Annusare la testa di un neonato è come assumere droghe

Bambini
odore-baby

Mamma spaventosa, Nicholas Eveleigh/Getty e Kelly Sikkema/Unsplash

C'è qualcosa nel profumo di un neonato, vero? Ho avuto il mio ultimo bambino più di sei anni fa, ma il solo pensiero di inalare la parte superiore della testa sfocata di un neonato fa sentire le mie ovaie come se stessero per esplodere. Non saprei nemmeno dirti che odore ha esattamente la testa di un neonato, solo che è deliziosa, divina e mi fa sentire a mio agio e contenta dentro.

Onestamente, se avessi avuto una brutta giornata e tu mi dessi un neonato da annusare, probabilmente mi sentirei bene in pochi secondi. È davvero così potente, se me lo chiedi.



Ha anche senso. L'olfatto è uno dei sensi umani più primitivi. Studi mostrare che i bambini possono percepire l'odore della propria madre fin dall'inizio, e che i bambini possono distinguere il latte materno della madre dall'odore di altro latte materno di appena tre giorni. (So ​​che il mio bambino potrebbe annusare il mio latte da un fottuto miglio di distanza!)

Hu Chen/Unsplash

Le mamme sono segugi anche quando si tratta di riconoscere gli odori del loro bambino. Una volta testato, il 90% delle mamme potrebbe riconoscere l'odore unico del proprio bambino, secondo uno studio pubblicato in Psicobiologia dello sviluppo . Sono abbastanza sicuro che sarei stato in grado di annusare il profumo della cacca del mio bambino anche, se devo essere onesto. Noi mamme sappiamo queste cose.

E senti questo: nel 2013, è uscito uno studio piuttosto notevole che ha indicato cosa succede al cervello quando ascoltiamo quel fantastico profumo di neonato. Fondamentalmente, i ricercatori hanno scoperto che annusare un neonato era come mangiare cibo delizioso o assumere droghe. Sì davvero. E ha perfettamente senso se ci pensi.

La ricerca, pubblicata su Frontiere in psicologia , ha studiato le scansioni cerebrali di donne che avevano annusato di recente i neonati. Sono state studiate trenta donne: 15 avevano partorito da poco e 15 non erano mai state mamme. Alle donne sono stati dati diversi odori campione da assorbire e gli è stato chiesto di identificare l'odore di un neonato. Solo alcune delle donne sono state in grado di farlo correttamente, ma non è stato questo l'aspetto più interessante dello studio.

Mentre i ricercatori stavano esaminando il cervello di queste donne tramite la risonanza magnetica, hanno trovato qualcosa di piuttosto incredibile. Quando le donne hanno inalato gli odori dei bambini, le loro scansioni cerebrali hanno mostrato una maggiore attività nel percorso della dopamina del cervello che è associato alle ricompense. Altri odori, come quelli dei cibi deliziosi, innescano questo percorso, e lo stesso aumento di dopamina è anche associato a sazianti voglie sessuali e da tossicodipendenza, osserva Smithsonian.com .

Parlando con Il taglio , Johannes Frasnelli, coautore dello studio, ha descritto il significato della sua ricerca. Come sa chiunque abbia un bambino, i neonati non sono molto divertenti da avere in giro, ha detto Frasnelli. Dormono, mangiano e ti fanno cambiare i pannolini. Tuttavia, la maggior parte se non tutti i genitori affermano che avere un bambino è una delle esperienze più belle.

Frasnelli ipotizza che il motivo per cui i profumi appena nati sembrano essere così fortemente legati ai centri di ricompensa del nostro cervello è che gli esseri umani hanno un imperativo intrinseco per legarsi ai loro bambini. (T) qui devono esserci meccanismi che consentano un legame molto forte tra i genitori, in particolare le madri, e il bambino, ha detto Frasnelli. Pensiamo che l'odore dei bambini sia coinvolto in uno di questi meccanismi.

Assolutamente affascinante, vero? E penso che tutti i genitori capiscilo completamente . Voglio dire, prendersi cura di un neonato non è sempre piacevole. È estenuante, drenante e deprimente a volte. Ha senso che la biologia si assicuri che ci siano delle ricompense per noi genitori... sai, quindi non rinunciamo all'intera faccenda dei genitori fin dall'inizio.

È interessante notare che, sebbene le mamme abbiano reagito più fortemente all'inalazione di profumi appena nati nello studio di Frasnelli, anche le non mamme hanno attivato i loro percorsi della dopamina. Come notano i ricercatori, questo potrebbe indicare una spinta nell'evoluzione biologica per tutte le persone, non solo i genitori biologici, per essere attratte dalla protezione e dal legame con i neonati.

Dakota Corbin/Unsplash

Le donne partecipanti, indipendentemente dallo stato materno, hanno dimostrato un aumento dell'elaborazione nelle aree neostriate, suggerendo così che l'odore corporeo di un neonato di 2 giorni può trasmettere segnali che possono motivare l'affetto nelle donne genitori o non genitori a prendersi cura di un bambino non imparentato e non familiare nello stesso modo, i ricercatori hanno concluso .

Sì, ci vuole sicuramente un villaggio per crescere i nostri figli e assicurarsi che siano al sicuro e amati.

bicchieri da vino galleggianti per la piscina

E posso personalmente attestare il fatto che prima di diventare mamma, ero già totalmente affascinata da quel profumo di neonato. Voglio dire, è sicuramente parte del motivo per cui mi sono immerso nell'intera faccenda dei genitori in primo luogo. Quindi forse c'è un imperativo evolutivo dietro le non-mamme che ottengono la loro dose di dopamina quando tengono in braccio i bambini di altre persone ... sai, quindi possiamo sentire una spinta verso la creazione di bambini umani dall'odore più delizioso.

Sono ufficialmente fatto di avere bambini , anche se se mi consegnassi un neonato in questo momento e mi chiedessi di annusare la sua testolina morbida, potrei benissimo dirti all'istante che avrei cambiato idea. Sì, è così dannatamente potente quel profumo di neonato!

Tuttavia, verrà un giorno in cui la riproduzione non sarà nemmeno un'opzione per me, e a quel punto avrò bisogno che gli scienziati trovino un modo per imbottigliare l'odore del neonato. Oppure, sai, è meglio che i miei figli si sbrighino a darmi dei nipotini. Perché una mamma ha bisogno della sua correzione.