Non puoi essere co-genitore con un ex tossico, ma puoi farlo invece

Maternità
co-genitorialità

AlexLinch/Getty



Se ti sei imbattuto in questo articolo dopo aver cercato su Google una versione di, Come posso co-genitore con mio? ex tossico ? e quell'ex sembra davvero essere psicopatico, narcisista , altamente controverso o tutto quanto sopra, permettimi di attingere alle parole di Drake e fornire la versione di Cliff Notes: Se stai leggendo questo, è troppo tardi.

da ragazza a ragazzo raccolgono le battute

Non puoi co-genitore con a narcisista . Ripeto, TU. NON PUÒ. CO-GENITORE. CON. A. NARCISISTA.





Non importa quanto tu sia flessibile o deciso. Non importa quanto tu ci provi, ogni tentativo di essere la persona più grande o ucciderli con gentilezza alla fine fallirà. Non puoi essere co-genitore con una persona tossica. Il motivo è molto semplice:

La co-genitorialità richiede uno sforzo condiviso e un intento condiviso.

Considera il prefisso co – significa, insieme, reciproco, in comune. I narcisisti non condividono i tuoi stessi obiettivi. I narcisisti non possono e non antepongono il miglior interesse del bambino al proprio. Cercando di co-genitore con a narcisista è come remare su una barca con un remo, mentre l'altra persona usa il proprio per aggiungere lentamente l'acqua. La tua barca non può andare dritta quando stai solo pagaiando da un lato. Fai del tuo meglio, la tua barca andrà in tondo, fermandosi solo quando affonda.

Per essere chiari, le rotture sono dure per tutti. La co-genitorialità è più difficile. E anche le persone molto simpatiche e ben intenzionate possono essere stronze a volte. Quando dico narcisista, non sto parlando per iperbole, quindi è importante che ti fermi un momento e consideri davvero alcune cose:

Il tuo ex controlla? Emotivamente abusivo? Insensibilmente difficile? Riduce al minimo, nega o sposta la colpa? Cerca di intimidire o isolare te o i bambini? E ne esibiscono? segni di alienazione genitoriale ?

Se la risposta è no, ottime notizie! Il tuo ex probabilmente non è un narcisista e probabilmente puoi trovare un percorso verso una co-genitorialità pacifica. Ma se hai risposto sì ad alcuni di questi indicatori, è probabile che sia ora di rinunciare alla nave.

Per il Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali c'è una lista di nove f attori che identificano una persona con Disturbo Narcisistico di Personalità. Bisogna incontrarne solo cinque per essere classificati come narcisisti. Sono:
  • senso grandioso di presunzione
  • preoccupazione per fantasie di successo illimitato, potere, brillantezza, bellezza o amore ideale
  • convinzione di essere speciali e unici e di poter essere compresi solo da, o che dovrebbero associarsi con, altre persone o istituzioni speciali o di alto rango
  • bisogno di eccessiva ammirazione
  • senso di diritto
  • comportamento di sfruttamento interpersonale
  • mancanza di empatia
  • invidia degli altri o convinzione che gli altri siano invidiosi di loro
  • dimostrazione di comportamenti o atteggiamenti arroganti e altezzosi

Senza bambini, la decisione ovvia sarebbe quella di tagliare tutti i legami e non guardarsi mai indietro. Sfortunatamente, questa non è sempre un'opzione. E nella stragrande maggioranza dei casi, è meglio che i bambini abbiano una relazione con entrambi i genitori biologici. Quindi, quando il tuo ex è tossico o narcisista, genitorialità parallela è la tua unica scelta.



Questa non è solo semantica: questo è un cambiamento di filosofia totale. La genitorialità parallela richiede a qualsiasi persona sana e collaborativa di disimparare e ricablare consapevolmente:

1. Riconoscere la dinamica e riconoscere il ciclo.

C'è uno schema nella tua comunicazione? Quanto è frequente l'andata e ritorno? Quanto sei reattivo? Cosa sta peggiorando le cose? Hai l'ansia? Se sì, quando e cosa lo aumenta? Di che cosa hai paura? Non è una domanda retorica: di cosa hai paura? Fallire come genitore? Perdere i tuoi figli? In che modo il tuo ex ti ha manipolato facendoti credere che devi impegnarti per proteggere te stesso o i tuoi figli? E quelle paure sono logiche? Gridalo e scrivilo, e poi riducilo ai fatti. A che punto sei e cosa deve cambiare?

2. Stabilire nuovi confini.

Comunicare solo via e-mail o un portale genitoriale. Siti come Genitori che parlano sono ammissibili in tribunale e hanno letto le conferme, che impediscono al tuo ex di affermare di non aver ricevuto il messaggio. Bloccalo sui social media, aumenta le tue impostazioni sulla privacy e non inviare messaggi. Stabilisci una serie di regole per te stesso: quanto spesso controllerai i messaggi e quanto tempo aspetterai per rispondere? Non cedere alla triangolazione. Stabilisci delle regole per quando rispondere alle chiamate al bambino.

Sii ragionevole e pieno di tatto, ma non condividere queste regole con il tuo ex. Questo sei tu che crei dei confini per te – non creare più modi per lui/lei di permeare la tua psiche. Esempio: supponiamo che tu decida (e dica al tuo ex) che qualsiasi chiamata dopo20:00.non verrà data risposta. Ex inizia a chiamare intenzionalmente a8:01. Tu rispondi e quel pollice torna a diventare un miglio. Non lo fai, e ricevi e-mail che dicono quanto sei irragionevole. Poche cose sono veramente urgenti. Imposta silenziosamente le tue regole e comunica/facilita la comunicazione quando diventa appropriato. Non dare al tuo ex un'apertura per il coinvolgimento o la manipolazione.

3. Se non hai un'ingiunzione del tribunale, presentane una.

Prenditi il ​​tempo per pianificare ciò che desideri. Se vai davanti a un giudice senza un piano, otterrai un accordo standardizzato, e quelli sono per i genitori che possono co-genitori, non per voi due. Guarda il tipico piano genitoriale del tuo stato e modificalo nel migliore interesse dei tuoi figli. A prima vista, potresti pensare che sembri giusto, ma è perché intendi seguirlo e ti aspetti reciprocità. Non essere stanco di false speranze.

Vai riga per riga e considera come il tuo ex potrebbe usare le clausole per aumentare il suo controllo. Come comunicherà con i bambini quando sono a casa tua? Come vengono scambiati i bambini e dove? Cosa succede se sei in ritardo o ti ammali o hai problemi con la macchina? Quali informazioni è necessario comunicare e qual è la tempistica per il turnaround? Quali decisioni, se ce ne sono, ci si può ragionevolmente aspettare che prendano insieme? E ricorda: hai bisogno di un ordine che non dia al tuo ex spazio per l'interpretazione. L'area grigia è una licenza per essere difficile e una ricetta per il disastro.

indovinelli natalizi per adulti con risposte

4. Se hai già un ordine del tribunale, aspettati che il tuo ex lo infranga.

Sii grato: sta mostrando i suoi punti in modo documentabile. Non parlarne con il tuo ex, prendi semplicemente appunti in silenzio. Dopo aver costruito un caso, riporta il tuo ex in tribunale. Spingere per sanzioni e lottare per i diritti decisionali o l'affidamento esclusivo. Forse hai bisogno di una terza parte per facilitare gli scambi. Forse non è appropriato che il tuo ex comunichi con i bambini attraverso di te. Consulenza. Visite monitorate. Valutazioni psicosociali. Ad ogni costo! Metti sempre al primo posto i loro bisogni, ma ricorda che i bambini hanno un disperato bisogno di vedere i sani confini del modello dei loro genitori. Abuso intergenerazionale è una cosa molto reale e dovrebbe essere la tua preoccupazione principale. Fai tutto il possibile per interrompere questo ciclo.

