celebs-networth.com

Moglie, Marito, Famiglia, Stato, Wikipedia

Sono nero e mia figlia è bianca: per favore non chiamare la polizia

Stile di vita
Aggiornato: Originariamente pubblicato:  Yolanda McGee tiene sua figlia tra le braccia e sorride Yolanda McGee

IL La donna osservò l'uomo nero e i bambini bianchi pranzare in una metropolitana . I bambini erano felici e contenti di tutte le osservazioni. Ma la donna sentiva che qualcosa non andava perché, perché quest'uomo nero era in compagnia di questi bambini bianchi? Lei, una sconosciuta, ha chiesto di parlare con i bambini e quando non ha ottenuto la risposta che voleva, li ha perseguitati. Poi ha chiamato la polizia. L'unica cosa sbagliata quel giorno era il fatto che la donna non poteva accettare l'idea che un uomo di colore si prendesse cura dei bambini bianchi.

oli per la bronchite

Sono una donna dalla pelle scura. Ho i dreadlock. Indosso i dashiki perché sono volanti. Sono innegabilmente, impenitentemente nero. Poi ho dato alla luce un bambino bianco.

Avevo sempre immaginato che nostro figlio sarebbe apparso un fagottino marrone chiaro, un mix perfetto di me e mio marito in un simpatico pacchetto che vomita e fa la cacca. Avevo visto mio marito tenere il suo minuscolo corpo di un giorno cullato contro di lui, in silenzio, fissandolo come sono soliti fare i nuovi genitori.

Poi annunciò: 'Sono abbastanza sicuro di averlo ordinato nella moka'. Il bambino che teneva in braccio era più bianco di qualsiasi cosa avrei mai potuto immaginare uscire da me. Un bambino che non mi somigliava. Era una cosa che non avevo mai preso in considerazione. Ora quelle considerazioni inondarono la mia mente e mi chiedevo come sarebbe stata la vita una volta che fossi venuto al mondo con questo bambino bianco tra le mie braccia.

Io e mio marito ne abbiamo parlato. Abbiamo capito che ci sarebbero stati momenti di maleducazione e incomprensioni da parte di sconosciuti. Ho deciso fin dall’inizio di affrontare ciascuna di queste situazioni con calma e comprensione. Quando sei a donna nera , devi essere calmo e razionale anche quando la rabbia e il grido di culo sarebbero una risposta giustificata.

E quei tempi arrivarono. Avendo un matrimonio interrazziale da più di un decennio, sono abituato a ignorare gli sguardi. Gli sguardi sono il rumore di sottofondo ogni volta che ci avventuriamo fuori. È il cameriere che chiede: “Insieme o separati?” dopo aver trascorso un intero pasto rannicchiata in un separé accanto a mio marito che indossava fedi nuziali. Durante le visite al pronto soccorso e in ospedale il personale era sprezzante nei confronti della mia presenza e si rifiutava di parlare con me delle opzioni sanitarie di mio marito, nonostante il suo consenso, nonostante avesse detto loro più volte che 'sono sua moglie'. Questo è normale. Questa è l'America.

All'improvviso, la mia paura più grande era che qualcuno potesse non credere che fosse mia. Quante volte verrei scambiato per la tata? Cosa farei? Come lo gestisci? Dovrei sempre portare con me il suo certificato di nascita?

Ho anticipato tali incontri assicurandomi di essere sempre molto affettuoso con la bambina quando sentivo quegli occhi interrogativi che ci seguivano in un negozio. Mi sono assicurato di inserire alcune frasi di 'Mamma ti ama!' o 'La mamma si sta divertendo così tanto a uscire con te oggi!' Domande e preoccupazioni risolte, gli occhi si spostavano oltre. Ho imparato a navigare rapidamente in questa nuova realtà e non ci sono stati incidenti.

E poi è successo. Proveniva dal campo sinistro. Una ragazza che sembrava avere circa 9 anni era entusiasta della mia adorabile figlia, che ora ha 5 anni, con complimenti e tutte le cose che rendono orgogliosa una mamma. Poi, con uno sguardo confuso, chiese: “Oh, sei sua madre? È adottata?'

Per un attimo rimasi sbalordito dal silenzio. Fu come un pugno allo stomaco. Finalmente riuscii a balbettare una risposta tranquilla. La ragazza, sapendo di aver fatto... qualcosa , se ne andò velocemente. Sono sicuro che la mia faccia dicesse molto.

Quel ricordo mi è tornato in mente quando ho letto cosa è successo a quel Corey Lewis in Georgia. Lui è diffondere il bene in questo mondo , allungandosi lungo il corridoio, e fu ricompensato con sospetti e molestie, perché ovviamente. Sì, lo so, se vedi qualcosa dillo qualcosa. Qual è stata la cosa che ha visto? Ragazzi in difficoltà? Segni di intimidazione e paura? No. Vedeva quest'uomo come un pericolo a causa del colore della sua pelle. Ha appeso il suo mantello di paura razzista nei confronti degli uomini neri sulle spalle di quei bambini. Riesce ad allontanarsi da questo, giustificando le proprie azioni come ragionevoli e giuste. Noi che viviamo le conseguenze dobbiamo aggiungere all’elenco delle cose che non puoi fare comodamente mentre sei nero in questo paese.

Per le persone che non hanno ricevuto il promemoria: i gruppi familiari e di amici non devono più essere monocromatici.

Basta guardarsi intorno e osservare quante famiglie multietniche ci sono nella tua comunità. Siamo ovunque. Siamo famiglie miste e famiglie interrazziali. Siamo amici che confidano che gli altri nostri amici si prendano cura dei nostri figli e siamo dannatamente sicuri che non ci preoccupiamo di considerare la loro razza. Guardaci, osservaci e lasciaci vivere.

E smettila di chiamare la polizia senza alcun motivo.

Condividi Con I Tuoi Amici: