Un promemoria per non costringere i tuoi figli ad abbracciare gli altri durante le vacanze

La Stagione Delle Vacanze
Timido ragazzo di razza mista nascosto

Jed Share/Kaoru Share/Getty

NFT

È la stagione per incontrarci con i nostri più vicini e cari per celebrare le festività natalizie e probabilmente ci sono numerose tappe nel calendario delle vacanze. Ma ovunque tu sia, che tu stia posando per una foto di famiglia, entrando (o uscendo) dalla porta d'ingresso o sedendo intorno al tavolo da pranzo, ai nostri bambini non dovrebbe essere richiesto di toccarsi parenti — perché i confini sono importanti.

Da anni leggiamo quanto sia importante insegnare ai nostri figli il consenso e l'autonomia corporea. Ma come si traduce questo nel vedere la nonna o uscire con i loro cugini preferiti? E se i nostri figli non si sentissero a proprio agio con gli abbracci, per esempio? Ecco cosa hanno da dire due esperti di salute mentale.



miglior reggiseno senza spalline senza schienale per d cup

La dottoressa Jennifer Wolkin, una neuropsicologa, ha detto a Scary Mommy: Quando un bambino è costretto a toccare i parenti, persino gli abbracci, può iniziare a credere di non avere il controllo del proprio corpo. Quando ordiniamo 'abbraccia la zia tal dei tali' non chiediamo il consenso e facciamo sembrare che non importi se il bambino si sente a suo agio o meno.

NFT

Ti starai chiedendo qual è il grosso problema. Perché non possiamo dire a nostro figlio di dare un bacio sulla guancia alla prozia o di abbracciare il nonno? La dottoressa Jen, come è nota, ci dice: Non vogliamo che questo si traduca mai in una situazione con un predatore in cui il bambino pensa di essere assolutamente obbligato a conformarsi. In generale, dobbiamo inviare il messaggio ai nostri figli che il tocco fisico non è mai suscitato dalla coercizione.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso dal Dott. Jen (Wolkin) (@drjenpsych_)

Aggiunge che possiamo confondere i nostri figli quando abbiamo insegnato loro che il loro corpo appartiene a loro, ma poi ci giriamo e diamo eccezioni ai parenti. Vuole farci sapere che dobbiamo 'normalizzare' i bambini in grado di dire NO e che NO significherà qualcosa.

Perché è così difficile da sottolineare, soprattutto con i parenti durante le vacanze? Il pensiero della vecchia scuola ci insegna che dare dello zucchero a un parente è un segno di tradizione e rispetto. Un bambino che nega un relativo affetto fisico può sembrare provocatorio o maleducato. Dobbiamo lasciar perdere e, invece, aiutare a difendere i nostri figli che non vogliono un abbraccio, un bacio o sedersi in grembo.

Suggerisce di parlare con i nostri figli prima di qualsiasi raduno festivo. Possiamo esporre in anticipo ciò che sono e con cui non si sentono a proprio agio e promettere loro di sostenere sempre la loro scelta. Possiamo semplicemente dire: lasciamo che sia Beth a decidere come mostrare affetto. Oppure, Aiden preferisce dare il cinque agli abbracci. La dottoressa Rachel Goldman dice che dobbiamo parlare con i nostri figli del loro livello di comfort prima del raduno. Avendo un piano, tutti sono meno stressati e più propensi a godersi l'incontro.

cognomi più comuni in spagna

Qualunque cosa decidano i nostri figli è la cosa migliore. Non vogliamo far vergognare i nostri ragazzi per aver onorato i loro confini.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da DR. RACHEL | PSICOLOGO (@drrachelnyc)

Grazie al COVID, i nostri ragazzi (e noi!) potrebbero aver passato alcuni anni senza mostrare affetto fisico alle persone. Entrare in una riunione di vacanza con la famiglia può essere nuovo e potenzialmente opprimente. Goldman suggerisce di rassicurare i nostri figli, e forse noi stessi, che va bene avere nuovi confini e sentimenti. Sono stati (quasi) due anni difficili.