5. Il tuo ex proverà a competere con te. Non impegnarti.

Se non l'hai ancora notato, il nome del gioco è Non impegnarti. Se ricordi e segui solo tre parole di questa Magna Carta: Scegli. quelli. Tre. Se hai la maggioranza in multiproprietà, probabilmente hai anche il peso della disciplina della maggioranza, delle faccende della maggioranza e dei compiti scolastici della maggioranza. Il mazzo è impilato contro di te nel dipartimento dei genitori divertenti. Lasciarlo andare. Consenti ai tuoi figli di essere entusiasti di vedere il tuo ex. Incoraggiarli e sostenerli. Sii felice per loro. Questo è ciò che alla fine vuoi, dopotutto: che i tuoi figli siano felici.

I bambini desiderano credere che i loro genitori (plurale) abbiano appeso la luna. Lascia che ci credano il più a lungo possibile. Non sondare i tuoi figli e non strappare il velo dai loro occhi. Lo vedrai scivolare giù, solo per i tuoi figli che lo faranno scorrere di nuovo su, ancora e ancora. Non offenderti per questo. Considera per quanto tempo sei rimasto con quella persona o per quanto tempo hai mantenuto l'idea della co-genitorialità. Imparare che ti sbagliavi su una persona cara è una verità difficile da digerire, specialmente per un bambino. Consolali quando stanno male, ma non indugiare o trascinarlo fuori. Lascia che si riprendano. La strada è lunga e hanno bisogno di tutto l'aiuto possibile per percorrerla. Sii la loro bussola.

6. Aspettati di essere trascinato nel fango.

Chiamare le segnalazioni di abuso. Fare false accuse. Diffondere voci su di te alla sua cerchia (e alla tua). E la maggior parte di queste bugie sarà sotto forma di accuse direttamente contro di te. Sei una cattiva madre! Sei egoista! Sei insicuro! Questo. È. Chiamato. Illuminazione a gas. Rimani saldo nella tua verità. Non devi difenderti o spiegare le tue scelte. Non preoccuparti di essere il cattivo e non prendere decisioni per paura. Chiediti spesso, se il mio ex non fosse nella foto, quale sarebbe il modo migliore per gestire (data situazione) per me e per i miei figli? Novantanove volte su cento, quella stessa decisione è ancora la decisione giusta.

7. E, ultimo ma non meno importante, vivi la tua vita.

Sei un essere umano autonomo che merita felicità, piacere e divertimento. Ti è permesso commettere errori lungo la strada. Ti è concesso spazio per crescere. E non devi essere un genitore o una persona perfetta. Non lasciarti soffocare dalla scatola in cui ti dipinge il tuo ex, o dalla versione di te che eri molto tempo fa. Ti è permesso cambiare e, francamente, cambiare è il punto. Non puoi aggiustare il tuo ex, quindi smetti di provare. Invece, sposta l'attenzione verso l'interno. Metti in primo piano la tua salute mentale, cerca una consulenza se necessario, pratica la vera cura di sé. Prenditi del tempo per te e il tuo bambino o i tuoi figli. Circondati di persone positive. Accetta il lavoro, fai la mossa, scrivi l'articolo. Niente turberà il tuo ex più di quanto tu viva la vita alle tue condizioni. Quindi sii autenticamente te stesso e fallo con un sorriso.

Come si suol dire, la felicità è la migliore vendetta.

8. App di co-genitorialità in soccorso

Se hai seguito tutto questo e hai trovato una sorta di rapporto di lavoro per il bene di tuo figlio, c'è ancora il problema della logistica della co-genitorialità. Qui è dove app di co-genitorialità che eliminano la BS di sms, e-mail, rimanere in cima agli accordi di custodia e le spese sono un'ancora di salvezza. Fortunatamente per te, abbiamo un elenco di oltre una dozzina di app di questo tipo che semplificano la vita ai genitori.

Non dovrai più inviare e-mail o trattare con il tuo ex tramite SMS. Tutte le comunicazioni possono essere relegate a funzionalità in-app, i cui contenuti possono essere ammissibili in controversie giudiziarie e di affidamento. Molte di queste app non offrono una funzione di modifica, quindi il testo non può essere cancellato o modificato dopo il fatto. Questo può tornare utile se la relazione è controversa.

Correlati: i genitori narcisistici sono letteralmente incapaci di amare i loro figli