celebs-networth.com

Moglie, Marito, Famiglia, Stato, Wikipedia

Che cos'è il gioco solitario? Ecco alcuni esempi e attività per il tuo bambino in crescita

Bambini
pexels-tatiana-syrikova-3933250 (1)

Tatiana Syrikova/Pexels

prendi le battute per una ragazza da dire

Cerchi altri esempi di gioco in neonati, bambini piccoli e bambini in età prescolare? Dai un'occhiata al nostro pacchetto con maggiori informazioni su spettatore giocare , gioco parallelo , gioco associativo , e gioco cooperativo .

Essere una neomamma di solito comporta momenti in cui vuoi assaporare ogni secondo e creare un legame con il tuo bambino. Non puoi credere di passare del tempo con il prezioso angioletto e non vuoi che finisca mai. E poi a volte coinvolge seduto sul water , chiedendoti se riuscirai mai a fare pipì con la porta chiusa di nuovo, mentre cerchi freneticamente su Google quanti mesi mancano al il bambino gioca e si diverte. Ovviamente non vuoi affrettare il tempo che hai con il tuo piccolo quando sono, beh, poco, ma può anche essere divertente vedere tuo figlio crescere e iniziare a giocare.



Che ci crediate o no, ci sono in realtà sei diverse fasi di gioco, sviluppate dal sociologo americano Dr. Mildred Parten Newhall nel 1929. Una di queste fasi è il gioco solitario. Ecco cosa comporta il gioco solitario, insieme ad alcune attività ed esempi.

Le sei fasi del gioco

Se dai un'occhiata ai bambini che interagiscono in un parco giochi o in un asilo nido e consideri tutto ciò che stanno facendo insieme come un gioco, potresti essere interessato a sapere che in realtà ci sono sei fasi distinte del gioco. Questi sono stati sviluppati da Parten Newhall come parte della sua tesi di dottorato, che ha terminato nel 1929 e ha continuato a pubblicare in Journal of Anormal Psychology nel 1932. Non solo Parten Newhall è stata una delle prime ricercatrici a studiare seriamente il gioco, ma i suoi palchi sono ancora regolarmente citati oggi, più di 70 anni dopo.

Le sei fasi di gioco di Parten Newhall includere :

  • Gioco non occupato
  • Gioco solitario (o indipendente)
  • Gioco da spettatore
  • Gioco parallelo
  • Gioco associativo
  • Gioco cooperativo

Queste fasi prendono in considerazione vari fattori, tra cui l'età, l'umore e l'ambiente sociale del bambino. E mentre la sua ricerca si è concentrata sui bambini di età compresa tra due e cinque anni, è importante tenerlo a mente ogni bambino si sviluppa al proprio ritmo , il che significa che non esiste un comportamento di gioco normale per tutti i bambini di tre anni, ad esempio. Qui, ci concentreremo sul gioco solitario. Ecco cosa devi sapere.

Cos'è il gioco solitario?

Come suggerisce il nome, il gioco solitario è quando i bambini si divertono senza fare affidamento su un genitore , badante o altri bambini per guidare o interagire socialmente con loro, secondo la Michigan State University . I bambini impegnati nel gioco solitario si rendono conto che stanno giocando da soli? Può essere! Potrebbero notare altri bambini in giro o potrebbero facilmente rimanere nel loro piccolo mondo. Questo dovrebbe interessarti come genitore? Sicuramente no. Il gioco solitario è solo la seconda fase del gioco, il che significa che il tuo bambino ha appena iniziato questo viaggio e sta ancora cercando di capire le cose.

Quali sono i vantaggi del gioco solitario?

Non c'è niente di sbagliato nel fatto che tuo figlio voglia giocare da solo. In realtà è parte integrante del loro sviluppo sociale, quindi è importante consentire loro di esplorare questa fase e questo tempo. Non solo, ma ce ne sono alcuni grandi vantaggi al gioco solitario, incluso dare ai bambini la possibilità di esplorare l'ambiente circostante (e i giocattoli) da soli, imparare nuove o padroneggiare abilità motorie e cognitive esistenti e prepararli a giocare con altri bambini.

