Quando affronti il ​​tuo primo Natale senza una persona cara

Perdita E Lutto
Quando affronti il ​​tuo primo Natale senza una persona cara

Rachel Brown



È il periodo più bello dell'anno. Il tuo albero è alto e decorato. Le calze sono appese al caminetto e la tua casa risplende di magia natalizia. La musica natalizia riempie l'aria e ovunque tu vada la gente diffonde l'allegria natalizia. Questo è di solito un periodo gioioso dell'anno pensato per feste e celebrazioni con amici e familiari. C'è un'aspettativa non scritta di essere allegri e pieni di spirito vacanziero. Ma per molti che affronteranno il loro primo Natale senza una persona cara, questa stagione può anche portare un enorme dolore.

Sette anni fa, questo ero io. Completamente insensibile alle gioie della stagione, semplicemente facendo i movimenti per i miei figli, in procinto di vivere il peggior Natale della mia vita. avevo appena perso mio padre a settembre al cancro ai polmoni. Il tempo dalla diagnosi alla sua morte è stato inferiore a sei settimane. Quando arrivarono le vacanze, ero ancora molto in stato di shock. Fare le normali cose natalizie sembrava inimmaginabile.





Mio padre era più grande della vita. Era spesso la persona più rumorosa e gioiosa nella stanza alle riunioni di famiglia, specialmente durante le vacanze. Erano i suoi preferiti in assoluto. Semplicemente non potevo immaginare di trascorrere un Natale senza di lui lì. Era insondabile che andassi a fare shopping e non gli comprassi un regalo. E mentre pensavo di suonare nel nuovo anno, l'unica cosa che potevo pensare era che il 2010 sarebbe stato il primo anno solare che non avrebbe incluso mio padre.

non ho mai… fatto domande cattive

Il mio dolore interiore stava prendendo il sopravvento su ogni pensiero. Ogni potenziale gioia è stata superata dal fatto che anche mio padre non era lì per sperimentarlo. E mentre stavo lottando internamente con il mio dolore travolgente, tutto ciò che accadeva intorno a me sembrava crollare. Era come se l'universo si stesse allineando per assicurarmi che avrei passato il peggior Natale di sempre.

Doveva essere il mio Natale libero quell'anno, ma il mio capo mi ha informato che avrei dovuto lavorare. L'ho sentita dirmi al telefono come sapeva che era dura, come anche lei aveva perso suo padre, e ha capito. Ero senza parole. Volevo urlare al telefono che non aveva idea di cosa stessi passando. Ha perso il padre di 85 anni in una lunga battaglia contro l'Alzheimer. Ho perso mio padre di 54 anni dopo una brevissima battaglia contro il cancro. Cosa non darei per avere mio padre per altri 30 anni. Perché vedi, il problema del dolore è che spesso è molto personale e un po' egoista. Nella mia testa, sapevo che anche lei stava affrontando il dolore, ma il mio cuore sentiva che non poteva assolutamente corrispondere a quello che stavo provando. Inoltre, non doveva lavorare a Natale.

per cosa è bo un soprannome?

Invece di stare insieme a Natale, io e la mia famiglia ci siamo riuniti il ​​23 per scambiarci i regali. Onestamente non ricordo molto del nostro incontro. Senza mio padre, tutto sembrava molto più tranquillo. Era come se stessimo semplicemente fingendo di festeggiare il Natale, soprattutto per i bambini. L'atmosfera gioiosa e festosa non c'era. Penso che ognuno di noi fosse nella nostra camera di risonanza privata del dolore. Perché anche all'interno della stessa famiglia, ogni persona vive il proprio dolore in modo diverso.

Dopo aver festeggiato con la mia famiglia, ho dovuto lavorare per i due giorni successivi. Era quasi una gradita pausa dal mio tumulto quotidiano. Siamo andati alla messa della vigilia di Natale e siamo andati a cena in un ristorante cinese perché decisamente non avevo voglia di cucinare. In effetti, penso che la maggior parte delle nostre cene provenissero da ristoranti o fast food nei mesi successivi alla malattia e alla morte di mio padre. E per coronare il mio già schifoso Natale, la mia più piccola ha vomitato mentre mio marito la metteva in macchina dopo cena.

Rachel Brown

Rachel Brown



All'inizio, l'abbiamo attribuito al cibo cattivo. Poi la notte seguente, mentre stavo lavorando, anche mia figlia maggiore ha vomitato. Grazie a Dio ero al lavoro, una delle poche benedizioni sotto mentite spoglie a quel punto. È la stagione delle cimici dello stomaco.

Eravamo tutti pronti per andare dai miei suoceri in Minnesota tra un paio di giorni, ma sentivo che potrebbe non essere l'idea migliore. D'altra parte, non volevo essere io ad annullare il Natale per mio marito, così ha chiamato i suoi genitori per vedere come si sentivano riguardo alla situazione. Insistevano sul fatto che venissimo a prescindere. Fino ad oggi, non riesco ancora a credere che ci siamo andati.

Sono sicuro che puoi vederlo arrivare già. Tutti si sentivano bene durante la salita, ma quando siamo arrivati ​​lì, ho iniziato a sentirmi un po' fuori. Ho fatto un punto di non baciare o abbracciare o respirare vicino a nessuno quando siamo arrivati. Abbiamo cenato e ci siamo seduti per aprire i regali. Dopo il primo giro di regali, ho guardato mio marito e ho semplicemente scosso la testa. Poi ho proceduto a lasciare la stanza e ho trascorso i due giorni successivi a letto o in ginocchio davanti al bagno.

E la ciliegina sulla torta del mio Natale di merda? Anche molte altre persone si sono ammalate. Almeno potrei portare un piccolo pezzo della mia orribile vacanza per farla vivere a tutti. Se ero infelice, allora dovrebbero esserlo anche tutti, giusto?

cose divertenti da fare a Lexington Ky per i bambini

Ora, ovviamente, non ho raccontato tutta questa storia solo per la simpatia di ogni persona che la legge. L'ho detto perché credo che sia importante che le persone ascoltino, soprattutto in questo periodo dell'anno. È necessario capire che non tutte le persone saranno gioiose durante le festività natalizie. Forse conosci qualcuno che trascorrerà il suo primo Natale senza una persona cara. Non aver paura di contattarli. Prepara loro un pasto, offri loro di guardare i loro figli per una notte, portali fuori a bere qualcosa o semplicemente fagli sapere che lo prendi.

Se incontri qualcuno che sembra scontroso, forse un po' maleducato, o semplicemente non di buon umore natalizio, non essere così veloce da considerarlo uno Scrooge. Apprezza il fatto che le vacanze non sono sempre meravigliose, gioiose e magiche per tutti.

E se sei come lo ero io sette anni fa, trascorrendo il tuo primo Natale senza l'unica persona che ha reso viva la stagione, sappi che migliora. Sì, quel primo Natale è stato estremamente duro, ancora il peggiore fino ad oggi. Ma negli anni successivi, ho ritrovato la gioia. La magia del Natale è tornata condividendo le tradizioni natalizie con i miei figli e ricordando il meglio di mio padre e condividendo quei ricordi.

Certo, ogni anno esce una canzone o riaffiora un ricordo, e potrei piangere e prendermi un momento per sentire la mancanza di mio padre. E le vacanze senza dubbio non saranno più le stesse. Ma ciò non significa che non possano essere buoni, gioiosi e magici ancora una volta.