la mamma

Johner Images/Getty



Family è tutto ciò che hai. O così dicono. Dovresti stare al loro fianco, qualunque cosa accada. Questo mantra imperfetto ha rovinato innumerevoli vite. Dieci anni fa, sarei dannato se avessi buttato via la mia vita per amore della lealtà. Così ho tagliato i ponti e me ne sono andato verso la fine dell'adolescenza.

Cosa intendo per tagliare i legami? È meglio dire che ho preso le distanze. Non visito spesso. Una telefonata ogni pochi mesi è il meglio che posso fare.





Mia madre? Non le parlo da cinque anni. Sono stati i migliori anni della mia vita. Tempo fa, ho scritto un post sul non dover amare la tua famiglia. Quello che volevo veramente dire è che non devi amare tutti di loro.

Alcuni della tua famiglia possono andare a farsi fottere. Possono morire da soli. Non sarò presente al letto di morte di mia madre. O il suo funerale. Forse un giorno la sua tomba. Mio figlio non conoscerà mai sua nonna.

Neanche lei è stata invitata al mio matrimonio. Ha rovinato abbastanza momenti: balli, concerti, lauree, vacanze, vacanze.

Molti post sul blog parlano della rimozione di amici tossici dalla tua vita.

Beh, a volte devi rimuovere un genitore tossico .

Ci vuole molto per odiare tua madre. Deve rimproverarti costantemente. Urla contro di te ogni giorno. Lancia le cose. Cuci dentro di te il dubbio a livello atomico. Quando avevo 10 anni, mia madre mi convinse che i miei amici ci stavano derubando. Mi ha chiamato ingenuo, debole, patetico.



Per dimostrarle che si sbagliava, ho iniziato a perquisire i miei ospiti in veranda prima che tornassero a casa. Una parte di me pensava che mia madre avesse ragione. Un accessorio di Barbie era destinato a cadere dalla tasca di qualcuno.

Immagina la vergogna quando ho perquisito quattro dei miei amici e non ho trovato nulla tranne i loro volti feriti.

Non sono sicuro di dove ho imparato la procedura di perquisizione. La televisione è un insegnante fantastico. Comunque, la gente ha smesso di venire.

HDurante le elementari, mia madre ha scoperto che io e alcuni altri bambini stavamo giocando con una ragazza che aveva la sindrome di Down. Avevamo passato una ricreazione a raccogliere denti di leone e fare ghirlande. Più simili a nidi, ma è il pensiero che conta.

Uno dei nostri insegnanti ci ha visto e mi ha regalato un nastro per il mio comportamento. Era un po' strano ricevere una ricompensa per non essersi comportato come un vero stronzo. Non sapevamo esattamente cosa fosse la sindrome di down. Ma sapevamo che Megan era diversa. Semplicemente non ci importava molto.

Mia madre ha trovato il nastro nella mia borsa del pranzo e me l'ha chiesto. Quando le ho spiegato, ha rotto una ciotola nel lavandino e mi ha lanciato delle uova da dietro lo sportello del frigorifero. Stai giocando con un ritardo ? lei urlò.

Per giorni mi ha ignorato. Tranne che a volte mi chiamava ritardato, quando passavamo nel corridoio.

Alcuni anni dopo, mia madre si sedette in un auditorium e mi guardò suonare il violoncello in seconda sedia nell'orchestra del liceo. Durante il viaggio verso casa, mi ha chiesto perché non giocavo alla prima sedia.

È riservato a un anziano, ho detto.

Lei roteò gli occhi. Perché non sei alla master class?

come fare sesso in una macchina piccola small

Ho detto, perché non sei idoneo per la master class fino a quando non sei al secondo anno.

Merda, ha detto. Il tuo insegnante non crede che tu abbia talento. Forse non lo sei. Se fossi in te, smetterei.

mia sorella ha il fratello migliore

Mio padre rimase in silenzio, come un autista.

