Tuo figlio vuole abbandonare un'attività. Li lasci?

Genitorialità

È importante rispettare la loro autonomia... ma neanche quelle bitte erano libere.

  Tuo figlio vuole abbandonare un'attività. Li lasci? Ariela Basson/Scary Mommy; Immagini Getty

Sappiamo tutti che i bambini sono molto più programmati di quanto non fossero ai nostri giorni, che si tratti di club di calcio, pianoforte o scacchi o altro. Ma cosa succede quando dicono che hanno finito con qualcosa per cui hai pagato soldi perfettamente buoni? Oggi rivolgiamo la domanda a uno dei nostri contributori, Vanessa Kroll Bennett . Vanessa è una mamma di quattro bambini che ha gestito un programma sportivo giovanile per quasi un decennio. Ha un sacco di esperienza su ogni lato di questo enigma: ecco cosa aveva da dire Vanessa.

Q: Mio figlio di 10 anni lo vuole lasciare la squadra di calcio . Penso che una grande ragione sia perché sente di non essere il miglior giocatore della squadra. Voglio che sia felice, ma sono preoccupato che questo non abbia nulla a che fare con il calcio, ma quanto sia difficile affrontare le avversità. Una parte di me vuole dirgli di succhiarlo e superarlo. Credo anche che quando ti iscrivi a qualcosa lo finisci, non solo perché è quello che fai, ma perché mostra rispetto alla squadra e all'allenatore. E che con più pratica e un atteggiamento positivo migliorerà e potrebbe pentirsi di aver lasciato. Quando dici ai tuoi figli di 'succhiarlo' e quando li lasci smettere? — Una mamma in cerca di una guida

nomi di ragazze fantasy toste

UN: Questa è una domanda così difficile e la risposta è, come per tutte le cose genitoriali, dipende. Dipende da chi è tuo figlio e in che tipo di forma si trova fisicamente, emotivamente e socialmente. Lo so, una risposta così fastidiosa senza risposta. Ma ci sono molti modi costruttivi per ottenere una risposta adatta alla tua famiglia e alcune linee guida per il futuro.

Per prima cosa, devi fare un'indagine sui fatti. Sai che tuo figlio vuole smettere ma non ne sei del tutto sicuro Perché . Pensi di avere un senso, ma non vuoi fare supposizioni. Non tutti hanno un bambino che condivide i propri pensieri interiori e non tutti i bambini riescono a comprendere i propri sentimenti abbastanza da articolarli - non tutti gli adulti possono farlo! - ma qui ci sono alcuni modi per entrare.

  1. 'Puoi dirmi qualcosa in più sul motivo per cui vuoi smettere?' (Non dire a tuo figlio 'So che vuoi smettere perché non sei il miglior giocatore.')
  2. 'C'è qualcosa che posso fare per aiutarti a rendere l'esperienza più divertente per te?' (Di solito la risposta è NIENTE! Ma almeno mostri empatia.)
  3. “Quando pensi di andare al calcio, cosa ti passa per la testa? Come ti senti nel tuo corpo? (Alcuni bambini sono più viscerali che verbali e questa opzione offre loro un altro modo per elaborare le emozioni.)

In secondo luogo, assicurati che non stia accadendo qualcosa di insidioso di cui non sei a conoscenza: un compagno di squadra scortese, un allenatore maniacale o un genitore troppo zelante in disparte. Scavare più a fondo potrebbe non comportare necessariamente parlare con tuo figlio, perché probabilmente si trasformerà nella domanda secolare: “Qualcuno ti ha fatto qualcosa? Qualcuno era cattivo? E ci sono buone probabilità che tuo figlio si chiuda.

Invece, potresti dover andare a osservare una pratica o inviare un amico fidato o un assistente. O forse vai a una partita e osserva davvero il comportamento dell'allenatore e dei genitori e come reagisce tuo figlio. D'altra parte, è possibile che tuo figlio si diverta davvero mentre gioca, ma sia solo scontroso quando torna a casa? A volte ciò che ci riferiscono dopo il fatto, probabilmente una versione di 'Lo odio!' non è un riflesso accurato della loro esperienza nel momento.

Se nessuno di questi passaggi lo chiarisce, ti trovi di fronte a questo enigma: lascio che mio figlio smetta qualcosa solo perché non si diverte?

Ero in questa posizione un paio di mesi fa. Il mio studente delle medie lo era giocare a lacrosse per la prima volta e sembrava divertirsi fino a quando, dopo un paio di settimane di pratica, è tornato a casa e mi ha detto che non gli piaceva e voleva smettere. Il mio primo istinto è stato quello di chiudere la conversazione e dirgli che non era negoziabile. Ma ho capito che se l'avessi fatto, avrei perso l'occasione di saperne di più su quello che gli passava per la testa. Quindi, invece, ho fatto alcune domande:

fisher price rock'n play
  • Sembrava che ti piacesse prima - cosa è cambiato?
  • C'è qualche motivo specifico per cui non ti stai divertendo?
  • Pensi che quando inizierai a giocare sarà più eccitante?
  • Ti ritrovi a migliorare?

Non gli ho dato da mangiare risposte che riflettessero le mie stesse ansie. Gli ho posto domande aperte che non erano così vaste da sembrare senza fondo. Avevo anche il tempo dalla mia parte: le vacanze di primavera stavano arrivando, quindi c'era un periodo di attesa naturale in cui comunque non si poteva fare nulla.

Ha spiegato che le pratiche erano diventate più serie e non erano più così divertenti. Quindi ho detto due cose: uno, aspettiamo fino all'inizio dei giochi e potrebbe rivelarsi molto più divertente quando gareggi. E due, ricarichiamoci durante le vacanze di primavera e concediamoci un po' di riposo. Ed ecco, dopo le vacanze di primavera hanno iniziato a giocare e all'improvviso il lacrosse è stato di nuovo divertente. Potresti dire che ho puntato il problema - non ho detto di no e non ho detto di sì - ma una volta saputo che la sicurezza di mio figlio non era in gioco, ho aspettato di vedere come andavano le cose.

Se tuo figlio non è infelice, non sta vivendo un'esperienza traumatizzante e non è fisicamente minacciato dalla natura dello sport, allora la mia risposta generale è che portano a termine l'impegno. Anche se non farei in modo che i miei figli si attengano a qualcosa che li sta rendendo profondamente infelici (l'ho fatto con un bambino e ne sento ancora parlare un decennio dopo), credo che ci sia valore nel vedere qualcosa fino in fondo, dimostrando di se stessi è scomodo ma gestibile e mostra impegno per un bene superiore al di là dell'individuo. E francamente, se sborsi un sacco di soldi in tasse e uniformi, è assolutamente appropriato includerlo come motivo per cui tuo figlio deve resistere.

Vanessa Kroll Bennett è la coautrice del prossimo film Questo è così imbarazzante, co-conduttore di The Puberty Podcast, President of Content at Ordine di magnitudine , il fondatore di Ragazza dinamo , un'azienda che utilizza lo sport e l'educazione alla pubertà per potenziare i bambini, e l'autore del Newsletter per genitori incerti , riflessioni sulla crescita degli adolescenti. Puoi seguirla su Instagram @vanessakrollbennett .

Condividi Con I Tuoi Amici: