Il problema con quei Brelfies dell'albero della vita

Bambini
Albero della vita

Emma McCandless

NFT

Lo scorso fine settimana, i miei feed di notizie sui social media sono stati rilevati da un fenomeno adorabile: l'Albero della Vita brelfies — selfie per l'allattamento — che le mamme di tutto il mondo hanno iniziato a postare, grazie alla fantastica app PicsArt. (Non correlato, come non sapevo di questa app prima d'ora?) Le immagini erano bellissime e mozzafiato: madri che allattavano i loro bambini, con un'immagine dell'albero della vita incorporata come omaggio simbolico al potere vivificante del latte materno.

Le immagini sono iniziate come parte di uno sforzo per normalizzare l'allattamento al seno. E penso che sia un sentimento importante e potente da condividere. No, le donne non dovrebbero vergognarsi per l'allattamento al seno in pubblico. No, non dovrebbe essere detto loro di coprire o che sono inappropriati. Loro non sono; stanno dando da mangiare a un bambino affamato. Ma per quanto mi sia piaciuto vedere tutte quelle bellissime immagini condivise sul Web, mi hanno anche reso un po' triste.



Non sono mai riuscita ad allattare. Volevo. io disperatamente voleva. Prima che nascesse il mio primo bambino, l'avevo completamente pianificato. Ho sentito gli avvertimenti che l'allattamento al seno può essere difficile da padroneggiare, ma ho pensato che sarebbe andato tutto bene. Poi è nato mio figlio e ho deciso di allattarlo. Abbiamo visto un consulente per l'allattamento in ospedale, e di nuovo poco dopo è tornato a casa. Quando aveva circa 6 giorni, ho iniziato ad avere il vago sospetto che qualcosa non andasse.

NFT

Non mi sentivo ingorgato. Avevo il latte, ma ero certo che non bastasse. Le mamme alla riunione di La Leche League a cui sono andato mi hanno detto di rilassarmi. Devo integrare? Ho chiesto. Sembra sempre affamato. La risposta che ho avuto da tutti, dalle altre mamme al nostro pediatra, è stata No! Qualunque cosa tu faccia, non dare la formula al tuo bambino. La gente diceva la formula a bassa voce, come se fosse qualcosa di ripugnante e ripugnante

Sono tornato dal pediatra. È lento a guadagnare, mi ha detto. Ma sta guadagnando. Non arrenderti. Ho provato a pompare. Dopo un'ora collegata alla pompa, non avevo nemmeno un grammo di latte da mostrare. Ho provato un'altra pompa. Ho chiamato il consulente per l'allattamento. Non arrenderti! Ho continuato a sentire quel messaggio, ancora e ancora. Quindi non l'ho fatto. Ho bevuto più acqua. Ho fatto quei biscotti per l'allattamento al seno. Ho preso una tonnellata di fieno greco. E ho continuato a provare.

Poi, quando il mio bambino aveva un mese, siamo andati per la sua visita al pozzo. Lo hanno pesato. Aveva perso quasi 2 libbre dal suo peso alla nascita. Alla fine lo abbiamo portato di corsa in ospedale. Ma anche allora, la conversazione non era L'allattamento al seno non funziona. Era che doveva esserci qualcosa che non andava nel tuo bambino. Il povero ragazzo ha fatto un milione e uno di esami del sangue. Mamme ben intenzionate hanno suggerito di assicurarci di fare uno studio sulla rondine, o di fargli controllare (di nuovo) per il legame con la lingua o qualsiasi altro numero di problemi che potrebbe essere. Perché semplicemente non potevo essere il fatto che non avevo il latte. Tutte le donne possono allattare, giusto?

Risulta, sbagliato. Senza consultare nessuno oltre a mia moglie, l'ho chiamata e le ho detto di prendere qualche formula - qualsiasi formula - e flaconi mentre andava in ospedale. Glielo diamo noi, dissi. Sta morendo di fame.

E, presto, il mio bambino ha iniziato a ingrassare. Abbiamo lasciato l'ospedaledue giorni dopo, con i medici finalmente disposti ad ammettere ciò che avevo sempre saputo. Mio figlio stava morendo di fame. Aveva bisogno di cibo, e l'unico modo per ottenerlo era con la formula

Con il mio secondo bambino, ero preparato. Ho provato di nuovo ad allattare, pensando a tutte le cose che potevo provare a fare diversamente per farlo funzionare. Ma non è stato così. Questa volta, però, nel secondo che non guadagnava, al suo controllo di due settimane, gli ho dato una bottiglia. Niente viaggio d'urgenza in ospedale per noi questa volta.

Non essere in grado di allattare era una fonte di grande dolore emotivo e senso di colpa per me da molto tempo. Vedere quelle bellissime immagini su Facebook questo fine settimana, guardare le altre mie amiche mamme commentare a vicenda su quanto le amassero, mi ha ferito il cuore. Amo i miei bambini tanto quanto loro amano i loro. Voglio il meglio anche per loro. Non voglio abbattere l'allattamento al seno - cosa che sono stata accusata di fare con la mia affermazione che l'alimentazione è la cosa migliore - ma voglio che altre mamme come me capiscano cosa non ho fatto.

È fantastico se puoi allattare al seno e, se puoi (e vuoi), dovresti essere completamente supportato. Ma non tutti possono. Non potrei, per qualsiasi motivo (il mio ginecologo è ancora confuso). E ho quasi lasciato morire di fame il mio bambino perché ho ascoltato quelli che dicevano che il seno è meglio invece di fidarsi del mio intuito.

Le mamme non dovrebbero vergognarsi per l'allattamento al seno. Ma non dovremmo nemmeno vergognarci se non possiamo. C'è abbastanza giudizio in giro nel mondo così com'è, e giudicare una madre per aver allattato il suo bambino - non importa come, quando o dove sceglie di farlo - non è giusto

Quindi ecco il mio selfie con l'Albero della Vita e il mio amichevole promemoria che tutti noi amiamo i nostri bambini e che non importa come li nutriamo, se sono felici, sani e in crescita, questo è tutto ciò che conta.

Condividi Con I Tuoi Amici: