celebs-networth.com

Moglie, Marito, Famiglia, Stato, Wikipedia

Perché le mamme sono sempre così arrabbiate?

Maternità
Maternità e rabbia: qual è la vera causa?

Maskot/Getty Images

Puoi sentirlo insinuarsi, a partire dai tuoi piedi. Qualcuno lascia le sue scarpe nel corridoio e quasi ci inciampi mentre porti un cesto della biancheria in lavatrice. Un altro ha dimenticato di tirare lo sciacquone ANCORA. Quella sensazione è alle tue ginocchia ora. Stai iniziando a stufare. Una bolletta che hai dimenticato di pagare ora ha una penale. I compiti sono stati lasciati sul bancone e l'autobus è partito. Le tue labbra sono serrate. Respirare , dici a te stesso. Respirare.

Poi, la sera tardi, stai preparando la cena, già arrabbiato, sapendo che si lamenteranno per quello che hai fatto, e ti sparano alla schiena con una pistola nerf.



Tu esplodi. Getti la spatola nel lavandino, strappi la pistola nerf dalle mani di tuo figlio e senti le fiamme calde uscire dai tuoi occhi.

Poi, vedi le sue spalle incavate. Si allontana di soppiatto, chiedendosi perché la mamma non possa essere divertente a volte.

citazioni di chip La Bella e la Bestia

Ricordo di essere cresciuto e di aver visto mia madre traboccare. Sbuffando e sbuffando per la frustrazione perché non è mai stato tutto finito, non è mai stata finita. E poi, finalmente, scattava. Sopra un mucchio di panni sporchi. O una cena sprecata che ci siamo rifiutati di mangiare. Qual è stato il grosso problema? , direi. Non capivo perché le importasse così tanto che i letti fossero fatti prima che uscissimo di casa o che la cucina fosse pulita. Ma, porca puttana, l'ho mai capito adesso.

Vi siete mai chiesti perché così tante di noi mamme siamo arrabbiate? Perché papà può piombare qui dopo una lunga giornata di lavoro ed essere allegro e divertente e lanciarli in aria e tutto quello che puoi pensare è, non irritarli! È quasi ora di andare a dormire! Perché ci infastidisce così tanto che, anche se stanno litigando per il solletico o stanno giocando a palla, creando gioiosi ricordi d'infanzia, che nessuno mai appende il loro fottuto cappotto? O mette le scarpe sopra la scarpiera?

Sono piccole trasgressioni, piccoli momenti durante la giornata che sembrano offese personali, persino insulti, e si accumulano e costruiscono fino a quando il vulcano esplode. So perché mia madre l'ha perso di tanto in tanto, perché lo faccio anche adesso. Perché siamo così arrabbiati?

Bene, ecco la verità: perché quell'emozione proviene da un luogo ferito.

Lo sapevi della rabbia? Che in realtà è un segno di qualcos'altro? Secondo Psicologia oggi , la rabbia non è quasi mai un'emozione primaria. L'articolo prosegue spiegando che questa emozione ha spesso diversi sentimenti primari alla base, come sentirsi trascurati, non importanti, svalutati e impotenti, tra gli altri.

Non ha molto senso? È perché a volte ci sentiamo non apprezzati, ignorati e, francamente, invisibili, che finiamo per sputare fuoco contro i nostri cari.

Lavoro duramente ogni giorno per mantenere la mia casa presentabile a distanza al mondo esterno, cucinare pasti sani per alimentare i nostri corpi e lavare, asciugare e appendere i vestiti di tutti in modo che tutti possano vestirsi al mattino. Lavo i gabinetti, piego le coperte e aspiro i tappeti. Ricordo loro di fare i compiti e di lavarsi il corpo ( tutti dei loro corpi) , e condividere con i loro fratelli.

Quindi quando le persone che amo - le persone per cui faccio tutto questo - entrano in casa e lasciano cadere la loro merda proprio lì sulla soglia e non mettono via niente, o lasciano la cucina un casino da pulire per me dopo lamentarsi del pasto che ho preparato che aveva un sapore orribile, o lasciare pile di vestiti sporchi e involucri Twix in tutte le loro stanze, sono arrabbiato .Ma la verità è che sento tutta una serie di altre cose.

Ed ecco la parte successiva, una parte importante, non voglio esplodere sulla mia famiglia più di quanto loro vogliano che io esploda su di loro. Quindi, tanto quanto sta a loro dare il loro contributo e fare la loro parte, sta a me comunicare. Per rispondere a quelle che sono le mie esigenze, in modo da non sentirmi svalutato a casa mia. Per evitare di essere passivo-aggressivo e aspettarmi che mi leggano nel pensiero.

Perché nessuno merita di vivere in una casa di rabbia, né loro né io.

Quando lo sento insinuarsi intorno alle caviglie, devo affrontare la causa. E se non lo faccio, e si fa strada nel mio corpo, anche se arriva alle mie spalle e sento che la mia mascella inizia a serrarsi, di solito non è troppo tardi.

È in questo momento che ho una conversazione con me stesso. Almeno una delle mie esigenze non viene soddisfatta. E forse non c'è niente che nessuno possa fare al riguardo: ci sono certamente momenti nella vita in cui un coniuge è sopraffatto dal lavoro, o i bambini sono malati e la mamma deve assumersi tutto il peso. Questi sono i momenti di risucchio in cui sono solo i limoni che la vita ti sta offrendo in quel momento.

Ma più spesso che no, posso fare qualcosa per la mia rabbia. Posso fare una passeggiata o andare in una stanza tranquilla, fare qualche respiro e capire cosa diavolo sta succedendo. Devo scavare sotto la rabbia e trovare la causa principale: sono esausto? Sono sopraffatto? C'è troppo nel mio piatto? I ragazzi stanno scivolando sulle loro responsabilità? Devo capire cosa mi sta facendo arrabbiare in quel momento e poi capire come gestirlo.

Non è un metodo infallibile per prevenire scoppi di rabbia. Dobbiamo darci un po' di grazia e accettare che tutti abbiano una brutta giornata di tanto in tanto, e saremo perdonati. Ma se ti senti spesso frustrato—senti quella rabbia bassa e ribollente che ti fa sputare fuoco per aver trovato un calzino sul divano del soggiorno o quando i bambini non hanno caricato la lavastoviglie come hai chiesto—potrebbe essere utile fare un passo indietro e pensare a cosa sta realmente accadendo. E se riesci a valutare l'emozione iniziale, che forse ti senti non apprezzato o addirittura invisibile, o forse hai un disperato bisogno di riposo, o di cancellare uno o due elementi dal tuo calendario, allora hai parole che puoi portare alla tua famiglia per comunicare come ti senti.

Sai che se i tuoi figli o il tuo coniuge si sentissero invisibili o dati per scontati o esausti o sopraffatti, tu intervieni per prenderti cura di loro. Gli assicureresti che sono apprezzati, importanti e apprezzati. E tu? Non meriti lo stesso?