Mai litigare non è segno di una relazione sana

Relazioni
Stati Uniti d

Immagini Tetra/Getty



Io e mia moglie vediamo qualcosa, diciamo qualcosa che si avvicina al nostro matrimonio. Quando uno di noi fa qualcosa, e l'altro se ne accorge e non è particolarmente d'accordo, diciamo qualcosa. Non importa dove siamo: a casa dei miei suoceri, con la mia famiglia, in pubblico o con gli amici. litighiamo. Non rende la nostra relazione debole o malsana o ci porta sulla corsia preferenziale per il divorzio. Il battibecco, per noi e per molte altre coppie, è segno di un rapporto sano. Mettiamo prima la comunicazione e poi lasciamo spazio per ulteriori chat in seguito. Mia moglie ed io litighiamo quasi ogni giorno; fa parte della nostra relazione e ci sta bene. Ci amiamo anche molto e dimostriamo questo affetto tutte le volte che litighiamo.

bambole per bambini di 4 anni

Considererei il mio tipo di litigi al limite. Mia moglie vuole sinceramente capire il mio punto di vista (mentre scava un po' più a fondo nei suoi pensieri/preoccupazioni/opinioni). E non importa di cosa stiamo litigando; potrebbe essere qualcosa di così piccolo come mia moglie che non mette i prodotti per capelli adeguati sui capelli di nostra figlia la mattina per la scuola. O che non ho messo via i vestiti della sera prima. O perché sono particolarmente esigente su come mi piace il frigorifero sistemato dopo la spesa.





O come la scorsa domenica, abbiamo litigato per una sedia... sì, una sedia. Abbiamo due figlie gemelle, L e A. L voleva la sedia che A aveva appena lasciato. Ho spiegato a L che poteva averlo. Mia moglie è intervenuta e ha detto: No, A sta tornando alla sua sedia e io ho risposto: Non sembra che tornerà indietro. Questo è andato avanti per bene, probabilmente due minuti... due minuti di troppo, lo so. Alla fine, né L né A hanno scelto di sedersi sulla sedia e essi non litigava affatto. I battibecchi cessarono e tornammo tutti alla nostra domenica normale. Ma questo è il tipo di litigi che facciamo. Non litighiamo, urliamo, urliamo o ci insultiamo l'un l'altro.

La chiave per una relazione sana è la comunicazione. E ci sono modi sani e malsani di comunicare. Il battibecco non è una forma di comunicazione malsana: a meno che i sentimenti non vengano feriti e vengano fatti insulti, allora il battibecco diventa un problema.C'è una differenza sostanziale tra un litigio innocuo e una discussione accesa. Se un argomento suscita forti emozioni, è meglio affrontarlo in privato e in un momento in cui nessuno è già agitato.

Le coppie che affermano di non litigare mai potrebbero non comunicare affatto. Se una coppia non litiga affatto, significa che uno di loro è troppo spaventato per parlare e quella coppia ha bisogno di trovare un buon terapeuta con cui lavorare. Tenere tutto dentro e non elaborare i problemi nella relazione non è salutare per entrambi i partner.

Per le relazioni prive di comunicazione, la terapia di coppia è un'ottima idea. È come una messa a punto per la tua relazione. Porti la tua auto per la manutenzione, vai dal dentista e programmi il tuo annuale con il tuo ginecologo, che sai sarà un'esperienza spiacevole. Potresti iniziare la terapia di coppia sentendoti incerto e a disagio, ma con il tempo ti faciliterai nel processo, proprio come quando è il momento di mettere le gambe sulle staffe dal ginecologo. Anche le coppie felici possono trarne beneficio; la terapia non dovrebbe essere riservata alle relazioni che sono sugli scogli.

La terapia consiste nell'abbassare la guardia, nell'aprirsi al dialogo onesto e nel cambiare attivamente il modo in cui interagisci con il tuo partner. Non significa mai litigare; significa comunicare in modo diverso. Mia moglie ed io siamo andati in terapia insieme e ci ha costretto a sederci e ad ascoltarci l'un l'altro in modi che prima non avevamo fatto. Abbiamo ancora litigato mentre eravamo seduti davanti al terapista. La sua risposta? C'è un tale amore lì - e aveva ragione. C'è. L'amore è il fondamento di ogni relazione e da quel fondamento tutto il resto cresce.

Quando litighiamo, dimostriamo ai nostri figli che non siamo d'accordo su qualcosa. E va bene che i nostri figli lo sappiano. Mostra loro che i loro genitori stanno comunicando, anche se si tratta di dove è posizionato il pouf sul tappeto del soggiorno o di come l'auto non dovrebbe essere parcheggiata sull'erba nel vialetto.Stiamo creando un ambiente sicuro in cui i nostri figli possano testimoniare il nostro disaccordo, ma stiamo anche facendo spazio l'uno per l'altro, come coppia, per esprimere i nostri sentimenti, allora e là.

la moglie fantastica su di me con un'altra donna


Nel un articolo per Psychology Today , Susan Heitler, Ph.D., dice che,Il matrimonio funziona meglio quando entrambi mirano a stare insieme, uniti contro i problemi, non messi l'uno contro l'altro. Miglior consiglio sul matrimonio: tutte le persone sposate hanno conflitti, ma conflitto significa che ci sono differenze che devono essere risolte, non discusse. Avere una discussione non è la fine del mondo; è necessario costruirsi l'un l'altro, comunicare in modi che vi insegnino gli uni degli altri, creare una comprensione più profonda di quali siano alcuni dei problemi coniugali e poi risolverli insieme.

Come genitori, insegniamo ai nostri figli a comunicare i loro bisogni, i loro desideri e le loro frustrazioni. Li aiutiamo in situazioni sociali difficili, giochiamo con loro e modelliamo i comportamenti che vogliamo che emulino. Siamo i migliori insegnanti dei nostri figli, e se li deludiamo in una delle lezioni più basilari - capire modi efficaci per comunicare, inclusa la risoluzione dei conflitti - avranno un difficile viaggio verso l'età adulta.

Le coppie che dicono di non litigare stanno insegnando ai loro figli che nessuno ha mai disaccordi o opinioni forti o ha bisogno di dimostrare qualcosa a qualcun altro. La parola argomento implica che qualcuno (se non entrambe le persone) si sente turbato o frustrato o triste o può avere molti altri sentimenti su un particolare disaccordo. Ma anche questi sentimenti vanno bene e dovrebbero essere espressi e discussi in modo sano, anche di fronte ai bambini.