celebs-networth.com

Moglie, Marito, Famiglia, Stato, Wikipedia

Papa Francesco: non condannare i bambini se sono gay

Opinione
Papa Francesco in visita nelle Filippine – Giorno 2

Lisa Maree Williams/Stringer/Getty

NFT

Papa Francesco ha esortato i genitori a non condannare i propri figli se sono gay

In un recente sermone di mercoledì 26 gennaio 2021, Papa Francesco ha parlato ai fedeli in Vaticano dell'accettazione e dell'educazione dei bambini che si identificano come LGBTQ+.

Per Huffington Post , durante una parte del suo sermone sulle situazioni tristi che possono verificarsi nella vita di un bambino, come i bambini malati, in carcere o che subiscono una tragica morte, il Papa ha parlato anche di genitori di bambini che sono queer. Prima di tutto, nidificare l'essere gay sotto un sermone sulle tristi avversità nella vita di un bambino è un intero vaso di pandora del discorso problematico, ma a parte questo, il Papa ha fatto alcuni commenti relativamente progressisti, considerando la lunga storia della Chiesa cattolica di emarginare e condannare gli LGBTQ+ Comunità.



divertenti battute sessuali per lui

I genitori che vedono che i loro figli hanno orientamenti sessuali diversi, come lo gestiscono e accompagnano i loro figli e non si nascondono dietro un atteggiamento di condanna, ha spiegato Francesco alla folla. Mai condannare un bambino.

NFT

bambino a 6 settimane pietre miliari
Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Papa Francesco (@francisco)

Francis ha cercato di distanziare la chiesa dalle loro posizioni anti-LGBTQ, il più famoso con il suo commento del 2013 Chi sono io per giudicare?

Se qualcuno è gay e cerca il Signore e ha buona volontà, chi sono io per giudicare? Francesco ha detto nel 2013 alla domanda sull'orientamento sessuale dei sacerdoti.

un bambino di 5 anni dovrebbe essere in grado di leggere?
Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Papa Francesco (@francisco)

Tuttavia, nonostante le sue posizioni di benvenuto nei confronti dei congregati gay, tende ad avere un approccio all'inclusione con un passo avanti e due passi indietro.

Il Il Vaticano ha dichiarato nel marzo dello scorso anno che la Chiesa cattolica non benedirà le unioni omosessuali poiché Dio non può benedire il peccato. Sebbene la chiesa accolga i gay, questi, a quanto pare, non benediranno le loro unioni e, sfortunatamente, papa Francesco ha approvato la diatriba di due pagine sul perché il Vaticano non benedirà i matrimoni gay. Ma poi, all'inizio di questo mese, Papa Francesco ha retrocesso l'arcivescovo che, secondo quanto riferito, ha progettato quel documento anti-LGBTQ . Quindi non è chiaro dove risiedano le priorità del Papa quando si tratta della comunità LGBTQ+.

Si spera che papa Francesco continui a muoversi verso un futuro progressista, inclusivo e più gentile come quello che ha condiviso nei sentimenti all'inizio di oggi.