celebs-networth.com

Moglie, Marito, Famiglia, Stato, Wikipedia

Sono determinato ad abbracciare il mio corpo quando ho 40 anni

Stile di vita

E se, nel nuovo anno, provassimo tutti ad abbracciare come sono cambiati i nostri corpi?

  Donna di razza mista che riposa, fa esercizio fisico a casa, da vicino. Immagini di mezzo punto/Momento/Immagini Getty

Ho passato l'86% della mia vita a detestare il mio corpo: ho fatto i conti. È iniziato intorno ai 7 anni ed è continuato fino ai giorni nostri. Ho quasi 42 anni. Amerò mai il mio corpo?

La mia antipatia spazia dalle battute autoironiche all'odio dispettoso e al comportamento offensivo. Non riesco letteralmente a ricordare un momento in cui mi sono guardato nudo e avevo qualcosa di positivo da dire, anche durante entrambe le mie gravidanze. Ciò è particolarmente straziante riguardando le vecchie foto, perché tutto ciò che vedo ora è giovinezza e bellezza. Ma in quel momento, non riuscivo completamente ad apprezzarlo perché ero così impegnato a distinguermi.

La società sembra pensare che la risposta al mio problema sia un corpo completamente diverso. “Nuovo anno, nuovo te!” gli annunci vengono letti ogni 1 gennaio. Quando ero un giovane insegnante di yoga, quando avevo vent’anni, mi opponevo disperatamente a questo messaggio. 'Capodanno, stesso te' ho condiviso a denti stretti nelle lezioni e nelle newsletter. Nel frattempo, non volevo altro che avere lo stesso corpo che avevo da adolescente. Lo stesso corpo che avevo disprezzato dieci anni prima. Mi prendevo letteralmente a schiaffi quando i vestiti del liceo non andavano bene. Poi, ovviamente, ho trascorso i miei 30 anni desiderando il corpo di una ventenne.

similac pro sensibile 360

Lo sto ancora facendo, davvero. Proprio l'altro giorno mi stavo tirando la pancia come una caramella mentre scorrevo Instagram, un sistema 'infallibile' che ho progettato da bambino per vedere quanto peso ho guadagnato, tranne che allora mi confrontavo con le top model in Fascino rivista invece di influencer che vivono a pochi chilometri lungo la strada.

Vedi su Instagram

Sono stanco. Sono una mamma di mezza età di due ragazzi che si considera ancora dopo il parto, anche se il mio più piccolo ha quasi due anni. Cosa sto facendo desiderando che il mio corpo fosse ancora come quando ero adolescente? Ho portato e dato alla luce due figli, FFS. Insegno fitness da oltre 15 anni. Posso prendere in braccio i miei figli senza dolore. Posso inseguirli per il parco. Non voglio perdere questo momento di salute e benessere perché sono troppo occupato a desiderare che le cose fossero diverse o come fossero una volta.

Questo nuovo anno, ho deciso che forse quei dirigenti del marketing hanno in parte ragione. In realtà è un nuovo anno e un nuovo te. Ma cosa succederebbe se invece di cercare di diventare qualcun altro, o qualcuno che eravamo una volta, usassimo questo tempo per abbracciare come sono cambiati i nostri corpi? E se fosse un anno nuovo e uno nuovo versione di voi?

Molte persone pensano che lo yoga sia un modo per ottenere maggiore flessibilità nel proprio corpo, ma ho un segreto per te: si tratta davvero di essere flessibili con i continui cambiamenti del tuo corpo. È una pratica di presenza, gratitudine e accettazione di sé. È sul mio tappetino da yoga che sto finalmente imparando ad esplorare dolcemente e ad accettare il mio corpo che cambia, e lascia che te lo dica, avvicinarmi a me stesso con gentilezza e accettazione è stato molto meno faticoso che spingermi costantemente verso qualche ideale vecchio o irrealistico .

So che non tutti riusciranno a trovare la strada su un tappetino da yoga (anche se è uno dei tuoi 'propositi'), ma tutti noi possiamo fissare l'intenzione quest'anno di avvicinarci a noi stessi da un luogo di gentilezza, compassione e apprezzamento. Non sto nemmeno suggerendo di amare noi stessi. Possiamo semplicemente imparare ad accettare il punto in cui ci troviamo praticando la gratitudine per quanto lontano siamo arrivati. Prendiamo tutto il tempo e l'energia che spendiamo cercando di apparire diversi e reindirizziamolo verso un'accettazione radicale di sé e un'autocompassione.

'Anno nuovo, nuova versione dello stesso, fantastico.'

nomi secondari divertenti

Sarah Ezrin è l'autore di Lo Yoga della genitorialità . È un'insegnante di yoga, creatrice di contenuti e mamma di fama mondiale con sede nella zona della Baia di San Francisco. Sarah ama guidare le persone nel loro percorso di benessere e genitorialità. Le sue parole, le sue lezioni e i suoi social media sono spazi di supporto e guarigione in cui le persone possono sentirsi viste e ascoltate. Per ulteriori informazioni su Sarah, contattala su Instagram E Tic toc .

Condividi Con I Tuoi Amici: