La nuova docuserie 'Cheer' mostra il lato pericoloso dell'allegria competitiva

Divertimento
cheer-show-1

Netflix



Il mio compagno è tornato a casa dal lavoro entusiasta di accendere la televisione per me dopo essersi imbattuto in una docuserie che sapeva che mi sarebbe piaciuto. Ero scettico sul suo giudizio, ma poi ho visto le parole sullo schermo e ho pensato tra me e me, hmmm, forse mi ascolta.

Con 40 delle migliori cheerleader della nazione e un allenatore che farebbe alzare in piedi chiunque la sorpassa, la nuova serie di Netflix Cheer ti lascerà sicuramente con gli allegria sulle braccia e l'adrenalina che non smetterà di pompare.





potrei slogarmi la caviglia quando salgo le scale ora, ma nella mia adolescenza, ero in diverse squadre di tifo competitivo. Anche se mi allenavo sette giorni su sette, a volte partecipando a tre diversi allenamenti per più squadre al giorno, non mancava mai che qualcuno mi dicesse che il cheerleading non è uno sport.



Quando le cheerleader nacquero per la prima volta negli anni '60, il abilità più avanzata fatto è stato un breve e breve salto in aria mentre i pompon venivano agitati. Ora, le cheerleader stanno lanciando altre persone in aria mentre calciano, girano e girano prima di prenderle in una culla.

Come visto in Cheer , nella piccola città di Corsicana, in Texas, non c'è dubbio che Navarro Cheer abbia ridefinito lo stereotipo quotidiano delle cheerleader. Con i loro pieni e il loro cesto pieno, Netflix ha dato a queste cheerleader una piattaforma per dimostrare che c'è di più nello sport del tifo che stare sul bordo di una pista con gonne succinte mentre urlavano, squadra Goooo!

Nello specifico nel tifo competitivo, le ore sono lunghe, le pratiche sono intense e la competizione è brutale . Se la routine di una squadra non viene perfezionata nei due minuti e 15 secondi concessi durante una competizione, puoi dimenticare di vincere proprio quello per cui ti sei allenato un anno.

Ci vuole letteralmente sangue, sudore e lacrime. Infatti, secondo il Centro nazionale per la ricerca sugli infortuni sportivi catastrofici, le cheerleader collegiali hanno rappresentato il 70,5% di tutti gli infortuni catastrofici, mentre le cheerleader delle scuole superiori hanno raggiunto il 65,2%. Quando si considerano questi infortuni ad alto tasso, senza dubbio, le cheerleader sono in cima alla torta per essere uno degli sport più pericolosi.

quanti chugga prima di choo choo


Durante numerosi episodi in Saluti prima stagione, Navarro Cheer vede la sua giusta quota di infortuni nei suoi atleti, sia maschi che femmine. Per un drogato di allegria in pensione come me, questo ha colpito nel segno. Non riesco a contare il numero di infortuni che io (e altri) ho subito durante la mia partecipazione a questo sport. Ci sono stati danni permanenti e a lungo termine al mio corpo, tutto per amore di uno sport che è temporaneo .

Le persone vengono da tutto il mondo solo per avere la possibilità di competere sotto la guida del tifo di Navarro, Monica Aldama, molti di loro ricevono borse di studio complete all'università di due anni per averlo fatto. Per coloro che Aldama allena, diventa come una seconda mamma per loro. Deve essere dura con loro se vogliono vincere, ma d'altra parte, il suo pregiudizio nei confronti di alcuni membri della squadra è palesemente ovvio.

Non molto tempo dopo la serie, alcuni dei volantini (per chi non lo sapesse, queste sono le cheerleader lanciate in aria) si stanno pesando, affermando di essere nervosi per le pesate che fa Navarro Cheer - uno dei loro pesano meno di 100 libbre. Per quanto riguarda i maschi della squadra, è stato detto che ad Aldama piacciono i suoi grandi. Significa che preferisce che i suoi atleti maschi siano robusti e muscolosi in alto.

Questo. È. Non. Va bene , e gli spettatori sono d'accordo.

A dire il vero, mi ricorda perché mi sentivo in quel modo quando ero a cheerleader competitivo me stessa. Ero piccolo, ma mi sono sempre sentito insicuro riguardo al mio corpo perché non ero piccolo come il volantino che stavo lanciando per molti piedi in aria. Non sono mai stata pesata durante gli allenamenti e i miei allenatori non mi hanno mai fatto pressioni sul mio corpo, grazie a Dio, ma il mondo competitivo delle cheerleader sì, ed è tossico.

Le cheerleader che non si adattano al tipico tipo di corpo sono ancora super talentuose e perfettamente in grado di vincere il primo posto. Credimi, l'ho visto in prima persona. E vincere a parte, la partecipazione, lo sforzo e l'essere un buon compagno di squadra non contano qualcosa?

Aldama dice che i giudici in gara danno punti in base all'aspetto, e ad alcuni dei suoi atleti è stata data la possibilità di competere nella sua squadra di campionato perché si adattano al look.

Se non l'hai capito, questa serie Netflix mostra il buono, il brutto e il cattivo che deriva dall'allegria competitiva.

Con questa docuserie in onda, la mia speranza è che altri che non sono stati nel mondo del tifo possano diventare più illuminati su cosa significhi essere un membro di uno sport così faticoso. Spero che possiamo aprire la conversazione sui pro e i contro delle cheerleader competitive, elogiando dove è dovuto e correggendo le aree in cui è imperfetto.

Il cheerleader è uno sport, proprio come tutti gli altri, ed è un breve periodo nell'arco della propria vita. Ti guardi indietro e, certo, ti manca molto, ma ci sono così tante altre cose in questa vita per cui vale la pena vivere.

Cheerleaders: per favore capisci, non hai bisogno di sforzare il tuo corpo in ogni modo possibile tutto per il bene di uno sport.