celebs-networth.com

Moglie, Marito, Famiglia, Stato, Wikipedia

La disciplina della vecchia scuola non funziona per i bambini con ADHD

Genitorialità
trattamento-adhd-vecchia scuola-1

Rachel Garlinghouse/Instagram

Sono cresciuto negli anni '80 e '90. Possedevo un Caboodle, elastici, My Little Pony e Lip Smacker. I miei fratelli e io ci siamo divertiti a guardare Questioni familiari , ascoltando NKOTB e giocando a Barbie. Poiché abbiamo passato così tanto tempo insieme, abbiamo discusso, molto. Finivamo spesso in piedi negli angoli della sala da pranzo, aspettando che il timer del forno si spegnesse. In rare occasioni, la nostra infrazione equivarrebbe a ricevere una sculacciata. Quando diventavamo più grandi, i miei genitori ci impedivano di chiamare gli amici sul telefono fisso o di incontrarli al centro commerciale il venerdì sera.

Quando io e mio marito abbiamo discusso di mettere su famiglia, abbiamo deciso che non avremmo sculacciato i nostri figli. Tuttavia, quando è arrivato il nostro primo figlio e ha raggiunto i temuti anni di Threenager, abbiamo fatto ricorso al sempre popolare time-out. Abbiamo aggiunto un secondo figlio alla nostra famiglia e abbiamo continuato a usare i time-out , così come i discorsi fermi. Due anni dopo è nato nostro figlio, il che significa che abbiamo avuto tre bambini di età inferiore ai cinque anni.



Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Rachel Garlinghouse (@whitesugarbrownsugar)

Quattro anni dopo, abbiamo adottato un quarto figlio, completando la nostra famiglia. Più o meno nello stesso periodo, a uno dei nostri figli più grandi è stato ufficialmente diagnosticato l'ADHD. Sapevo già che era successo qualcosa prima che il dottore pronunciasse il suo verdetto. Mio figlio ha lottato per diversi anni con iperattività, crolli sensoriali e una grave mancanza di concentrazione.

come correggere una brutta linea dell'abbronzatura

Abbiamo imparato rapidamente che la genitorialità della vecchia scuola con cui siamo cresciuti, né la pratica contemporanea di concedere time out, l'avrebbero tagliata. Sembrava che ogni po' di disciplina e reindirizzamento che abbiamo provato con nostro figlio con ADHD fosse inefficace. Sia che abbiamo alzato la voce, abbassato la voce, istituito un periodo di riposo, imposto più giochi all'aperto, offerto ricompense o punito, abbiamo incontrato resistenza, lacrime, urla e rabbia.

Quei primi anni sembravano un infinito gioco del gatto col topo, e non so chi fosse il gatto e chi il topo. Occasionalmente, avremmo avuto una vittoria, ma quando abbiamo provato la stessa tecnica il giorno successivo, o anche l'ora successiva, non avrebbe funzionato. Mio marito ed io non riuscivamo a stare sulla stessa pagina, ognuno incolpando l'altro quando si è verificato un altro epico crollo dell'ADHD. Ci siamo sentiti intrappolati in un ciclo infinito di frustrazione.

Il medico di nostro figlio ha suggerito la terapia occupazionale. Eravamo tutti per dargli un vortice, fino a quando la nostra compagnia di assicurazioni ha rifiutato la copertura. C'erano opzioni di farmaci, ma il nostro medico sentiva che non era ancora il momento di provarle. La maggior parte dei farmaci per l'ADHD ha due principali effetti collaterali: diminuzione dell'appetito e disturbi del sonno. Entrambi suonavano brutali. Eravamo in una stagione di attesa.

Quando abbiamo iniziato a fare ricerche sull'ADHD e su come potevamo aiutare nostro figlio, abbiamo ricevuto molti consigli non richiesti e fuorvianti. Basta dare una bella sculacciata a nostro figlio, dicevano molti. Alcuni genitori dalla mentalità naturale hanno suggerito che l'olio di CBD, la caffeina, la cura chiropratica e una dieta priva di glutine potrebbero sostituire i farmaci per l'ADHD. Diversi ambasciatori del MLM hanno tentato di venderci la loro cura giurata: oli essenziali.

Non volevo semplicemente migliorare le lotte per l'ADHD di mio figlio. Volevo assicurarmi che potessimo creare e sostenere una relazione genitore-figlio sana e fiduciosa. In quel momento, eravamo lontani da quello. Come genitori, sentivamo che tutto era fuori dal nostro controllo e che tutta la nostra famiglia stava soffrendo. Ci siamo resi conto che nostro figlio non poteva fare a meno di avere l'ADHD e non stavamo incolpando loro o noi stessi. Cosa è stato più sconvolgente? Dovevamo essere gli adulti e non avevamo idea di cosa fare dopo. Come possiamo riportare la pace nella nostra famiglia e crescere un bambino fiducioso, forte e felice?

Più ho ricercato, ignorando tutti i cattivi consigli, ho iniziato ad arrivare alla risposta che desideravamo. C'era qualcosa all'interno del nostro controllo dei genitori: come abbiamo risposto a nostro figlio. La realtà è che l'ADHD non sta andando via. Pertanto, dovevamo smettere di accettare i rifiuti del bambino, come mettersi le scarpe o prendere la sua stanza, personalmente. Prendere a cuore le lotte stava solo ostacolando il nostro successo. Era tempo di indurirsi e ammorbidirsi contemporaneamente, ma in modi a cui non eravamo abituati.

come smettere di essere un eremita?

La prima volta che abbiamo scavato nella genitorialità connettiva, ero scettico. Ad essere onesti, l'idea di abbandonare grafici delle ricompense , time-out, minacce e radicamenti dalla tecnologia mi sembravano hippie. In che modo nel mondo avrebbe aiutato un time-in, dove siamo stati dal bambino fino a quando non sono stati regolati? La genitorialità connettiva enfatizza la ricerca del perché dietro il comportamento piuttosto che semplicemente reagire al comportamento. Dovevo diventare un detective, un investigatore empatico, invece di essere semplicemente un reattore.

Ci sono molti vantaggi nella genitorialità connettiva, uno dei quali è che non ci sono più punizioni ritardate. Questo non significa che non ci siano conseguenze naturali. Invece di portare via il tablet di mio figlio per tre giorni come punizione per aver lanciato e rotto un giocattolo, la conseguenza naturale è che il giocattolo si rompe. Lavoriamo anche per essere proattivi, identificando i sentimenti prima che arrivino al temuto punto di non ritorno e affiancando nostro figlio per risolvere i problemi.

giochi per adolescenti da fare a una festa

Comprendere l'importanza della genitorialità connettiva mi ha anche aiutato ad avere molta più empatia per mio figlio. Molti amici di bambini con ADHD, così come professionisti, mi hanno detto che i bambini che faticano a concentrarsi e sono eccessivamente attivi devono lavorare molto più duramente per rimanere regolati emotivamente e fisicamente rispetto a un bambino in via di sviluppo normale. In sostanza, l vivere con l'ADHD è incredibilmente difficile ed estenuante . I bambini con ADHD spesso si sentono cattivi, perché gli adulti e i coetanei spesso reagiscono in modo così negativo ai comportamenti che il bambino non può aiutare.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Rachel Garlinghouse (@whitesugarbrownsugar)

Sculacciare un bambino con ADHD non farà altro che aumentare la sua rabbia già al limite. Inoltre, non ha senso scacciare un bambino arrabbiato dalla rabbia dei genitori. La rabbia più la rabbia è uguale a più rabbia. Le punizioni ritardate aumentano solo la spinta del bambino a perseverare, cioè a fissarsi su un singolo argomento o oggetto. Urlare crea un'atmosfera più instabile, rendendo il bambino già sovraccaricato di sensi ancora di più. I metodi genitoriali della vecchia scuola semplicemente non funzionano.

La genitorialità connettiva non è una cura o una soluzione magica per l'ADHD o qualsiasi altra esigenza speciale. Tuttavia, la genitorialità connettiva è un modo per creare una certa coerenza e prevedibilità che altrimenti non esisterebbero. Sì, abbiamo ancora giorni difficili. La differenza è che ora siamo una squadra invece che avversari.