celebs-networth.com

Moglie, Marito, Famiglia, Stato, Wikipedia

‘Non ne parliamo’: con la maternità breve, le mamme tornano a lavorare con dolore

Salute E Benessere
congedo-post-parto-maternità

Immagine tramite Shutterstock

Molte mamme affrontano il dolore post-partum quando tornano al lavoro troppo presto dopo il congedo di maternità.

Che si tratti di un cesareo o di un parto vaginale, avere un bambino ti scuoterà fisicamente. Alcune donne sono incredibilmente fortunate e si riprendono molto rapidamente, guarendo in un lampo. Altri impiegano un po' più di tempo, con un'incisione piangente o una lacrima vaginale di terzo grado che richiede tempo per tornare alla normalità. Questo ancora non tiene conto del costo mentale ed emotivo di avere un bambino - basti dire che il congedo di maternità standard di 6 settimane (ehm... e non retribuito) in America è lontano da abbastanza per ogni nuova mamma.

cosa fare per chi ha perso un genitore

Quando parliamo delle difficoltà di tornare al lavoro troppo presto dopo il parto, è spesso un argomento sentimentale. O uno logistico. Alle donne mancano i loro nuovi bambini. Hanno difficoltà a tessere il loro programma di pompaggio nella loro giornata lavorativa. Devono pagare l'asilo nido. Devono tornare al lavoro mentre si alzano ancora ogni ora o due durante la notte. Sebbene questi fattori siano tutti innegabili rompicoglioni, non capita spesso di sentire parlare del fatto che così tante donne si stanno ancora riprendendo fisicamente da un parto vaginale o da un cesareo alla sesta settimana.



Questo non tiene nemmeno conto dei genitori adottivi e del tempo che dovrebbero essere concessi loro per conoscere il loro bambino. Prendersi del tempo per assorbire la loro nuova vita familiare. Potrebbero non avere il pedaggio fisico del parto, ma spesso ci sono viaggi coinvolti con un'adozione e, naturalmente, il tempo necessario per adattarsi. Il viaggio emotivo deve essere estenuante e merita un congedo tanto quanto una mamma che partorisce.

libri fantasy per bambini di 10 anni

Jessica Shortall scrive per raffineria29 di questo problema, e come insieme a tutti gli altri motivi per cui il nostro Paese ha bisogno di una migliore politica di congedo medico familiare, va considerato anche il recupero fisico della madre. Dice: Non parliamo del dolore postpartum: sanguinamento, punti di sutura, incapacità di stare in piedi o camminare facilmente. Non parliamo delle difficoltà dell'allattamento al seno precoce: capezzoli screpolati e sanguinanti, mastite e preoccupazioni per la produzione di latte a sufficienza. Stiamo solo iniziando a parlare di depressione e ansia post-partum.

Possiamo ottenere un Amen? Quante donne tornano al lavoro ancora sanguinanti dal parto? WebMD dice che dovrebbe durare tra le quattro e le sei settimane, ma può decisamente durare più a lungo. Così come l'orribile crampo dall'utero di una nuova mamma che torna alle sue dimensioni pre-gravidanza. Un taglio cesareo può essere doloroso al tatto molto tempo dopo il segno arbitrario di 6 settimane ed essere costretti a indossare pantaloni veri in questa fase dovrebbe essere un crimine. Eppure, lo facciamo. Le mamme tornano al lavoro ancora sanguinanti, con perdite di latte e dolori. Sia fisico che emotivo. Ed è una vergogna assoluta.

Gli Stati Uniti rimangono i unica nazione sviluppata nel mondo che non ha un congedo retribuito obbligatorio per le neomamme. Come osserva Shortall, la maggior parte delle donne non riceve alcuna paga durante il congedo e alcune ritorno al lavoro appena due settimane dopo il parto. Questa è una statistica vergognosa per il paese più potente del mondo. È una triste situazione quando trattiamo in questo modo le neomamme fisicamente ed emotivamente vulnerabili.

il mio ex è geloso del mio nuovo ragazzo

Shortall sottolinea anche quanto sia difficile soddisfare i requisiti per l'attuale ammissibilità del Family Medical Leave Act del nostro paese. Devi essere al tuo lavoro per almeno un anno e questo squalifica la metà delle neomamme automaticamente. E questo è per 12 settimane di non pagato partire. Questo garantisce solo che avrai ancora un lavoro quando torni a comunque molte settimane dopo il parto. Forse, soffre ancora di sanguinamento vaginale, ha problemi a camminare o stare seduto per lunghi periodi e perde latte materno. Che bello.

Ho una soluzione magica? Ovviamente no. Questo è un problema complesso con molte parti in gioco. Tutto quello che so è che sono rimasto a casa quando i miei figli erano neonati e semplicemente non posso immaginare il dolore fisico ed emotivo di tornare al lavoro così presto dopo il parto.

È stato già abbastanza difficile essere una donna appena nata dopo il parto nel mio Casa , figuriamoci al mondo, senza il mio bambino, perché dovevo tornare al lavoro. Nessuna madre dovrebbe sedersi alla sua scrivania con un blocco delle dimensioni di un elenco telefonico infilato nella biancheria intima. I suoi vestiti irritano la sua cicatrice da taglio cesareo fresca. La sua vagina ancora dolente per un parto difficile. È sbagliato a tutti i livelli.

E quest'anno possiamo votare per i politici a cui frega un cazzo. Facciamo in modo che questo anno elettorale parli a favore noi . Come dice Shortall, quest'anno, entrambi i lati della navata parlano di congedo familiare in modo significativo. Finalmente. È tempo di cambiare. Possiamo fare di meglio per le nostre mamme, i bambini e le famiglie.