Il solitario è un momento molto creativo e fantasioso per il tuo piccolo. Quando giocano da soli, pensano anche... Un sacco . Questo tipo di gioco aiuta tuo figlio a diventare più indipendente e autosufficiente. Questa è una parte sana dello sviluppo sociale perché è importante che tuo figlio capisca che può dipendere da se stesso per divertirsi anche se ci sono altri bambini in giro.

Giocare da soli non è sempre una brutta cosa. Fa parte di ciò che i bambini devono fare per imparare a giocare con gli altri. Per tuo figlio, questa è un'opportunità per prendere il controllo e creare un ambiente rilassato in cui il tuo bambino non deve dipendere dagli altri per divertirsi. Questo è un booster di autostima che aiuta tuo figlio a diventare più autosufficiente. Il gioco solitario è un ottimo modo per la tua pepita di migliorare ed esplorare i propri livelli di concentrazione ed etica del lavoro. Impareranno anche come completare le attività da soli.

Quali sono alcuni esempi di gioco solitario?

Il gioco solitario può assumere forme diverse a seconda dell'età del bambino. Alcuni esempi di gioco solitario per bambini includere :

  • Guardando immagini luminose e colorate nei libri di bordo
  • Creare un tamburo improvvisato (cioè sbattere un oggetto su un altro in modo che emetta un suono)
  • Impilare e/o ordinare bicchieri o ciotole
  • Usando il loro pad per le attività/palestra per bambini
  • Tenere e guardare un peluche

Quando i bambini si trasformano in bambini piccoli, anche i loro metodi preferiti di gioco solitario cambiano un po', e potrebbe includere esempi come :

  • Sfogliando le pagine di un libro (come se lo stessero leggendo)
  • Giocare con i blocchi o con i Lego
  • Divertirsi in una cucina da gioco (che si tratti di fingere di cucinare, mangiare o semplicemente ordinare e riorganizzare il cibo di plastica)
  • Disegnare o colorare su fogli di carta
  • Mettere insieme un puzzle facile

Quali sono alcune attività di gioco solitario?

Oltre a quelle già menzionate sopra, le attività di gioco solitario possono includere:

  • Dai a tuo figlio il gesso sul marciapiede in modo che possa disegnare all'esterno
  • disegno a campana tavola (all'aperto) e poi girarlo al tuo bambino per giocarci come vuole
  • Fornire loro un gioco di abbinamenti (i più piccoli possono guardare le foto e i più grandi possono provare a trovare i fiammiferi)
  • Introducendoli ai magneti (in un ambiente sicuro, come davanti al frigorifero)
  • Fare un collage è un ottimo modo per tuo figlio di essere creativo e mettere tutto il suo pensiero artistico sulla pagina. Assicurati di avere pennarelli, scovolini, glitter, vernice e colla.
  • Prepara il tuo piccolo con una coperta e i suoi peluche preferiti per un picnic con gli orsacchiotti
  • Rimboccare il tuo bambino in un posto accogliente e accendere un podcast di storie per bambini
  • Riempire palloncini con plastilina e altre sostanze per un'esperienza sensoriale
  • Rompi l'Etch-a-Sketch o Magnadoodle
  • Consegna al tuo piccolo un catalogo di giocattoli e chiedi loro di cerchiare i loro oggetti preferiti
  • Gli adesivi sono le fondamenta dell'infanzia, quindi regala al tuo bambino il suo primo libro di adesivi. Possono passare il tempo a staccare e incollare i loro disegni dove vogliono nel libro.

Iniziare a giocare in solitario significa che tuo figlio non vorrà più giocare con te? Sarebbe altamente improbabile. Ma almeno se possono divertirsi, hai più possibilità di fare pipì e fare la doccia da solo.

In che modo i genitori possono supportare il gioco solitario?

È importante ricordare che il gioco solitario non è strano o significa che la tua pepita è antisociale. È una parte importante della crescita e anche gli adulti lo fanno a volte.

  • Spingi tuo figlio a ballare al ritmo del proprio tamburo incoraggiandolo a godersi la propria compagnia. Se non ci sono bambini con cui giocare o altri bambini non sono interessati, fagli sapere che possono avere un appuntamento di gioco di successo da soli.
  • Di' loro di pensare a come giocare anche da soli e incoraggia le loro idee.