Per giorni ho soppesato la sua parola con quella del nostro capotreno. Non sapevo chi fosse il bugiardo. Alla fine ho dovuto fare una scelta. Le parole di nessuno dei due avevano importanza. Quello che ha fatto è stato il mio amore per la musica.

Così ho continuato a esercitarmi. Ho tenuto una master class e ho detto ai miei genitori che non volevo più che partecipassero agli spettacoli. Al college, ho abbandonato la musica per un'altra passione: scrivere. Ma la lezione è rimasta: non avevo bisogno del consiglio di mia madre. O la sua approvazione. O il suo supporto. In effetti, aveva sempre torto.

Ynostra madre ti ama, mio ​​padre ha detto la notte che ha cercato di ucciderci. In precedenza, aveva agitato un coltello da cucina e ci aveva inseguito. Abbiamo chiamato la polizia. Non sono rimasti colpiti. Ci hanno detto che non sembrava una gran minaccia. Una donna di mezza età debole, disidratata, con una lama smussata. Chi non dormiva da 36 ore. No, a loro sembrava innocua.

Pensavo davvero che mia madre fosse capace di tagliarmi la gola? No, non fisicamente. Eppure lei voleva. Pensava che fossi un alieno spaziale. Un clone. Tutti e due? Ha blaterato sui dettagli. Chiamami paranoico, ma non corri rischi con questo genere di cose. Anche se è tua madre.

Mia madre ha sofferto dozzine di crisi schizofreniche nel corso degli anni. Ma era una persona brutta ben prima che la malattia mentale la trasformasse in un mostro. A metà della mia adolescenza, mia madre ha cessato di esistere.

Il suo corpo non è morto, ma la sua mente sì. Per anni ho cercato di essere una brava ragazza e di fingere di avere conversazioni con lei che non andavano da nessuna parte. Tranne che a volte i suoi occhi si concentravano e iniziava a fare commenti passivo-aggressivi sul mio peso, o sui miei capelli, o sui miei progetti di carriera.

Così alla fine ho smesso di fare visite. Ora vive in una struttura, per lo più da sola. Nessuno entra più. A volte mi sento triste per lei. Ma so cosa mi fa la sua presenza e non posso permettermelo. Ho il mio futuro, la mia carriera e la mia famiglia. Altre persone dipendono da me. Quindi sto lontano.

Ole mamme di altre persone mi sconcertano. Nessuno di loro è perfetto. Ma la maggior parte di loro ha svolto un lavoro sorprendentemente dignitoso.

Guardo mia moglie abbracciare sua madre a Natale e mi chiedo come deve sentirsi. Ma non lo invidio per un secondo. È solo una curiosità.

A volte mi guardo allo specchio e vedo mia madre. Da un lato, è una benedizione. Fuori, mia madre era bellissima.

Ogni giorno, la sento in me. Non in senso buono. Sento il suo bisogno di giudicare. Odiare. Vivere nel sospetto e nella sfiducia costanti.

Mia madre non aveva amici. Li ha spinti fino in fondo. Ricordo a me stessa di non commettere gli stessi errori che ha fatto lei.

Eppure la sua paranoia e la sua implacabile critica sono diventate, una volta affinate, strumenti utili. Mi impediscono di diventare troppo compiacente, troppo fiducioso o troppo dipendente dalle altre persone.

Sono passato da tempo dalla decisione di perdonare o riunirmi con mia madre. Nonostante tutto, i suoi abusi mi hanno costretto ad evolvermi e ad adattarmi. Non mi struggo per uno diverso, che mi avrebbe cullato nel sonno e cantato per me, che avrebbe mostrato amore e sostegno incondizionati.

Alcuni di noi dovrebbero smettere di legarsi al mito della riconciliazione. Non succederà. La mente di mia madre è il formaggio svizzero. Lei non sa chi sono. E non ho intenzione di fare qualche fuorviato pellegrinaggio a casa per un assaggio di riconoscimento. Non ho mai avuto il suo amore. E ora so che non ne ho mai avuto bisogno in primo luogo. Le avversità ci definiscono, in un modo o nell'altro. Lo affronteremo da bambini o da adulti. O entrambi.